Category Archives: Fiorentina

Cagliari-Fiorentina 1-1 , Terracciano para il rigore a Joao Pedro .

cagliari fiorentina
Il pareggio della Fiorentina con Riccardo Sottil

Cagliari-Fiorentina finisce 1-1 : Terracciano deciso con il rigore parato a Joao Pedro. Milenkovic tiene su la difesa . ( fonte : La Nazione )

erzo pareggio stagionale della Fiorentina che impatta in Sardegna. Fiorentina-Cagliari finisce 1-1: gol di Joao Pedro e pareggio di Sottil. Due errori su rigore: nel primo tempo Biraghi, nella ripresa Joao Pedro. Per come si era messa la partita dopo l’espulsione di Odriozola, punto prezioso per la squadra di Italiano. I migliori in casa Fiorentina sono Terracciano e Sottil. Male Odriozola e Biraghi. Queste le pagelle di Cagliari-Fiorentina.

Le pagelle della partita

Terracciano decisivo con il rigore parato
Terracciano decisivo con il rigore parato

Cagliari, 24 gennaio 2022 – Terzo pareggio stagionale della Fiorentina che impatta in Sardegna. Fiorentina-Cagliari finisce 1-1: gol di Joao Pedro e pareggio di Sottil. Due errori su rigore: nel primo tempo Biraghi, nella ripresa Joao Pedro. Per come si era messa la partita dopo l’espulsione di Odriozola, punto prezioso per la squadra di Italiano. I migliori in casa Fiorentina sono Terracciano e Sottil. Male Odriozola e Biraghi. Queste le pagelle di Cagliari-Fiorentina.

Pagelle Fiorentina

Terracciano 7 Salvato dal palo nel primo tempo, incerto nell’uscita sul gol di Joao Pedro, riscatta tutto grazie al rigore parato all’attaccante brasiliano che tiene viva la Fiorentina e le consente di non perdere.

Odriozola 4,5 Inizia benissimo procurando il rigore che Biraghi si fa parare, poi però di buono non combina molto altro. Ripresa anonima, culminata la disattenzione in marcatura su Joao Pedro, il fallo di mano e l’espulsione. Passo indietro.

Milenkovic 6,5 Tosto e combattivo, è il migliore della retroguardia viola. Un paio di sbandate, ma se la difesa sta su gran parte del merito è sua.

Biraghi 4,5 L’errore dagli undici metri che poteva spianare la strada verso la vittoria incide sul voto di una prestazione di poca qualità e quantità.

Bonaventura 6 Spreca una buona occasione appena dopo l’avvio di gara. In una gara fisica e da corpo a corpo si difende come può. Prezioso per l’equilibrio tattico quando i viola rimangono in dieci.

Torreira 6 Pressato da Pereiro, emerge meno del solito in fase di palleggio, ma il suo contributo c’è sempre in quanto ad agonismo e dinamismo.

Castrovilli 5,5 Mancano gli inserimenti e la qualità del vecchio Castro. Si vede poco. Esce all’intervallo per un problema muscolare. Dal 1′ st Maleh 6 Chiamato a dare dinamismo e inserimenti, questa volta si sente meno in un contesto più da battaglia e sporco.

Gonzalez 6,5 Scattante e sgusciante, è indigesto alla difesa del Cagliari con dribbling e accelerazioni. Sulla finalizzazione e il tiro c’è da lavorare.

Pjatek 5,5 Un colpo di testa alto, un buon assista per Bonaventura, non molto altro in una giornata vissuta quasi sempre con le spalle alla porta. Esce dopo il rosso a Odriozola. Dal 23′ st Venuti 6 Entrata convincente. Si piazza a destra e regala sicurezza alla difesa.

Iscriviti alla nostre Newsletter

Cagliari-Fiorentina , senza Vlahovic , Saponara e Martinez Quarta .

Cagliari-Fiorentina
Dusan Vlahovic e Riccardo Saponara

Cagliari-Fiorentina , mister Italiano dovrà fare a meno di Dusan Vlahovic , Riccardo Saponara e Martinez Quarta . Tra i pali ci sarà Terracciano . ( fonte : Fiorentina.it )

Non ci saranno Vlahovic, Saponara e Martinez Quarta, tre titolari per la Fiorentina che oggi sarà impegnata a Cagliari. Vigilia ‘movimentata’ in casa viola, con mister Italiano chiamato a cambiare qualcosa soprattutto in attacco.

CONFERMA. In porta, invece, dovrebbe partire titolare ancora Terracciano: “Chi sta bene gioca, chi se lo merita gioca”, ha detto Italiano. Quindi avanti come col Genoa, con Dragowski verso la panchina. Anche in difesa si va verso la conferma del pacchetto che ha gestito molto bene i rossoblu, con Milenkovic-Igor centrali e Odriozola e Biraghi sulle fasce (3 gol in due per i terzini viola lunedì scorso).

A centrocampo iniziano i dubbi. Pochi, in realtà, per Bonaventura e Torreira, molti invece sulla terza maglia. Potrebbe spuntarla Duncan nei confronti di Maleh e Castrovilli, ma c’è grande incertezza.

Terracciano, Odriozola, Milenkovic, Igor, Biraghi, Bonaventura, Torreira, Duncan, Callejon, Piatek, Gonzalez.

Fiorentina-Genoa 6-0 , la doppietta di Biraghi su punizione .

biraghi
Il difensore della Fiorentina Cristiano Biraghi

Fiorentina-Genoa 6-0 , la doppietta di Biraghi su punizione . Dusan segna su pallonetto, ma la copertina è per la doppietta su punizione del laterale

La Fiorentina si abbatte sul Genoa travolgendolo con sei reti e rilanciandosi in zona europea, dando seguito al bel successo in Coppa Italia con il Napoli. Niente da fare per Konko e la sua squadra parsa impotente fin dai primi minuti contro una formazione in questo momento troppo più forte .

A parte un’invenzione di Portanova che sfiora il vantaggio da metà campo (palla alta), c’è solo la Fiorentina. Vlahovic sbaglia con un cucchiaio maldestro un rigore procurato da Saponara e non visto da Maresca (Chiffi al Var rimedia): reattivo Sirigu a parare da terra. Poco dopo però, l’incursione del serbo porta proprio Sirigu alla respinta sui piedi di Odriozola che segna il primo gol in viola .

 Il Genoa non ha la forza di reagire, la Fiorentina crea palle gol in continuazione. Maleh (rovesciata), Saponara e Vlahovic sfiorano un raddoppio che arriva al 35’ grazie al cross di Biraghi scaraventato in porta in due tempi da Bonaventura. Prima dell’intervallo una punizione gioiello di capitan Biraghi chiude virtualmente il match certificando un divario parso abissale.

Secondo Tempo :

Nella ripresa Vlahovic entra in campo per primo e chiede scusa al pubblico per il cucchiaio sbagliato. Prendendo applausi. Konko cambia tre uomini inserendo Melegoni, Bani ed Ekuban per Portanova, Calafiori e Sturaro. Il risultato è lo stesso ed a passare è ancora la Fiorentina proprio con Vlahovic che mette giù da campione un lancio di Bonaventura saltando poi Sirigu in pallonetto .

Gol pazzesco di un centravanti pazzesco. E settimo centro consecutivo in campionato al Franchi (come Gilardino nel 2008). Prima della fine altra perla su punizione di Biraghi ed assist di Ikonè per il gol di testa facile facile di Torreira, autore di una prestazione superba. La Fiorentina si è divertita ed ha divertito. Buio pesto invece per il Genoa. Per recuperare posizioni in classifica servirà molto altro.

Margiotta Nervi : ” Quello che dice Commisso è un offesa a Firenze “

Mrgiotta Nervi
Il patron della Fiorentina Rocco Commisso

Margiotta Nervi : “Quello che dice Commisso è un’offesa a Firenze che lo ha accolto, alla sua storia, alla squadra”

La risposta della Fondazione Nervi : “Orripilante. Siamo allibiti, sconcertati e indignati dalle parole di Commisso”.

 Furono loro ad organizzare la mobilitazione degli archistar contro l’abbattimento dello stadio quando Commisso evocava le ruspe.

RISPOSTA. “E’ la cosa più schifosa che sia stata inventata”, ha detto Commisso nell’intervista uscita ieri. “Certamente questa uscita la dice lunga sul personaggio di Commisso, che si conferma quel che è con questa esternazione. Troviamo grave che non ci sia stato alcun tipo di scusa, nè da parte di Commisso nè da parte della Fiorentina. Vediamo se ci sono gli estremi per una querela per la portata della frase incriminata e anche di tutto ciò che ha detto”, tuona Margiotta Nervi.

Mi meraviglio che la città non prenda posizione, quello che dice Commisso è un’offesa a Firenze che lo ha accolto, alla sua storia, alla squadra e ad un monumento riconosciuto dell’architettura moderna come lo stadio Franchi

Fiorentina : Errori di Quarta e Igor , ma è tutta la squadra a deludere .

italiano , Venezia-Fiorentina
L’allenatore della Fiorentina Vincenzo Italiano

Pesante sconfitta della Fiorentina contro il Torino , ci sono stati molti errori e poco voglia da parte di tutta la squadra .

