Tag Archives: firenze

Mihajlovic : ” A Firenze mi fischiavano , per me era una soddisfazione “

Mihajlovic
I tecnico del Bolona Sinisa Mihajlovic

Il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic è tornato a parlare del suo periodo sulla panchina della Fiorentina ( fonte : Fiorentina.it )

Il tecnico del BolognaSinisa Mihajlovic, sul palco del Festival dello Sport di Trento, ha parlato della sua esperienza fiorentina, finita non propriamente bene: “Io mi sono divertito a Firenze, perché per me era bello. La cosa più brutta è l’indifferenza. Se mi applaudono mi fa piacere, se mi fischiano non è che mi dispiace. 

Là mi fischiavano tutti, era bello proprio. Lì erano i tifosi miei a dirmi zingaro di m***. Per me era una soddisfazione. Là ero proprio odiato da tutti, adesso no. Ne ho picchiati due, uno in tribuna, l’altro in città. Quando sei dentro il campo e ti insultano, ok. Quando sei vicino non puoi fare finta di niente”.

Nico Gonzalez grande qualità , a Firenze è già un idolo .

Nico Gonzalez
L’attaccante viola Nico Gonzalez

Nico Gonzalez a Firenze è già un Idolo . Ha tanta grinta e molte qualtà .( fonte : Fiorentina.it )

Nico Gonzalez è alto un metro e 80 centimetri. E sa essere devastante quando mixa fisico e velocità. Così scrive il Corriere Fiorentino.

L’argentino è il protagonista dell’ottimo avvio della Fiorentina contro il Torino, e l’autore del gol del vantaggio al 41’. Dialoga con Vlahovic, il perno della squadra, allargandosi quando c’è da ribaltare il gioco o da correre in contropiede, oppure infilandosi in area se la palla ce l’hanno i centrocampisti. Come in occasione del gol, quando a servirlo è Castrovilli.

Una perla per la rapidità con cui controlla e manda a vuoto i difensori, oltre che per la precisione con cui trova l’angolo alto.

Antognoni ai tifosi : Lascio la Fiorentina , non lascio Firenze “

antognoni
Giancarlo Antognoni e i suoi tifosi

Antognoni : La proprietà mi vuole fuori dalla prima squadra, questo è il punto. Lascio la Fiorentina, non lascio Firenze.

Le strade di Giancarlo Antognoni e della Fiorentina si separano. È difficile anche da immaginare una situazione del genere ma adesso è ufficiale. Dopo le voci dei giorni scorsi che davano la bandiera del club toscano sempre più lontana dalle posizioni della dirigenza e così l’uomo-simbolo della Viola si è incontrato oggi pomeriggio con il direttore generale, Joe Barone, ha comunicato di non voler accettare la nuova proposta della società.

Antognoni era tornato nel gennaio 2017 a far parte della dirigenza viola dopo un lungo incarico nelle giovanili dell’Italia per la FIGC: prima ha ricoperto compiti di rappresentanza e in seguito ha avuto un ruolo ben definito all’interno dell’organigramma societario come ‘club manager’. 

Antognoni ha deciso di scrivere una lettera all’agenzia ANSA per spiegare le sue ragioni : La proprietà mi vuole fuori dalla prima squadra, questo è il punto. Lascio la Fiorentina, non lascio Firenze. Alla maglia viola e ai suoi splendidi tifosi restano e resteranno per sempre la mia riconoscenza ed il mio amore incondizionato. 

Astori , murales : ” Per Sempre nel cuore della città “

astori
Il murale a Firenze dedicato a Davide Astori

Inaugurato a Firenze il murales dedicato a Davide Astori . Alla cerimonia presente tutta la famiglia del giocatore e le istituzioni.

 Davide Astori ha finalmente il suo murales: il civico 166 di Via Canova da oggi ospiterà ufficialmente la grande opera realizzata dall’artista Giulio Rosk .

(di circa 240 mq, realizzata grazie al fondamentale contributo dell’associazione Cure 2 Children Onlus) che ritrae il volto dello storico capitano della Fiorentina,

scomparso all’improvviso la notte del 4 marzo 2018 mentre si trovava in trasferta con i suoi compagni a Udine.Davide Astori trovato morto in albergo

La cerimonia dell’inaugurazione – semplice come avrebbe voluto il difensore viola – si è tenuta questa mattina (sotto la pioggia) alla presenza di tutta la famiglia di Astori (i genitori, Anna e Renato, insieme ai fratelli, Marco e Bruno), delle istituzioni

(il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, il sindaco di Firenze Dario Nardella, l’assessore allo sport Cosimo Guccione e il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni) e ovviamente della Fiorentina, rappresentata dal club manager Giancarlo Antognoni.

antissimi anche gli amici di Astori che non si sono voluti perdere l’evento, dal tecnico del Milan (fresco di qualificazione alla Champions) Stefano Pioli all’attuale team manager della Sampdoria .

