Baggio : ” Non riesco a dimenticare quel giorno a Pasadena “

baggio
Baggio si dispera dopo il rigore sbagliato ai mondiali a Pasadena

l Divin Codino si racconta in una lunga intervista a Rai Sport: “C’è una sola cosa che mi rimprovero della mia carriera, quel giorno a Pasadena.

C’è una cosa sola che mi rimprovero, che non riesco a dimenticarmi: quel giorno a Pasadena“. Sono trascorsi quasi 28 anni dai Mondiali 1994, ma per Roberto Baggio è ancora vivo il ricordo della finale persa a Pasadena, negli Stati Uniti, contro il Brasile con un suo calcio di rigore sbagliato. Un momento rispolverato dal Divin Codino in un’intervista per i suoi 55 anni: “

Gli anni purtroppo si sentono e passano per tutti – racconta a Rai Sport -. Però bisogna avere lo spirito giusto per affrontarli. Mi sembra che il tempo stia correndo troppo veloce. Forse l’età, forse gli impegni, tutto sembra correre molto più veloce di una volta. Mi sorprende l’affetto della gente visto che sono tanti anni che ho smesso. È la cosa più bella e profonda che mi sia rimasta del calcio”.

“Invidio chi gioca ancora”

Dopo il ritiro nel 2004, Roberto Baggio si è allontanato dal mondo del calcio. Un rapporto mutato nel corso degli anni: “lo vivevo il calcio un’altra maniera – spiega l’ex attaccante – forse sono invidioso e geloso verso chi lo può ancora praticare e vivere e allora a volte mi allontano anche per questo. Perché vorrei poter tornare a vivere qui momenti in cui rincorrevo una palla”.

Baggio ha parlato anche della pandemia e di quanto la fede (pratica il buddismo da oltre 30 anni) lo abbia aiutato negli ultimi 24 mesi: “Credo che i giovani siano quelli che forse hanno sofferto di più. Per questo noi genitori abbiamo il dovere di stargli vicino a loro per darli i giusti stimoli per affrontare il futuro con speranza, perché ne hanno bisogno.

I nostri articoli su Roberto Baggio :

/ 5
Grazie per aver votato!
Views All Time
Views All Time
158
Views Today
Views Today
1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.