Terracciano: 5,5. Non ha particolari colpe, ma prende quattro gol e non può certo arrivare alla sufficienza

Odriozola: 5. In avanti la bellissima giocata per Vlahovic a metà primo tempo resta un lampo pressoché isolato, in difesa fa crossare troppo facilmente Vojvoda sul vantaggio del Torino.

Milenkovic: 5. Soffre come i compagni le avanzate granata, anche se non commette errori marchiani come gli altri

Martinez Quarta: 4,5. Subito ammonito quando mette giù Singo che gli aveva preso il tempo in velocità, spazza male nell’azione del vantaggio del Toro

Biraghi: 5. Si vede poco in avanti, prova due tiri ma vengono rimpallati. Non posizionato bene sul gol di Singo, va a raddoppiare sull’uomo di Quarta invece di coprire la fascia.

Bonaventura: 5. Fa davvero tanta fatica, moltissimi errori e poche cose buone nella sua partita.

Torreira: 5,5. Mette qualcosa in più dei compagni nel primo tempo, nella ripresa però non alza i giri nella complessiva difficoltà della squadra.

Gonzalez: 5,5. Davanti è l’unico a provarci. Nel primo tempo martoriato di falli dagli avversari, impegna Gemello con un tiro-cross su cui comunque poteva far meglio. Nella ripresa un tiro che termina fuori non di molto, poi un colpo di testa interessante. Nel mezzo però fa arrabbiare Italiano per quella ‘trivela’ inutile dopo una buona giocata.

Italiano : ” Non mi spiego questa prestazione , ma dobbiamo ripartire “

italiano
Torino-Fiorentina

Le parole del tecnico della Fiorentina Vincenzo Italiano dopo la pesante sconfitta contro il Torino : ( fonte : Fiorentina.it )

Vincenzo Italiano a DAZN: “Non mi spiego questa prestazione. Non avevamo mai fatto vedere un qualcosa del genere dal punto di vista della voglia, dell’attenzione, soprattutto dal punto di vista degli approcci. Ci può stare nell’arco di un campionato una partita così. Ci fa tornare con i piedi per terra e mi auguro di vedere un’altra Fiorentina tra pochi giorni quando torneremo in campo“.

Non mi aspettavo una partita del genere da parte nostra, anche per come ci siamo allenati in questi giorni. Non riesco a spiegare il primo tempo fatto in questo modo. Rimbocchiamoci le maniche e ripartiamo. Mi auguro che sia solo un incidente. Non si può in Serie A affrontare partite così, perché così si perde“.

Torino-Fiorentina , dove e come vedere la partita di stasera .

Torino-Fiorentina
Torino-Fiorentina , lunedi 10 gennaio ore 17

 Torino-Fiorentina è una partita valevole per la 21a giornata del campionato di calcio di Serie A 2021-22.

Adesso parliamo del match tra Torino e Fiorentina. Torino-Fiorentina è una partita valevole per la 21a giornata del campionato di calcio di Serie A 2021-22. Il match vede di fronte il Torino che attualmente si trova al 13° posto in classifica con 25 punti e la Fiorentina che invece è al 6° posto in classifica con 32 punti.

Il Torino ha ottenuto finora 7 vittorie, 4 pareggi e 8 sconfitte, ha segnato complessivamente 23 gol e ne ha subiti 19. Il giocatore che ha segnato più gol è Tommaso Pobega con 4 reti.
La Fiorentina ha ottenuto finora 10 vittorie, 2 pareggi e 7 sconfitte, ha segnato complessivamente 34 gol e ne ha subiti 25. Il giocatore che ha segnato più gol è Dusan Vlahovic con 16 reti.

Torino-Fiorentina si gioca allo stadio Olimpico Grande Torino di Torino; arbitro di Torino – Fiorentina è il signor Livio Marinelli coadiuvato dagli assistenti Michele Lombardi e Christian Rossi. Al VAR ci sarà invece Lorenzo Maggioni. Nella stagione 2021/22 l’arbitro Livio Marinelli ha diretto 6 incontri concedendo 2 rigori; ha assegnato 27 cartellini gialli e nessun cartellino rosso.

Torino-Fiorentina è trasmessa in diretta da Dazn, a partire dalle ore 17:00 del giorno 10-01-2022. Per vedere la partita occorre prima di tutto sottoscrivere un contratto con Dazn. Poi basterà scaricare la app apposita o raggiungere il sito di Dazn.

Torino-Fiorentina , la probabile formazione di Italiano .

italiano , Venezia-Fiorentina
L’allenatore della Fiorentina Vincenzo Italiano

La probabile formazione di Italiano per la gara di stasera tra Torino-Fiorentina . ( fonte : Fiorentina.it )

La Fiorentina torna in campo per la prima volta nel 2022 e lo fa in casa del Torino. Italiano deve fare a meno di SottilSaponara e il neo arrivato Piatek, per il resto avrà tutto il gruppo a disposizione. Tra i pali, nonostante il rientro di Dragowski, dovrebbe esserci ancora Terracciano, in difesa Odriozola e Biraghi affiancheranno la coppia di difensori centrali titolare.

A centrocampo Duncan parte in vantaggio su Castrovilli e Maleh, con Torreira e Bonaventura inamovibili. Qualche dubbio sugli esterni d’attacco: c’è molta curiosità attorno a Ikoné, ma per il momento dovrebbe partire dalla panchina. Al suo posto Callejon, insieme a Gonzalez e Vlahovic certi di una maglia.

FIORENTINA (4-3-3): Terracciano; Odriozola, Milenkovic, Martinez Quarta, Biraghi; Bonaventura, Torreira, Duncan; Callejon, Vlahovic, Gonzalez. All: Italiano.

Piatek è il nuovo giocatore viola , sarà lui il vice Vlaovic .

Piatek
Piatek il nuovo giocatore della Fiorentina

Piatek , l ‘attaccante polacco è di fatto un nuovo giocatore della Fiorentina. Sarà lui il vice Vlahovic nella seconda metà del campionato . ( fonte : Fiorentina.it )

Trattativa lampo, che la Fiorentina in questi minuti sta concludendo. Krzysztof Piatek è il calciatore che completerà l’attacco viola: arriva dall’Hertha Berlino. Seguito tanto, da Daniele Pradè, anche per la scorsa stagione. Oggi si compie il lungo inseguimento, un po’ come successe con Torreira pochi mesi fa .

Piatek sarà il vice Vlahovic, l’attaccante che chiedeva Vincenzo Italiano. La formula dell’operazione è chiara: prestito con diritto di riscatto fissato a 15 milioni di euro. Il blitz di Pradè ha letteralmente bruciato il Genoa, che era interessato fortemente al polacco ed ha fatto di tutto per convincerlo. Domani l’attaccante sarà a Firenze per sostenere le visite mediche, riporta Gianluca Di Marzio.

Amrabat sta per lasciare la Fiorentina. A Firenze non ha mai convinto

amrabat

Il marocchino Amrabat sta per lasciare la Fiorentina . A Firenze non ha mai convinto , per lui sta per finire la sua avventura in maglia viola .

 Amrabat questo è stato in maglia viola. Arrivato per volontà di Rocco Commisso aveva convinto tutti con un campionato pazzesco a Verona alla corte di Juric. Aveva scelto Firenze convinto di poter riabbracciare lo stesso tecnico anche al Franchi e invece così non è stato.

Si è ritrovato Iachini, Prandelli, di nuovi Iachini e poi Italiano. Tutti tecnici con cui non ha brillato e con cui ha avuto sempre meno spazio. A Firenze Amrabat non ha mai convinto, neanche quando giocava con una certa continuità. Adesso per lui è tempo di partire, intanto per la Coppa d’Africa. Ma il ritorno potrebbe non essere a Firenze.

Buon Natale a tutti i tifosi viola da La Fiorentina e Basta .

Buon Natale

La Fiorentina e Basta augura un Buon Natale a tutti i tifosi della Fiorentina .

Buon Natale da parte nostra .

  • Pradè : ” Vlahovic ? Non possiamo perderlo a parametro zero “
    pradè
    Il direttore sportivo Daniele Pradè

    Il direttore sportivo della Fiorentina Daniele Pradè ha parlato del giocatore viola Dusan Vlahovic :

    Abbiamo ricevuto offerte importanti a gennaio. Le abbiamo valutate e sono state offerte molto sostanziose ma non abbiamo mai avuto riscontri dall’agente del giocatore. Da parte nostra c’è sempre stata grande trasparenza. Tutte le nostre porte sono aperte. Vogliamo capire quello che vogliono gli agenti e il giocatore. 

    Siamo aperti anche a rimetterci seduti visto che abbiamo fatto proposte importanti di rinnovo. Abbiamo offerte per poterlo vendere. Una società come la Fiorentina che fattura 75 milioni all’anno non può permettersi di perdere Vlahovic a parametro zero. Dobbiamo capire bene cosa vogliono. Le nostre porte sono aperte a tutto“.

  • Vlahovic pronto a salutare la Fiorentina , accordo con la Juventus .
    Vlahovic
    Dusan Vlahovic

    Dusan Vlahovic , accordo in dirittura d’arrivo fra la Fiorentina e la Juventus . un’affare da oltre 60 milioni di euro più bonus. ( fonte : La Nazione )

    Dusan Vlahovic è pronto a salutare la Fiorentina. Accordo in dirittura d’arrivo fra il club di Rocco Commisso e la Juventus. L’intervista rilasciata in serata da Daniele Pradè a Sportitalia aveva di fatto segnato un’accelerata sul sentiero dell’addio a Firenze dell’attaccante serbo: “Siamo pronti a cedere Vlahovic già a gennaio. Le porte sono aperte” aveva dichiarato il direttore sportivo viola. 