Altri articoli su Astori

Kokorin : L’attaccante russo arrivato a Firenze ( video )

kokorin
L’attaccante russo Kokorin assieme alla moglie

L’attaccante russo è appena arrivato a Firenze da Roma, con un van della Fiorentina.

Aleksandr Kokorin è appena arrivato a Firenze, mentre la moglie ed il figlio lo hanno leggermente preceduto. Adesso l’attaccante cenerà all’interno dell’albergo con il presidente Commisso. Questo il video girato dal nostro inviato. Da domani inizierà ufficialmente la sua avventura in viola, con il primo allenamento al centro sportivo.

Il video è di proprietà di La Fiorentina.it

Firenze , la Fiorentina e i suoi tifosi meritano rispetto .

Firenze
Firenze e la Fiorentina

Firenze , la Fiorentina e i suoi tifosi meritano rispetto .

Il tecnico viola è soddisfatto della prestazione messa in campo dalla squadra che però ha perso contro la Lazio : ( fonte Fiorentina.it )

Cesare Prandelli a DAZN ha commentato la gara di oggi: “Abbiamo fatto un’ottima prestazione anche se abbiamo preso due gol che potevamo evitare. Abbiamo fatto una prestazione da squadra che ha giocato per vincere, ha fatto la gara. C’è amarezza per com’è andata ma questa è la strada da percorrere”.

Commenti dei tifosi :

Evidentemente Prandelli era preso dal stare attento agli schemi, e non a visto la partita. ( Chiunque combra un biglietto della lotteria, lo compra per vincere ). Addetti tutti…… Fate presto prima che sia troppo tardi. Urge chi segna I gol. ( anonimo )

Dichiarazioni Deliranti: Non so perché fa queste dichiarazioni, non posso credere che pensi veramente quello che dice. A che pro ? Comunque vada il prossimo anno le.partite le vedrà in tv. Per lui la carriera da allenatore è finita quest’anno. GAME OVER.( anonimo )

Nardella : ” Saremo in zona rossa , non servono le polemiche “

Nardella
Il sindaco di Firenze Dario Nardella

Il Sindaco di Firenze ha commentato l’ingresso della Toscana fra le regioni rosse, dalla mezzanotte di questa sera . ( Fonte : Fiorentina.it )

Dario Nardella è intervenuto questa sera a Radio Bruno: “Siamo all’inizio di un periodo difficile, ma sono convinto che vedremo presto la luce. La zona rossa non è una punizione, ma abbiamo il tasso di contagiosità più alto d’Italia. Non servono polemiche, serve andare sotto i 2.000 contagi al giorno. Saremo in zona rossa per almeno 14 giorni. Se dovessimo anche tornare in zona arancione non possiamo comunque pensare di vivere un Natale come gli altri anni“.

Franck Ribery , a 37 anni a Firenze fa ancora la differenza

franck Ribery
Il francese della Fiorentina Franck Ribery

Inter-Fiorentina è stata la partita di Franck Ribery, maestoso a San Siro. A 37 anni il francese fa ancora la differenza in Serie A anche al cospetto di una delle formazioni più importanti del campionato.

I circa 1000 spettatori presenti a San Siro per Inter-Fiorentina ricorderanno a lungo questa partita. E non solo per il rocambolesco 4-3 finale. Prima ancora lo faranno per la fortuna di essere presenti al cospetto dell’esibizione di un fuoriclasse. Lo hanno dimostrato con l’applauso scrosciante riservato a Franck Ribery al momento della sua sostituzione al minuto 83 dell’incontro, capolinea di una serata sublime per il campione francese, semplicemente determinante con le sue giocate e la sua visione calcistica di livello superiore. E non è un caso che la Viola si sia sgonfiata di colpo alla sua uscita dal campo, passando dal possibile 2-3 al 4-3 nel giro di pochi minuti.

Ribery ha dimostrato di poter fare ancora la differenza in Serie A all’età di 37 anni. Quella fase della carriera che per molti coincide con il viale del tramonto, per il francese si è trasformata in una seconda primavera. A Firenze ha trovato la dimensione ideale in cui esprimere il proprio immenso talento e mettere la sua esperienza al servizio dei compagni, in molti casi giovani. Se la sua prima stagione è stata condizionata da qualche preventivabile problema fisico, l’inizio del suo secondo anno in Italia è stato di livello altissimo. Come la sua prestazione a San Siro.

Ag. Biraghi : “Contento di essere tornato a Firenze”

ag. Biraghi
L’esterno della Fiorentina Cristiano Biraghi

L’agente di Biraghi commenta cosi il ritorno a Firenze dell’esterno viola :

L’ag. Biraghi ha parlato anche dell’esterno mancino della Fiorentina: “L’anno scorso avevo Biraghi alla Fiorentina, non voleva stare lì ed è andato all’Inter, ma se non avesse avuto richieste, sarebbe dovuto rimanere lì. Ad oggi è contentissimo a Firenze“.

Biraghi domani pomeriggio contro il Torino potrebbe partire titolare. Sarà lui il titolare di Iachini per la stagione. Con la Fiorentina che sul mercato cerca l’alternativa.

Ultimi articoli

Commisso : ” Firenze merita uno stadio bello come la città “

Fiorentina primavera
Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso

Commisso ha anche parlato della questione stadio : . Firenze merita uno stadio bello come la città. Serve uno stadio all’altezza di Firenze .

Firenze merita uno stadio bello come la città. Serve uno stadio all’altezza di Firenze. Non faccio mezze cose come il restauro. La cosa migliore sarebbe non doversi confrontare con la soprintendenza perché per me gli stadi non sono monumenti. Se si fosse fatto un anno fa forse oggi avremmo metà stadio completo. Ora dobbiamo aspettare.

Franck Ribery : Rientrato già a Firenze per gli allenamenti

ribery
Il francese della Fiorentina Franck Ribery

Franck Ribery è tornato a Firenze. Il francese si conferma leader dentro e fuori dal campo nonché professionista esemplare. ( Fonte : Fiorentina.it )

Ma Ribery non ha mai completamente staccato la spina anche in vacanza ha continuato ad allenarsi piuttosto duramente. Lo abbiamo seguito sui sociale e nonostante l’età mantiene una forma fisica invidiabile. Il francese sarà nuovamente protagonista della stagione della Fiorentina e anche lui aspetta di capire le mosse della società sul mercato. Intanto si allena e aspetta i compagni al centro sportivo.

Intanto con Ribery è rientrata a Firenze anche la moglie. Non era più tornata in Italia dopo il furto subito nell’abitazione di Bagno a Ripoli (quando comunque nessuno era in casa). Non ci dovrebbero essere neanche ripensamenti sulla permanenza nel comune accanto a Firenze. Quel brutto episodio sembra ormai alle spalle per la famiglia Ribery.

Franck Ribery ha fatto rientro a Firenze col suo jet privato

Il francese della Fiorentina Franck Ribery ha fatto rientro a Firenze. Adesso si sottoporrà a test sierologico e tampone . ( fonte : Fiorentina.it )

Franck Ribery
Il francese della Fiorentina Franck Ribery

Il francese della Fiorentina Franck Ribery ha fatto rientro a Firenze. Col suo jet privato è partito dalla Germania dove ha passato la quarantena. Adesso è atteso al centro sportivo dove si sottoporrà a test sierologico e tampone. In caso di negatività potrà allenarsi. 

Articoli simili

Iscriviti alla Newsletter

Franck Ribery rientrerà a Firenze entro il fine settimana .

Franck Ribery
Il campione francese Franck Ribery

Franck Ribery , il campione francese tornerà in città entro il fine settimana. Al contrario di quanto sembrava certo nei giorni scorsi . ( Fonte : Violanews )

Ribery , il campione francese tornerà in città entro il fine settimana. Al contrario di quanto sembrava certo nei giorni scorsi, Ribery non dovrebbe svolgere una quarantena di quindici giorni. Al suo rientro a Firenze sará controllato e, se risulterà negativo al Coronavirus, potrà cominciare gli allenamenti al centro sportivo al pari dei suoi compagni.  Tutti i giocatori viola, nel periodo della quarantena, sono rimasti a Firenze ad eccezione di Ribery che è tornato a Monaco dalla famiglia

Articoli simili

Iscriviti alla Newsletter

Fabrizio Miccoli : ” Mi sarebbe piaciuto rimanere a Firenze “

Fabrizio Miccoli, ex attaccante della Fiorentina, ha parlato in una diretta Instagram con Sebastien Frey. Queste alcune delle sue dichiarazioni . ( Fonte : Fiorentina.it )

Fabrizio Miccoli

“A Firenze sono stato bene. E’ difficile starci male. Ricordo che per andare all’allenamento ai campini usavo il monopattino elettrico o lo bicicletta. Tanta gente credo se la sia presa per l’esultanza in Palermo-Fiorentina, ma non volevo mancare di rispetto a nessuno. Mi sarebbe piaciuto rimanere a Firenze quando ero in comproprietà dalla Juventus, ma purtroppo non è accaduto”.