    Al calciatore un contratto quinquennale da 7 milioni netti. Sono attese novità e possibili incontri già nella giornata di oggi, al massimo mercoledì. Sulla scena ora è atteso l’arrivo del manager di Vlahovic, Ristic, rimasto in silenzio con tutti nelle ultime settimane e ora pronto a sbloccare definitivamente un affare con la Juventus che, guardandolo dalla sponda Vlahovic, a questo punto era ormai stato pianificato da settimane, se non da mesi.

  • Cagliari-Fiorentina 1-1 , Terracciano para il rigore a Joao Pedro .
    cagliari fiorentina
    Il pareggio della Fiorentina con Riccardo Sottil

    Cagliari-Fiorentina finisce 1-1 : Terracciano deciso con il rigore parato a Joao Pedro. Milenkovic tiene su la difesa . ( fonte : La Nazione )

    erzo pareggio stagionale della Fiorentina che impatta in Sardegna. Fiorentina-Cagliari finisce 1-1: gol di Joao Pedro e pareggio di Sottil. Due errori su rigore: nel primo tempo Biraghi, nella ripresa Joao Pedro. Per come si era messa la partita dopo l’espulsione di Odriozola, punto prezioso per la squadra di Italiano. I migliori in casa Fiorentina sono Terracciano e Sottil. Male Odriozola e Biraghi. Queste le pagelle di Cagliari-Fiorentina.

    Le pagelle della partita

    Terracciano decisivo con il rigore parato
    Terracciano decisivo con il rigore parato

    Cagliari, 24 gennaio 2022 – Terzo pareggio stagionale della Fiorentina che impatta in Sardegna. Fiorentina-Cagliari finisce 1-1: gol di Joao Pedro e pareggio di Sottil. Due errori su rigore: nel primo tempo Biraghi, nella ripresa Joao Pedro. Per come si era messa la partita dopo l’espulsione di Odriozola, punto prezioso per la squadra di Italiano. I migliori in casa Fiorentina sono Terracciano e Sottil. Male Odriozola e Biraghi. Queste le pagelle di Cagliari-Fiorentina.

    Pagelle Fiorentina

    Terracciano 7 Salvato dal palo nel primo tempo, incerto nell’uscita sul gol di Joao Pedro, riscatta tutto grazie al rigore parato all’attaccante brasiliano che tiene viva la Fiorentina e le consente di non perdere.

    Odriozola 4,5 Inizia benissimo procurando il rigore che Biraghi si fa parare, poi però di buono non combina molto altro. Ripresa anonima, culminata la disattenzione in marcatura su Joao Pedro, il fallo di mano e l’espulsione. Passo indietro.

    Milenkovic 6,5 Tosto e combattivo, è il migliore della retroguardia viola. Un paio di sbandate, ma se la difesa sta su gran parte del merito è sua.

    Biraghi 4,5 L’errore dagli undici metri che poteva spianare la strada verso la vittoria incide sul voto di una prestazione di poca qualità e quantità.

    Bonaventura 6 Spreca una buona occasione appena dopo l’avvio di gara. In una gara fisica e da corpo a corpo si difende come può. Prezioso per l’equilibrio tattico quando i viola rimangono in dieci.

    Torreira 6 Pressato da Pereiro, emerge meno del solito in fase di palleggio, ma il suo contributo c’è sempre in quanto ad agonismo e dinamismo.

    Castrovilli 5,5 Mancano gli inserimenti e la qualità del vecchio Castro. Si vede poco. Esce all’intervallo per un problema muscolare. Dal 1′ st Maleh 6 Chiamato a dare dinamismo e inserimenti, questa volta si sente meno in un contesto più da battaglia e sporco.

    Gonzalez 6,5 Scattante e sgusciante, è indigesto alla difesa del Cagliari con dribbling e accelerazioni. Sulla finalizzazione e il tiro c’è da lavorare.

    Pjatek 5,5 Un colpo di testa alto, un buon assista per Bonaventura, non molto altro in una giornata vissuta quasi sempre con le spalle alla porta. Esce dopo il rosso a Odriozola. Dal 23′ st Venuti 6 Entrata convincente. Si piazza a destra e regala sicurezza alla difesa.

    Iscriviti alla nostre Newsletter

  • Baggio per Agazio : ” Hai un cuore grande , supererai questo dolore “
    roberto baggio
    Roberto Baggio ospite a C’è posta per te

    L’ultima sorpresa della puntata di sabato 22 gennaio di C’è posta per te è per Agazio, voluta da sua figlia Rosy che ha chiesto intervenisse in trasmissione Roberto Baggio.

    La puntata di C’è posta per te di sabato 22 gennaio vede tra i suoi protagonisti uno dei grandi campioni del calcio italiano, ovvero Roberto Baggio, che è stato “la sorpresa” di una delle storie più toccanti della serata. Maria De Filippi racconta la storia di Rosy e di suo padre Agazio .

    un uomo che ha dato la sua vita per accudire sua moglie, Anna, scomparsa dopo anni e anni di sofferenza dovuta alla sclerosi multipla. Il desiderio della donna, rivoltasi alla trasmissione di Canale 5, è quello di vedere suo padre nuovamente in grado di vivere e occuparsi pienamente di se stesso, nonostante l’assenza dell’unica donna che abbia mai amato nella sua vita.

    La Figlia :

    Sei sempre stato un padre premuroso e amorevole con noi. Il tuo amore per mamma è andato oltre, era una vera e propria venerazione. È difficile andare avanti, per noi, per me, per la tua famiglia, per le persone che ti vogliono bene, a lo devi fare soprattutto per te stesso. Devi sforzarti per tuo nipote, per me anche se sono una donna resterò sempre una bambina, per Checco che vive del tuo esempio di padre forte, dopo 40 anni a seguire i sogni dei tuoi figli, volevi tua moglie accanto, ma devi accettare di riempire il tuo vuoto. 

    Le parole di Roberto Baggio ad Agazio :

    È un piacere enorme per me. Devo dire che è emozionante e complimenti perché siete un esempio, a tutti. Dobbiamo guardare avanti hai due figli meravigliosi che ti vogliono bene, il tempo ti aiuterà, sono sicuro che ne verrai fuori alla grande perché hai questo, il cuore. In una serata di festa così ci devono essere dei regali. So che hai la passione per la cucina, quindi questo lo metterai quando cucinerai per i tuoi figli.

    Dovrai comunicare, quindi quello vecchio lo buttiamo via (riferendosi al cellulare ndr) e poi questa è una cui tengo, fatta con il mio manager è una mia maglia autografata, perché sei una di quelle persone che fanno del bene in silenzio.

    I nostri articoli su Roberto Baggio :

  • Cagliari-Fiorentina , senza Vlahovic , Saponara e Martinez Quarta .
    Cagliari-Fiorentina
    Dusan Vlahovic e Riccardo Saponara

    Cagliari-Fiorentina , mister Italiano dovrà fare a meno di Dusan Vlahovic , Riccardo Saponara e Martinez Quarta . Tra i pali ci sarà Terracciano . ( fonte : Fiorentina.it )

    Non ci saranno Vlahovic, Saponara e Martinez Quarta, tre titolari per la Fiorentina che oggi sarà impegnata a Cagliari. Vigilia ‘movimentata’ in casa viola, con mister Italiano chiamato a cambiare qualcosa soprattutto in attacco.

    CONFERMA. In porta, invece, dovrebbe partire titolare ancora Terracciano: “Chi sta bene gioca, chi se lo merita gioca”, ha detto Italiano. Quindi avanti come col Genoa, con Dragowski verso la panchina. Anche in difesa si va verso la conferma del pacchetto che ha gestito molto bene i rossoblu, con Milenkovic-Igor centrali e Odriozola e Biraghi sulle fasce (3 gol in due per i terzini viola lunedì scorso).

    A centrocampo iniziano i dubbi. Pochi, in realtà, per Bonaventura e Torreira, molti invece sulla terza maglia. Potrebbe spuntarla Duncan nei confronti di Maleh e Castrovilli, ma c’è grande incertezza.

    Terracciano, Odriozola, Milenkovic, Igor, Biraghi, Bonaventura, Torreira, Duncan, Callejon, Piatek, Gonzalez.

La Fiorentina fa fatica a Verona , ma porta a casa un punto .

Fiorentina
Gaetano Castrovilli

La Fiorentina pareggia al Bentogodi contro il Verona grazie al gol di Gaetano Castrovilli .

Il pareggio della Fiorentina conro il Verona : Le pagelle di Fiorentina.it

Terracciano: 5. Salvato dal palo sul tiro-cross di Faraoni al 13′, non bene invece sull’1-0 di Lasagna: calcola male la traiettoria e resta a metà strada. Da rivedere anche la respinta finale su Hongla sui piedi di Simeone.

Venuti: 5,5. Lazovic gli crea più di qualche problema da quella parte, si propone anche poco in avanti.

(dal 69′ Odriozola: 6. Dà un po’ più spinta sulla destra)

Milenkovic: 6. Due grandi chiusure nei primi minuti dell’incontro, fa sentire il fisico in difesa e in fase offensiva.

Igor: 5. Indeciso sul gol di Lasagna, tiene in gioco l’avversario e non lo segue poi sul taglio. Scivola al 33′ e per poco non regala il gol a Simeone. Anche altre sbavature nella sua prova.

Terzic: 6. Parte con grandi difficoltà in avvio, poi prende coraggio e un po’ migliora alla distanza. Suo il cross che vale l’assist per il pareggio di Castrovilli.

Bonaventura: 6. E’ tra i più propositivi del primo tempo, anche se stavolta è più impreciso del solito. Ha un’occasione quando sfrutta una scivolata dell’avversario, ma a pochi metri dalla porta viene murato da un difensore: poteva far meglio.

(dal 46′ Castrovilli: 7. Ritrova il gol dieci mesi dopo l’ultima volta, una rete pesante e meritata per come era entrato in campo. Si propone, tenta qualche giocata e sfiora la rete anche con un tiro deviato al 64′. Prima del tuffo di testa che vale il pareggio .

Torreira: 6. Non al livello delle ultime prove, anche perché nella fase centrale della partita gioca un po’ troppi palloni alla cieca in avanti. Ma nel complesso è tra i migliori in mezzo al campo.

Duncan: 5,5. Alterna buone cose ad errori, molto grave però il gol che si divora all’82’ e che poteva valere il vantaggio. Mezzo voto in meno per questo.

Gonzalez: 5. Parte a destra, poi si sposta a sinistra. Ma non trova praticamente mai la giocata giusta. Può fare certamente meglio.

Vlahovic: 6. Si batte nei corpo a corpo con gli avversari, ce la mette tutta anche se di palloni giocabili in area ne arrivano davvero pochi. Un tiro fuori nel primo tempo, diagonale a lato nella ripresa. I suoi compagni sono spesso lontani, la Fiorentina lo usa spesso come perno offensivo per creare qualcosa. Fa quel che può nella guerra continua con tutti i difensori del Verona.

All. Italiano: 5,5. Mezzo punto in più per il pareggio alla fine conquistato, ma quella del Bentegodi è forse la peggior Fiorentina della stagione. Grandi difficoltà nel creare gioco, tanti palloni buttati in avanti su Vlahovic senza riuscire ad accompagnare poi l’azione. È anche sfortunato perché perde Bonaventura e Saponara per infortunio, ma Castrovilli lo ripaga con il gol del pari da subentrato. Bene comunque il punto ottenuto in rimonta, ma la prestazione resta negativa.

Fiorentina-Salernitana 4-0 , i gol di Bonaventura , Vlahovic e Maleh

La Vittoria de viola nella gara casalinga tra Fiorentina-Salernitana . I gol di Bonaventura , la doppietta di Dusan Vlahovic e il gol di Maleh portano la squadra di Italiano al quinto posto in classifica .

Pagelle di La Fiorentina.it

Fiorentina vince 4-0 con la Salernitana e centra la terza vittoria di fila con un’altra goleada al Franchi. Torreira padrone del centrocampo, Dusan non si ferma più.

Terracciano: 6,5. Stavolta più impreciso del solito con i piedi, ma i suoi interventi risultano importanti perché arrivano in momenti cruciali del match. Parte con una buona uscita fuori area su Simy, con posizionamento giusto come chiede Italiano. Poi è bravo su Obi e nella ripresa si allunga sul tiro di Delli Carri. La cosa migliore la fa però su Simy, quando la Salernitana spinge per rientrare in gara: bravissimo a togliere la palla dall’angolino basso.

Odriozola: 6. Spinge tanto specialmente nel secondo tempo, in fase difensiva però rischia più volte su Ribery e non solo.

(dall’87’ Venuti: sv).

Milenkovic: 6. Primo tempo discreto, si prende subito un giallo e usa il fisico per sbrogliare qualche situazione delicata. Resta negli spogliatoi forse anche a causa dell’ammonizione ricevuta.

Martinez Quarta: 6,5. Alterna ottime cose a coperture non perfette, ma alla fine se la cava contro Simy e compagni. Graziato dall’ex Crotone sul gol annullato per fuorigioco.

Biraghi: 6,5. Si sgancia molto e sfrutta soprattutto i tagli di Gonzalez che gli lasciano spazio, a referto un buon cross per Vlahovic ma anche il movimento profondo in area che porta poi al gol di Bonaventura. In chiusura di primo tempo sfiora anche il gol ma non è fortunato nel tap-in. Nella ripresa si arrabbia con sé stesso per un paio di cross non perfetti, ma è prezioso a macinare chilometri su quella corsia. Anche se alla distanza Italiano lo richiama ad una maggiore copertura difensiva.

Vlahovic: 8. Un’altra doppietta per salire a 32 gol nell’anno solare e staccare momentaneamente Immobile nella classifica marcatori del campionato. Una furia nonostante quel duro colpo alla caviglia a fine primo tempo avesse tenuto in apprensione Italiano e il suo staff. Nel primo tempo un colpo di testa fuori e poche occasioni, ma nella ripresa si scatena prendendosi sulle spalle la squadra. Prima il 2-0 con un bel tiro da fuori, su cui comunque è chiara la complicità di Belec (bello anche il bacio verso i tifosi). Poi, dopo aver mandato in porta Gonzalez, si fa vedere ad aiutare la squadra a metà campo nei minuti in cui la Salernitana provava a riprendere la partita. La sua rete all’84’ chiude definitivamente il match, così come dal suo tiro nasce il poker di Maleh.

Bologna-Fiorentina 2-3 , la viola vola al quinto posto

Biraghi , fischi
Dusan Vlahovic e Cristiano Biraghi

Al Dall’Ara Maleh, Biraghi e Vlahovic firmano il tris. Per i rossoblù a segno Barrow e Hickey

Bologna-Fiorentina : Fiorentina nella lotta per un posto in Europa. Nel lunch match della 16.ma giornata di Serie A la squadra di Italiano batte 3-2 il Bologna sale al quinto posto. Al Dall’Ara nel primo tempo Barrow (42′) risponde a Maleh (33′), poi nella ripresa la Viola va sul 3-1 con una punizione di Biraghi (52′) e un rigore di Vlahovic (67′) e nel finale resiste al forcing rossoblù dopo la rete di Hickey (83′).

Fiorentina (4-3-3): Terracciano 6; Odriozola 6, Milenkovic 6, Martinez Quarta 6, Biraghi 7 (40′ st Terzic sv); Bonaventura 6,5, Torreira 6,5 (40′ st Amrabat sv), Maleh 6,5 (33′ st Duncan 6); Gonzalez 7,5 (33′ st Callejon 6), Vlahovic 6, Sottil 5,5 (40′ st Saponara sv).
A disp.: Rosati, Cerofolini, Pulgar, Venuti, Benassi, Kokorin, Igor. All.: Italiano 6,5
Arbitro: Irrati
Marcatori: 33′ Maleh (F), 42′ Barrow (B), 7′ Biraghi (F), 22′ st rig. Vlahovic (F), 38′ st Hickey (B)
Ammoniti: Dominguez, Theate, Soumaoro (B); Torreira, Milenkovic, Amrabat (F)

Fiorentina-Sampdoria 3-1 , le reti di Callejon , Vlahovic e Sottil .

Vlahovic , Fiorentina-Sampdoria
L’attaccante della Fiorentina Dusan Vlahovic

Finisce 3-1 Fiorentina-Sampdoria : Fermati i blucerchiati, reduci da due vittorie consecutive. Gabbiadini la sblocca, ma i viola giocano meglio e rimontano . ( Fonte : La Gazzetta .it )

 Tre a uno a una Sampdoria improvvisamente (e inspiegabilmente) dimessa, incapace di capitalizzare l’iniziale vantaggio di Gabbiadini, e poi ribaltata dai tre acuti viola di Callejon, Vlahovic (dodicesimo centro in campionato: solo Lewandowski nel 2021 ha segnato più di lui) e Sottil. Pratica già chiusa prima dell’intervallo. D’Aversa e la Samp andavano in cerca della terza vittoria di fila, dopo i successi contro Salernitana e Verona, ma ha dovuto fare i conti con la forza, la qualità e la voglia di riscatto della Fiorentina dopo l’inatteso stop di Empoli.

Nei viola c’è Martinez Quarta titolare in difesa, con Vlahovic al centro del tridente offensivo, che vede Callejon e Sottil sugli esterni. I blucerchiati, con Ferrari e Colley coppia centrale difensiva, puntano su Gabbiadini e Caputo in attacco. 