RIGORE CONTRO IL BRESCIA.

“Il rigore calciato contro il Brescia all’ultima giornata me lo ricorderò per sempre. La porta era piccola e c’era Castellazzi in porta al quale avevo già tirato tre rigori alla Juventus. In quell’anno cambiammo tre allenatori e tra torti arbitrali è successo di tutto. Per fortuna ci fu un incastro di risultati. In quella stagione comunque segnai 13 gol”.

Articoli simili

Iscriviti alla Newsletter

Pezzella ha regalato pacchi di alimenti a 50 famiglie fiorentine .

Il capitano della Fiorentina German Pezzella

German Pezzella il capitano della Fiorentina ha regalato pacchi di alimenti a 50 famiglie fiorentina . Il sindaco Nardella ” Un gol di solidarietà “

German Pezzella capitano dentro e fuori dal campo. Nonostante la volontà del difensore argentino di mantenere riservata la cosa. della sua decisione di regalare, a sue spese, cinquanta pacchi di alimenti di prima necessità per altrettante famiglie fiorentine in difficoltà.

Le parole del sindaco Nardella

Un gesto che il sindaco di Firenze Dario Nardella ha pubblicamente elogiato. ‪”Lui non voleva farlo sapere, ma poi la notizia ha iniziato a circolare. Il capitano della ACF Fiorentina German Pezzella ha voluto aiutare le famiglie bisognose di Firenze con i pacchi alimentari del Comune. Un bel goal di solidarietà“, scrive il primo cittadino su Facebook.

Valentina Baggio : ” Papà è ancora molto legato a Firenze “

valentina baggio
Nella foto , Valentina Baggio , Roberto Baggio e sua moglie Andreina

Valentina Baggio, figlia dell’ex attaccante della Fiorentina, Roberto Baggio, ha parlato a Sky Sport .

Papà ha vissuto bene ovunque, è molto legato a Firenze e sicuramente è legatissimo alla Nazionale. Ho vissuto a Torino, Milano e Bologna, dalla Juve in poi lo abbiamo sempre seguito. A Brescia non siamo andati, papà sapeva che avrebbe smesso dopo poco e rimasi a Vicenza. Sono legatissima a Milano, ancora oggi è la mia città. Ma anche Bologna mi è piaciuta molto, ne sono affezionata”.

I nostri articoli su Roberto Baggio

Iscriviti alla Newsletter

Rocco Commisso : ” Castrovilli sicuramente resterà a Firenze “

rocco commisso
Il patron viola Rocco Coommisso

Rocco Commisso , patron della Fiorentina ha cosi dichiarato :

La situazione è difficile anche qui da metà marzo. Sono a casa con mia moglie e mia figlia, ed esco una volta alla settimana per fare la spesa. Mio figlio è in Italia e lì ci sono anche Joe Barone e suo figlio. Dobbiamo andare avanti. Una situazione così non l’ho mai vista. I dipendenti sono a casa, fortunatamente per noi, la nostra azienda va avanti: Abbiamo 4500 dipendenti, e un terzo della gente lavora da casa. Sarà difficile che l’economia si riprenda nei prossimi anni. Spero che tutto vada bene, non ho grande ottimismo in vista del futuro”.

Riguardo lo stadio

“Per quanto riguarda lo stadio, prima abbiamo guardato il Franchi e poi la zona della Mercafir. Non mi è piaciuta la situazione del bando: non me la sto prendendo con Nardella, ma con la burocrazia italiana. Perché devi fare un bando quando sono l’unico che può costruire? Poi dopo tre mesi il costo dei terreni è aumentato dopo alcune task force. Noi non parteciperemo al bando. Per lo stadio, il governo ci deve dare una mano a costruirlo in tempi brevi. Se questo sarà possibile a Firenze bene, altrimenti lo faremo in un altro paese.

Su Castrovilli e Chiesa

“La Fiorentina ripartirà con loro nella prossima stagione. Castrovilli lo farà sicuramente. Chiesa vedremo: se mi chiederà di andare via, dovremo vedere dove e mi dovrà portare anche l’offerta giusta. Questa è l’idea ad oggi, mancano ancora 13 partite e quindi valuteremo”.