La gara

L’avvio è dei padroni di casa con una punizione di Biraghi (4’) fuori misura di poco e una conclusione forte ma centrale di Vlahovic: Audero blocca a terra. Gli ospiti, però, non stanno a guardare. Al 10’ la Sampdoria colpisce e va in vantaggio: sul cross dalla destra di Candreva (di sinistro…), Gabbiadini (15’) di testa anticipa Igor e Martinez Quarta, firmando il suo primo gol stagionale di un campionato sin qui poco fortunato. Il gol dello zero a uno dà la scossa ai viola, che otto minuti dopo, dopo avere aumentato l’intensità della manovra, pareggiano: cross dalla sinistra di Sottil e Callejon sul secondo palo brucia Murru e va a segno. Uno a uno e partita riaperta. Ritmi alti, la squadra di Italiano è sempre più padrona del gioco. Al 32’, la dodicesima perla in campionato di Vlahovic porta in vantaggio la Fiorentina: cross dalla destra di Bonaventura, con Colley scavalcato dal pallone e il tocco perfetto di controbalzo dell’attaccante serbo beffa Audero. Bereszynski (39’) arriva sulla destra e scarica una conclusione fuori misura. Tutto inutile: la Samp va a fiammate, ma la squadra di Italiano schiaccia e spinge forte. Così, al 45’, arriva il tre a uno che di fatto manda k.o.i blucerchiati. Una combinazione Biraghi-

Secondo Tempo

Blucerchiati al tappeto, e l’inizio della ripresa non regala cambi di passo alla squadra di D’Aversa. Perché la Fiorentina è all’apparenza più guardinga, ma in realtà è sempre pronta a sfruttare la profondità verticalizzando il gioco sugli esterni. I blucerchiati cercano una svolta e allora provano la doppia carta offensiva Quagliarella-Ciervo (fuori Caputo e Verre), con Augello al posto di uno spento Murru. La squadra di Italiano però resta attenta, gioca una gara intelligente, non si abbassa e, soprattutto, dà pochi riferimenti a un avversario che dalla mediana in su fatica maledettamente e ritrova quei limiti che l’avevano frenato prima della vittoria scaccia crisi di Salerno.

Greta Beccaglia , le scuse di Commisso : ” Non dormo da tre giorni “

rocco commisso , greta beccaglia
Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso

La Beccaglia si confessa a RadioRai e racconta il suo momento. L’altro accusato di violenza sessuale è un 48enne di Reggello, subito punito col Daspo di due anni

C’è un secondo indagato per violenza sessuale nei confronti di Greta Beccaglia, la giornalista palpeggiata sabato scorso all’esterno dello stadio Castellani di Empoli, mentre era impegnata in una diretta per Toscana Tv, dopo la partita tra Empoli e Fiorentina.

Si tratta di un 48enne di Reggello e anche per lui sarebbe è già scattato un daspo di due anni. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, anche sulla base della denuncia della vittima, il 48enne le si sarebbe avvicinato dopo che la cronista aveva subito la molestia di Andrea Serrani (indagato e con un daspo di tre anni), e l’avrebbe volutamente urtata, cercando un contatto fisico. Il 48 enne sarebbe già stato iscritto nel registro degli indagati per l’ipotesi di reato di violenza sessuale.

Greta ha poi raccontato allo stadio Franchi il gesto del presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, poco prima dell’inizio di Fiorentina-Sampdoria: “Mi ha chiesto scusa a nome del tifoso, poi abbiamo parlato e fatto una foto. È stato molto carino e mi ha espresso tutta la sua solidarietà. Tornare allo stadio? Vorrei ricominciare subito a lavorare, per me l’obiettivo è tornare alla normalità e spero che quello che è successo possa cambiare qualcosa”.

Vantaggio viola a inizio ripresa , in tre minuti la vittoria dell’Empoli .

Viola
Empoli-Fiorentina 2-1

Black out viola nel finale, colpo Empoli con Bandinelli e Pinamonti . In vantaggio con Vlahovic a inizio ripresa, in tre minuti la clamorosa vittoria degli azzurri, che ribaltano il risultato all’89’ davanti a Commisso

Difficile trovare una logica a quanto successo a Empoli: la Fiorentina era in pieno controllo, in vantaggio di un gol e non dava la sensazione di soffrire. E invece, tra il 42’ e il 44’ della ripresa, c’è stato il ribaltone: prima il pareggio di Bandinelli, favorito da una brutta uscita di Terracciano, e poi il sorpasso di Pinamonti, generato anche da una serie di errori dei difensori viola. Così Andreazzoli festeggia la vittoria nel derby e Italiano si deve interrogare sull’ingenuità della sua squadra, che avrebbe potuto chiudere la partita e soprattutto avrebbe dovuto controllarla nel finale.

Fiorentina-Milan 4-3 , la prima sconfitta dei rosso-neri in campionato

fiorentina-milan
L’esultanza dopo il gol di Saponara

Finisce 4-3 la gara al Franchi tra Fiorentina-Milan , i gol di Duncan , Saponara e la doppietta di Vlahovic . Per il Milan è arrivata la prima sconfitta dopo 13 giornate di campionato

Impresa clamorosa della Fiorentina, che batte il Milan 4-3 e lo costringe alla prima sconfitta in campionato dopo tredici giornate. Cade quindi l’imbattibilita’ della squadra di Pioli sotto i colpi di Vlahovic (doppietta), Duncan e Saponara, che rendono inutile la doppietta di Ibrahimovic e l’autogol nel finale di di Venuti. Non e’ bastato il cuore e il carattere ai rossoneri, andati sotto addirittura di tre gol ma incapaci di completare la rimonta dopo la scossa data dallo svedese. Domani il Napoli avra’ la possibilita’ di tornare primo in solitaria, ma per farlo non dovra’ perdere il big match con l’Inter. Nel frattempo la squadra di Italiano continua a sognare l’Europa, raggiungendo Lazio e Juve a quota 21 punti.

Nel primo tempo

Sembrano partire meglio i rossoneri, che al 5′ troverebbero il vantaggio con Ibrahimovic, se non fosse per una posizione di fuorigioco dello stesso svedese. L’equilibrio pero’ lo rompono i viola al quarto d’ora, dopo tre corner consecutivi conquistati: Tatarusanu si lascia sfuggire una palla che sembrava ormai controllata, Gabbia non spazza via il pericolo e Duncan e’ lesto ad approfittarne mettendo dentro l’1-0. Il Milan pero’ reagisce e tra il 20′ e il 21′ porta due pericoli dalle parti di Terracciano, con Tonali e Leao che vengono respinti dal portiere locale. Il portoghese, in particolare, e’ il piu’ attivo dei suoi e ci prova un altro paio di volte senza fortuna, anche se la chance piu’ grande per il pareggio del Milan ce l’ha Ibra al 42′. Il gigante rossonero pero’ fallisce da due passi un colpo di testa su cross di Kjaer.

Nella ripresa

La Fiorentina si salva e prima del riposo raddoppia con una perla di Saponara, che piazza un destro a giro dove Tatarusanu non puo’ davvero arrivare, dando uno schiaffo morale importante alla squadra di Pioli. Ad inizio ripresa i rossoneri provano con carattere a rimettere in piedi la gara, ma al 60′ arriva addirittura il tris viola ad opera di Vlahovic, che sembra poter mettere in ghiaccio la partita. Ma cosi’ non e’, perche’ in cinque minuti l’intramontabile Ibrahimovic firma la sua doppietta personale che rimette clamorosamente in corsa il Milan. Nel finale, pero’, un’ingenuita’ di Theo Hernandez regala a Vlahovic (servito da Nico Gonzalez) la doppietta personale e il poker alla Fiorentina, che chiude i conti e festeggia una vittoria pesantissima. All’ultimo respiro e’ inutile lo sfortunato autogol di Venuti dopo la traversa colpita da Ibrahimovic.

La Fiorentina contro la capolista sarà quasi senza difesa .

Fiorentina

La Fiorentina affronterà la capolista quasi senza difesa. Fare risultato garantirebbe grande spinta emotiva . ( fonte : Fiorentina.it )

Non è una Fiorentina nel pieno delle forze quella che si appresta a veder rientrare tutti i suoi elementi in giro per il mondo. L’avvicinamento alla sfida col Milan lascia diverse incognite in difesa, iniziate con le squalifica di Martinez Quarta e Milenkovic (i centrali titolari) e proseguite con i problemi di Nastasic che lo rendono in forte dubbio. Se dovesse mancare anche lui, spazio a soluzioni ‘creative’ come la già provata Venuti difensore centrale al fianco di Igor, oppure l’esperimento Pulgar, anche se le condizioni fisiche del cileno sono ancora tutte da valutare. Unica buona nuova il ritorno ad allenarsi di Nicolas Gonzalez dopo la lunga quarantena forzata dal Covid-19, ma anche in questo caso è difficile sperare in meglio di una convocazione e di un utilizzo a gara in corso.

Il 15 novembre ci lasciava Paolo Valenti , grande giornalista e tifoso viola .

Paolo Valenti
Il giornalista Paolo Valenti

Il 15 novembre del 1990 ci lasciava il giornalista Paolo Valenti , un grande tifoso viola .

Paolo Valenti ha presentato la sua trasmissione finché le forze glielo hanno consentito. La sorte gli ha tolto, purtroppo, la gioia dell’ultima trasmissione.

Nando Martellini, gigantesco giornalista che accompagnò la Nazionale nelle vittorie più belle, volle ricordare il collega appena scomparso con l’ultimo omaggio riservato ad una icona della nostra storia sportiva. La rivelazione di un tifo rimasto enigma fino all’ultimo, simbolo di una correttezza giornalistica oggi quasi scomparsa.

uella trasmissione (90° Minuto) l’aveva creata lui, venti anni prima, insieme a Maurizio Barendson e Remo Pascucci. Un’idea innovativa, che consentiva a tutti di poter vedere i risultati ed i gol della giornata di Serie A subito dopo la fine degli incontri. Una rivoluzione televisiva e sociale, che si muoveva di pari passo con la crescita economica del Paese e con l’affermazione del campionato italiano in ambito mondiale. Gli anni della Lazio di Chinaglia, del Torino dei “gemelli del gol”, dello scudetto della stella del Milan, della Roma di Falcao e Liedholm, della grande Juventus di Platini, dell’incredibile Napoli di Mardona e del sontuoso Milan di Sacchi. Un ventennio raccontato con sapiente maestria e con pungente ironia da quel giornalista romano dai modi gentili, capace di entrare nel cuore degli italiani con la sua semplicità.

Se ne andrà il 15 Novembre del 1990 e, da quel giorno, 90° Minuto non sarà più lo stesso.

E’ morto Gianpiero Galeazzi , la figlia : ” Sta remando nel suo Tevere “

Gianpiero Galeazzi
Gianpiero Galeazzi con Giancarlo Antognoni

E’ morto Giampiero Galeazzi, il giornalista e volto tv aveva 75 anni | L’addio della figlia: “Sta remando nel suo Tevere”

E’ morto Giampiero Galeazzi. Il giornalista sportivo, volto televisivo Rai ed ex canottiere aveva 75 anni, compiuti il 18 maggio. Galeazzi combatteva da tempo contro una grave forma di diabete. Per anni ha prestato la sua voce alle telecronache di grandissime imprese sportive, soprattutto alle Olimpiadi.

L’ultima apparizione televisiva di Giampiero Galeazzi risale a tre anni fa a Domenica In. La sua voce profonda e inconfondibile rimarrà nelle orecchie e nella memoria di tutti gli italiani appassionati di sport.

La figlia Susanna Galeazzi :

Papa’ ora è felice, e’ in barca, sta remando sul suo Tevere.
Grazie a tutti,
davvero, dell’affetto, della vicinanza, del tanto amore.

Oltre lo sport – Oltre al giornalismo sportivo, Giampiero Galeazzi seguì per la Rai anche tutt’altra guisa di eventi. Il cronista seguì ad esempio lo storico incontro tra il presidente americano Ronald Reagan e il segretario del partito comunista dell’Urss Michail Gorbaciov. “Capitò tutto per caso – ha raccontato lo stesso Galeazzi -. Mi trovavo a Reykjavik per la cronaca sportiva dell’incontro di Coppa dei Campioni tra Valur e Juventus e nel giro di poco scoppiò la notizia che sarebbe avvenuto questo incontro importante. Così io mi organizzai feci i primi servizi d’approccio e andò bene. Per me che non avevo mai affrontato una realtà simile fu difficile, ma ricordo un gruppo eccezionale di giornalisti. Nemmeno per le Olimpiadi ne ho visti così tanti”.

Fiorentina interessata Julian Alvarez , attaccante del River Plate .

Fiorentina
L’attaccante del River Plate Julian Alvarez

La Fiorentina e la Juventus interessate sull’attaccante del River Plate Julian Alvarez .

Uno dei nomi più interessanti per le prossime sessioni di mercato è sicuramente quello di Julian Alvarez, attaccante del River Plate che ha attirato tantissime big europee grazie alle sue prestazioni. Il 21enne argentino, autore di 4 gol nell’ultima partita del River Plate contro il Patronato (finita 5-0), ha suscitato anche l’attenzione di Juventus e Fiorentina, secondo quanto riportato dal giornalista Hernán Castillo a “Halcones y Palomas”.

Juventus è interessata al giocatore come colpo in prospettiva e potrebbe dunque aspettare la sessione estiva per provare il colpo a parametro zero: l’argentino è infatti in scadenza a giugno 2022 e il River Plate non ha intenzione di trattare ed accetterà solo il pagamento della clausola da 25 milioni di euro

Chi invece potrebbe non aspettare è la Fiorentina, con Vlahovic già in partenza nella sessione invernale e il giovane argentino che potrebbe sostituirlo. Intanto Julian Alvarez incontrerà a breve la dirigenza del River Plate, con la quale discuterà un possibile rinnovo di contratto e un aumento della clausola.

Gazzetta dello Sport : ” Non c’era il rigore per i viola “

Gazzetta dello Sport
L’espulsione di Nikola Milenkovic

La Gazzetta dello Sport di stamani : L’arbitro Sozza allo Stadium ha preso le decisioni giuste in entrambi gli episodi più contestati .

La Gazzetta dello Sport : Iniziamo con il rigore reclamato dalla Fiorentina. Nel secondo minuto di recupero del primo tempo punizione di Biraghi e colpo di testa di Saponara. Il pallone va a impattare sul braccio di Danilo, ma il movimento del difensore juventino tende a chiudere il braccio verso il corpo (che resta sotto l’altezza della spalla) e non ad allargarlo aumentando la superficie. Juventus-Fiorentina 1-0 , Milenkovic compromette tutto .

Prima di fischiare la fine del primo tempo Sozza attende la review del Var Di Paolo che correttamente conferma la decisione: non è rigore.

Proteste viola anche sull’espulsione di Milenkovic che arriva per doppia ammonizione al 72’. Nessun dubbio sul primo cartellino che il difensore della Fiorentina riceve al 66’ per un duro intervento in scivolata in ritardo su McKennie che aveva già passato il pallone. Meno netto ma comunque corretto il secondo giallo per fallo su Chiesa: Milenkovic entra ancora in ritardo sullo juventino che lo aveva anticipato, il contatto c’è e il giallo ne è conseguenza logica. Giusto, infine l’annullamento per fuorigioco del gol di Morata all’81’.

Juventus-Fiorentina 1-0 , Milenkovic compromette tutto .

Finisce 1 a 0 la sfida tra Juventus-Fiorentina . Rosso al serbo Milenkovic che compromette la gara . Poi Cuadrado, con una deviazione di Biraghi, regala la vittoria ai bianconeri . ( Fonte : Fiorentina.it )

Terracciano: 6. Avvia subito dal basso una prima azione in verticale per Vlahovic, poi rischia al 2′ con un rinvio rimpallato da Morata. Condizionato dalla manata di de Ligt (per l’arbitro non era neanche fallo…), resta in campo e gestisce bene con i piedi e nelle uscite. 

Odriozola: 6,5. Crea la prima occasione viola sulla destra, poi regala un paio di brividi in fase difensiva con due indecisioni. Cresce alla distanza, e in fase offensiva è tra i migliori dei viola: molto bella la giocata per l’occasione di Saponara. 

Milenkovic: 4,5. Italiano lo aveva avvertito di stare attento perché ammonito, ma su Chiesa è ingenuo e si prende il secondo giallo che lo manda anzitempo negli spogliatoi. Peccato, aveva fatto una gran gara insieme ai compagni. Ma il suo rosso compromette partita e risultato.

Quarta: 7. Il migliore dei viola: grandi chiusure, personalità e alcuni cambi di campo da applausi. Non molla mai.

Biraghi: 5,5. Spinge con discreta continuità, buono il cross per il colpo di testa di Vlahovic a fine primo tempo e altri traversoni bassi. Nel finale, in inferiorità numerica, va più in difficoltà: si perde Chiesa che prende la traversa al 76′, poi Cuadrado sfonda dalla sua parte ed è sfortunato a deviare la palla che termina in rete.

Bonaventura: 6. Bello l’inserimento di testa in avvio, che porta alla parata di Perin. Poi contribuisce al possesso e alla gestione degli spazi, prova comunque sufficiente.

Torreira: 5,5. Parte benino, poi cala. Discreto dinamismo, sì, ma stavolta meno palleggio. La Fiorentina passa poco dai suoi piedi: anche Italiano non è troppo convinto della prova dell’uruguaiano e lo richiama in panchina.

(dal 64′ Amrabat: 5,5. Entra con altre caratteristiche rispetto a Torreira, ma fa fatica a gestire l’avanzata bianconera nel finale. Perde anche un paio di palloni sanguinosi).

Castrovilli: 6. Italiano gli chiede di inserirsi di più, bella la giocata a fine primo tempo ma resta un lampo quasi isolato. Non ‘strappa’ come nei tempi migliori, ma in mezzo al campo contribuisce al palleggio fino alla parità numerica.

Callejon: 6. Gioca forse il primo tempo migliore da quando è alla Fiorentina, con un tiro che termina fuori di poco e alcuni cross che mettono in difficoltà la difesa bianconera. Poi nella ripresa affonda meno, ma con Odriozola c’è buona intesa.

(dal 74′ Igor: 5,5. Anche lui non entra benissimo, rischia perdendo un pallone a metà campo sul pressing di Morata).

Vlahovic: 6. Lotta tutta la partita contro de Ligt e Rugani, nell’unica mezza occasione buona per poco non trova la porta di testa a fine primo tempo. Atteggiamento giusto, ma veramente poco servito in zona ‘calda’.

All. Italiano: 6. Peccato. Fiorentina di personalità allo Stadium, ma ancora una volta contro una (teorica) big arriva la sconfitta. Tanto possesso, partita bloccata ma il rosso a Milenkovic complica tutto. Un po’ di confusione in panchina anche dopo il rosso a Niccolini, mette dentro tutti i difensori a disposizione ma non basta per arginare l’assalto finale bianconero.

Fiorentina , per sostituire Vlahovic ecco tre nomi nuovi .

Vlahovic , Fiorentina
Il serbo della Fiorentina Dusan Vlahovic

La Fiorentina , dopo la decisione dell’attaccante serbo Dusan Vlahovic sta già lavorando per il mercato di gennaio .

Dopo il rifiuto di Vlahovic di rinnovare con la Fiorentina, la dirigenza viola per gennaio starebbe già lavorando per dare al suo tecnico Vincenzo Italiano, un nuovo attaccante. Nelle ultime ore, la Fiorentina avrebbe chiesto informazioni al River Plate per il giovane argentino classe 2000, Julian Alvarez.

La sua valutazione non è così alta, 20 milioni di euro, per via del suo contratto in scadenza tra un anno. Oltre a lui, i viola stanno seguendo anche Arthur Cabral del Basilea, che può lasciare il club svizzero già a gennaio con la squadra di Commisso che sembrerebbe in vantaggio sulle altre contendenti; il giocatore ha però una valutazione importante da circa 25 milioni di euro.

Sullo sfondo invece lo spagnolo Borja Mayoral, che con la Roma sta trovando poco spazio e per questo motivo potrebbe lasciare i giallorossi, a gennaio.

La Fiorentina domina la gara travolgendo il Cagliari per 3 a 0 .

Fiorentina
Dusan Vlahovic esulta dopo il gol

Una bellissima Fiorentina che vince al Franchi contro il Cagliari per 3 a 0 con il gol di Biraghi , Nico Gonzalez e Dusan Vlahovic

La Fiorentina stritola il Cagliari dominando la gara dall’inizio alla fine. Bellissima la Viola nel proporre gioco, creare occasioni, divertire. Troppo brutta invece la squadra di Mazzarri incapace fin dai primi minuti di opporre resistenza. Quando va così meglio pensare alla prossima. Italiano piazza Saponara, risultato poi il migliore in campo, al posto di Callejon con Gonzalez e Vlahovic a completare l’attacco. Qualche fischio per il serbo nel pre gara ma nessuno, come immaginato, durante la partita. Mazzarri sposta Nandez a sinistra confermando la coppia Keita-Joao Pedro davanti. Ma a prescindere dai singoli, è tutta la squadra a fallire.

Fischi e cori contro la squadra dopo la sconfitta contro il Venezia .

Biraghi , fischi
Dusan Vlahovic e Cristiano Biraghi

Fischi e cori contro la squadra dopo la sconfitta contro il Venezia . I giocatori sono andati sotto il curvino a salutare i tifosi: anche a causa del risultato il clima non era dei migliori . ( Fonte : Fiorentina.it )

Pochi applausi, tanti fischi e qualche coro nei confronti dei giocatori della Fiorentina che dopo la sconfitta contro il Venezia sono andati a salutare i tifosi. Come detto, con i giocatori sotto il settore ospiti c’è qualcuno che comunque ha applaudito, qualcuno che ha fischiato e qualcun altro che ha anche indirizzato cori nei confronti di Vlahovic. Cori come “gobbo di m….“.

Venezia-Fiorentina , i convocati di Italiano . Kokorin e Pulgar assenti .

italiano , Venezia-Fiorentina
L’allenatore della Fiorentina Vincenzo Italiano

I convocati della partita di stasera tra Venezia-Fiorentina . Assente Kokorin che resterà a Firenze .

La lista completa di Venezia-Fiorentina

1) AMRABAT Sofyan

2) BENASSI Marco

3) BIRAGHI Cristiano

4) BONAVENTURA Giacomo

5) CALLEJÓN BUENO Josè Maria

6) DOS SANTOS DE PAULO Igor Julio

7) DUNCAN Joseph Alfred

8) FOGLI Gabriele (P)

9) GONZALEZ Nicolas Ivan

10) MALEH Youssef

11) MARTINEZ QUARTA Lucas

12) MILENKOVIC Nikola

13) MUNTEANU Louis

14) NASTASIĆ Matija

15) ODRIOZOLA ARZALLUS Álvaro

16) PULGAR FARFAN Erick Antonio

17) ROSATI Antonio (P)

18) SAPONARA Riccardo

19) SOTTIL Riccardo

20) TERRACCIANO Pietro (P)

21) TERZIC Aleksa

22) TORREIRA DI PASCUA Lucas Sebastian

23) VENUTI Lorenzo

24) VLAHOVIC Dusan

Andrea Sottil : ” Sono molto contento per il rinnovo di Riccardo “

Sottil
Riccardo Sottil , calciatore della Fiorentina

Andrea Sottil , ex calciatore e padre di Riccardo : ” Sono molto contento per il rinnovo di Riccardo .

Andrea Sottil, ex calciatore viola attualmente allenatore dell’Ascoli e padre di Riccardo, ha parlato così ai microfoni di Radio Toscana del rinnovo di suo figlio con la Fiorentina“Sono molto contento per il rinnovo di mio figlio con la Fiorentina. Ha sempre manifestato l’interesse di rimanere qua, ormai questa è casa sua e ha sempre voluto dimostrare di essere all’altezza di far parte del progetto Fiorentina.

“Il mio percorso da allenatore? Ho fatto tanta gavetta, sto cercando di migliorarmi e qua ad Ascoli dove ho voglia di dimostrare che si può fare sempre meglio! Italiano? La cosa più importante è che abbia dato fin da subito una forte identità di gioco e soprattutto una mentalità.”

Vlahovic : La Juve sta pensando al serbo , ma occhio all’Inghilterra .

Vlahovic
Dusan Vlahovic

Anche il procuratore Silvio Pagliari ha voluto esprimere la sua opinione su Dusan Vlahovic ed il suo futuro. ( Fonte : Violanews )

Sicuramente la Juventus sta pensando a Vlahovic, è un giocatore degno del club. E per me c’è possibilità anche su Pogba: la SIgnora deve puntare a prendere qualche giocatore top in mezzo al campo per riportare la squadra al livello di qualche anno fa. La Juve è la Juve. Tchouameni? Giusto provarci, ma – stesso discorso che vale per Vlahovic – occhio al calcio inglese

Fiorentina con il caso Kokorin diventa una barzelletta in Russia .

Kokorin , fiorentina
Il giocatore della Fiorentina Sasha Kokorin

“La Fiorentina con il caso Kokorin è diventata una barzelletta in Russia, non so ancora come facciate a parlare ancora di lui . ( Fonte : Violanews )

Giorgio Kudinov, giornalista russo corrispondente per La Gazzetta dello Sport, ha parlato di Kokorin a Radio Bruno esprimendosi in termini molto duri.

 “La Fiorentina con il caso Kokorin è diventata una barzelletta in Russia, non so ancora come facciate a parlare ancora di lui. Chi lo ha consigliato ha preso per i fondelli sia la Fiorentina che i suoi tifosi. Calcisticamente parlando Kokorin è sparito dai tempi dello Spartak Mosca, è un ex giocatore, non riusciamo a capire come mai un club di Serie A come la Fiorentina abbia pensato di prenderlo”.

Kudinov prosegue: “In Russia è paragonato ai calciatori di calcio a 5 o 7 over 50, ogni volta che esce fuori il suo nome escono barzellette a non finire. Mi dispiace molto che si sia arrivati a questo, non vedo l’ora che questa commedia di Kokorin alla Fiorentina finisca perché getta un ombra su tutti calciatori russi. 

Iscriviti alle Newsletter

Mihajlovic : ” A Firenze mi fischiavano , per me era una soddisfazione “

Mihajlovic
I tecnico del Bolona Sinisa Mihajlovic

Il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic è tornato a parlare del suo periodo sulla panchina della Fiorentina ( fonte : Fiorentina.it )

Il tecnico del BolognaSinisa Mihajlovic, sul palco del Festival dello Sport di Trento, ha parlato della sua esperienza fiorentina, finita non propriamente bene: “Io mi sono divertito a Firenze, perché per me era bello. La cosa più brutta è l’indifferenza. Se mi applaudono mi fa piacere, se mi fischiano non è che mi dispiace. 

Là mi fischiavano tutti, era bello proprio. Lì erano i tifosi miei a dirmi zingaro di m***. Per me era una soddisfazione. Là ero proprio odiato da tutti, adesso no. Ne ho picchiati due, uno in tribuna, l’altro in città. Quando sei dentro il campo e ti insultano, ok. Quando sei vicino non puoi fare finta di niente”.

Sabatini : ” Il gol del pareggio del Napoli era da annulare “

Sabatini
Il serbo della Fiorentina Dusan Vlahovic

Il noto giornalista Sandro Sabatini ha commentato il gol che ha permesso alla squadra di Spalletti di pareggiare . ( Fonte : Fiorentina.it )

Non si placa la discussione sul gol del pareggio del Napoli firmato da Lozano dopo il doppio miracolo di Dragowski su Insigne. Il giornalista Sandro Sabatini ne ha parlato a Radio Sportiva: “E’ vero che prima di tutto Insigne colpisce il pallone di testa però poi è l’attaccante del Napoli a franare su Dragowski. Per questo il portiere della Fiorentina non ha poi avuto il tempo di intervenire sul tiro di Lozano. Quindi per me il pareggio del Napoli era da annullare“.

Spalletti ” La Fiorentina , un atteggiamento da grande squadra “

Spalletti La Fiorentina , un atteggiamento da grande squadra

La parole del tecnico del Napoli Luciano Spalletti in confernza stampa :

Queste alcune parole di Luciano Spalletti in conferenza stampa alla vigilia di Fiorentina-Napoli. Le parole sono riportate da TuttoNapoli.net.

Ho allenato qualche piazza importante, quando inizi non sai che indirizzo prendi, io ho una squadra che anche negli anni precedenti ha fatto bene, per dei periodi sì ed altri no magari, ma ha lavorato e sa il comportamento di una big, la Fiorentina bisogna considerare da dove viene e Italiano ha insegnato in poco tempo. La Fiorentina vedrete viene addosso forte, ti sfida, ha vinto 4 partite, tante fuori, gli ho visto fare un primo tempo contro l’Inter, dove ha perso, ma perfetto, da grande squadra”.

 “Tifosi fiorentini e napoletani possono insultarsi quanto vogliono, ma devono sapere che sono gemellati dalla passione per la loro squadra. Sono squadre tifate quasi al 100% dalla loro città, è il loro destino, nascono così, non dipende da loro. Cercare di indirizzare la passione verso qualcuno è uno spreco oltre che una cosa molto grave, la passione si combina solo con l’amore, per non disperdere energie per la loro squadra”.

Gotti : ” La gara è stata decisa da un rigore assurdo “

gotti
Il tecnico dell’Udinese Luca Gotti

L’allenatore dell’Udinese Luca Gotti, in sala stampa è tornato sull’episodio contestato del rigore concesso alla Fiorentina:

La gara viene decisa da un rigore. Di solito non vado mai a rivedere gli episodi e non ho pensieri negativi, ma questo episodio l’ho rivisto e trovo assurdo che si possa dare un rigore così, perché poi pensi a tutte le situazione mezze e mezze. Se questo è rigore quello su Pereyra contro il Napoli che cos’era?

Ma non do quello e neanche quello di oggi che poteva esserci su Deulofeu. Dico questo perché due anni fa abbiamo subito dieci rigori con zero a favore, quattordici rigori l’anno scorso ed è stato record. Spesso poi vengono a dirci che questi non sono penalty.

Gotti , il tecnico dell’Udinese : ” Mi aspetto una Fiorentina aggressiva “

gotti
Il tecnico dell’Udinese Luca Gotti

Il tecnico dell’Udinese Luca Gotti :  “La Fiorentina ha avuto due giorni in più per preparare la partita e questo mi fa anche riflettere su diverse rotazioni”

Alla vigilia di Udinese-Fiorentina, il tecnico bianconero Luca Gotti ha parlato così a Udinese Tv: “Reazione? Mi aspetto che ogni partita ci metta nelle condizioni di imparare dagli errori e dalle cose che non sono andate e che ci dia delle letture sempre migliori, senza intaccare la voglia di migliorare e di innalzare il nostro livello e le nostre consapevolezze”.

FIORENTINA. “Mi aspetto una partita con una Fiorentina estremamente aggressiva come ha dimostrato in queste prime partite per lunghi tratti di tutte le gare e con giocatori di qualità”.

VLAHOVIC. Contromisure ad hoc per Dusan? “No. Vlahovic, pur giovane, sembra essere un attaccante completo, sa fare tutto: gol in primis. Contro di lui ci vuole, come minimo, la sua stessa determinazione e grande attenzione”.

Gasperini : ” Fiorentina e Torino hanno raggiunto i nostri livelli “

Gaspetini
Il tecnico dell’Atalanta Gian Piero Gasperini

Il tecnico dell’Atalanta Gian Piero Gasperini ha cosi commentato : “Inter, Milan e Napoli hanno qualcosa in più” . Mentre Torino e Fiorentina hanno raggiunto i nostri livelli .

Il tecnico dell’Atalanta Gian Piero Gasperini, nella conferenza stampa alla vigilia della sfida contro l’Inter, ha parlato del livello del campionato: “Le giornate sono state solamente cinque, tra noi e l’Inter ci sono comunque tre punti di differenza ma il valore delle squadre è definito. Inter, Milan e Napoli hanno qualcosa in più, mentre Fiorentina e Torino sono nella stessa fascia nostra, questo è quanto evidenziato da queste prime giornateCommisso ” Gasperini ha pianto per una settimana “

Inutile che continuiamo a guardare allo Scudetto. Noi cercheremo di migliorarci, sperando che qualcuno soffra ed inciampi. La Juventus è partita male ma è destinata a risalire, non bisogna guardare la classifica adesso, bisognerà guardarla più avanti. I valori del campionato sono già stati espressi, è un torneo durissimo per tutte le squadre, c’è chi si è rafforzato e mette in difficoltà le grandi squadre e può togliere punti a tutte. Dobbiamo pensare che è un campionato nuovo, diverso da quello che si è chiuso pochi mesi fa”. Gasperini : ” Episodi pesanti per noi che si ripetono spesso “

Fiorentina-Inter 1-3 , viola in 10 per doppio giallo a Nico Gonzalez

fiorentina-inter
Fiorentina-Inter 1-3

Fiorentina-Inter 1-3 , il gol di Sottil e l’espulsione di Nico Gonzalez per doppio giallo

Una rimonta di carattere, che annulla la Fiorentina al Franchi e regala a Inzaghi il primato in classifica in attesa di Napoli e Milan. Dopo il 6-1 al Bologna, l’Inter si ripete e risponde con DarmianDzeko e Perisic al vantaggio iniziale di Sottil. Un trittico di forza che si concretizza nella ripresa e che fa ben sperare il tecnico nerazzurro in vista del prossimo impegno di campionato: sabato arriverà l’Atalanta di Gasperini. I viola – in dieci dal 78’ per il doppio giallo a Nico Gonzalez – fermano a tre la striscia di vittorie consecutive.  

Prima sventa la possibile zampata vincente di Nico Gonzalez, poi si ripete su Vlahovic smanacciando in angolo: Samir Handanovic si prende la copertina dei minuti iniziali di Fiorentina-Inter, gara mai monotona e giocata su altissimi livelli dalla squadra di Italiano. La botta dalla distanza di Duncan, non lontana dall’incrocio dei pali, è solo il preludio all’1-0 viola che arriva al 23’ grazie a Sottil, il più veloce a scaricare in rete l’assist al bacio dell’argentino arrivato in estate dallo Stoccarda. 

 L’Inter si sveglia soltanto nel finale di primo tempo con un’azione strepitosa sull’asse Dzeko-Perisic che porta all’autogol di Nastasic, subito stoppato dal Var per la posizione irregolare dell’esterno croato. Totalmente diverso il copione della ripresa, dominata dalla squadra di Inzaghi che trova la forza di ribaltarla in una manciata di minuti. Darmian piazza il suggerimento di Barella per l’1-1 (52’) mentre Dzeko firma il sorpasso di testa (55’) su calcio d’angolo di Calhanoglu. Il neo-entrato Sanchez manca il 3-1, Nico Gonzalez si fa buttare fuori ingenuamente e il resto è totale controllo dell’Inter che all’87’ chiude i giochi con Perisic.

Gasperini : ” Episodi pesanti per noi che si ripetono spesso “

Gasperini
L’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini

Il tecnico dell’Atalanta Gian Piero Gasperini torna a polemizzare sugli episodi arbitrali e in particolare durante la gara con la Fiorentina .

Gian Piero Gasperini ha ancora da ridire sugli episodi arbitrali avvenuti durante Atalanta-Fiorentina, episodi che a suo dire hanno penalizzato la sua squadra. Anche a distanza di quasi una settimana dalla sfida coi viola, il tecnico nerazzurro nella conferenza stampa di vigilia della sfida contro la Salernitana è tornato ad alimentare la polemica rilasciando queste dichiarazioni a una domanda che gli chiedeva conto dell’inizio  stentato dell’Atalanta in questa stagione:

Sia col Bologna che con la Fiorentina abbiamo raccolto un solo punto, ma abbiamo fatto molto di più degli avversari. Ma sapete qual è stato il mio pensiero. Si cerca di archiviarli e passarli sotto silenzio, ma ci sono stati episodi molto pesanti per noi che purtroppo in Italia si ripetono abbastanza spesso e sempre nella stessa direzione. Poi noi attacchiamo e giochiamo, ma le gare sono fatte da episodi. In queste ultime due partite negli episodi siamo stati sfortunati, diciamo così”, conclude Gasperini.

Delio Rossi : ” La Fiorentina non può andare oltre l’ottavo posto “

Delio Rossi
L’ex allenatore della Fiorentina Delio Rossi

L’ex allenatore viola Delio Rossi ha parlato della squadra di Italiano reduce dalla bella vittoria di Bergamo :

Delio Rossi a Radio Sportiva ha parlato dell’inizio di campionato della Fiorentina targata Italiano: “Non penso che la Fiorentina possa, al momento, andare oltre l’ottavo posto in classifica. In questo momento vedo 6 o 7 squadre che sono superiori alla squadra di Italiano. Poi siamo solo all’inizio del campionato quindi può ancora succedere di tutto. Se una di quelle davanti dovesse fallire la stagione la Fiorentina potrebbe approfittarne per entrare in zona Europa“.