Altri articoli su Rocco Commisso

Iscriviti alla Newsletter

Curva Fiesole dona mascherine alla Pubblica Assistenza Militare di Firenze .

curva fiesole
( foto : La Nazione )

Curva Fiesole , un bellissimo gesto da parte dei tifosi della curva che hanno donato presidi sanitari alla Pubblica Assistenza Militare di Firenze

I principali violaclub della Fiesole ‘ hanno effettuato donazioni a favore della Misericordia di Campo di Marte. Della Misericordia di Firenze, della Fratellanza militare di Firenze e del coordinamento infermieristico del capoluogo toscano e di Prato. L’intento dei violaclub della ‘Curva Fiesole’ autori di tale iniziativa nasce dall’esigenza di fornire concretamente un sostegno economico e di fornitura di materiali reperibili, come mascherine, per ciascuna delle associazioni sopra nominate, in periodo di emergenza da Coronavirus.

Iscriviti alla Newsletter

Firenze : I cesti con la frase ” Chi ha metta , chi non ha prenda “

Firenze  i cesti
L’iniziativa a Firenze

A Firenze da Borgo San Frediano a Gavinana fino a San Jacopino e San Donato: i cesti solidali conquistano la città. ( Fonte : La Nazione )

Sono ovunque, in giro per la città, come a ricordare il grande cuore dei fiorentini. I cesti con la frase ‘chi può dia, chi non può prenda’, la stessa frase che il medico-santo Giuseppe Moscati aveva scritto accanto ad un cestino sul tavolinetto della sua sala d’attesa, si stanno diffondendo in tutti i quartieri di Firenze. In questo modo il medico santo aiutava i suoi pazienti più poveri e in questo modo molti hanno deciso di aiutarele famiglie che stanno soffrendo maggiormente la crisi economica dovuta alla quarantena.

Nella zona commerciale di Gavinana .

Il primo cesto solidale è spuntato in via Datini, nella zona commerciale di Gavinana, sotto la pensilina della fermata dell’autobus.Sono stati alcuni abitanti del gruppo che porta il nome del quartiere – Sei di Gavinana se 2.0, appunto – a lanciare l’iniziativa. Nel giro di poco, grazie alla risonanza dei social, la scatola col fiocco rosso si è riempita immediatamente di solidarietà. «In questa situazione aiutiamoci. L’unione fa la forza» si legge sul foglietto che fa capolino tra la bottiglia d’acqua e i pacchi dipasta.

Ribery : ” Stiamo a casa e forza Firenze ” ( Video )

ribery
L’attaccante della Fiorentina Franck Ribery

Il giocatore della FiorentinaFranck Ribery, tramite un video pubblicato dal profilo ufficiale Twitter della Fiorentina .

“Ciao Ragazzi! Sono a casa con la mia famiglia e sto bene. Questo è un momento molto difficile ma mi raccomando state a casa ci vediamo presto. Forza Italia! Forza Firenze! Un abbraccio!”.

18 maggio 1990 , Baggio dalla Fiorentina alla Juve. Firenze si ribella

La cessione di Roberto Baggio

Il 18 maggio, Baggio viene trasferito dalla Fiorentina alla Juve per i tifosi della Fiorentina, non è una data come le altre

E’ una data che tutti ricordano bene: per una volta la memoria storica dei tifosi non è legata ad una vittoria, ad un trofeo o ad una delusione sportiva, ma ad un affare di mercato. Il 18 maggio 1990 Roberto Baggio, simbolo della Fiorentina, passa all’eterna rivale Juventus, per 25 miliardi di lire, cifra record per l’epoca. Una scelta che provocò l’ira dei tifosi viola, increduli di poter realmente vedere il proprio idolo passare tra le fila dei nemici di sempre. E’ passata alla storia la cifra del trasferimento, ma anche la reazione dei tifosi, che iniziarono una vera e propria guerriglia in città: Firenze riportò numerosi danni, ci furono continui scontri tra tifosi e polizia. Non fu opera di qualche gruppo di esagitati, ma tutti i tifosi, chiunque amasse la Fiorentina, scese quel giorno in piazza.  Negli anni ’80 la rivalità Fiorentina-Juventus ha raggiunto i suoi apici, con le due squadre che spesso si sono trovate una di fronte all’altra, in campionato o in coppa. Nel 1982 la Juventus vince il campionato per un solo punto sulla Fiorentina. Nel 1990 ancora una volta la Juve ha la meglio sulla Fiorentina, battendola in finale di Coppa Uefa, una partita (tra andata e ritorno) che fece infuriare i tifosi viola per l’arbitraggio, ritenuto troppo di parte. Qualce giorno dopo la partita, l’annuncio da parte del procuratore di Baggio, Caliendo: il Divin Codino passa proprio alla Juventus. Volontà sua, imposto dalla società, poco importa. I tifosi della Fiorentina si scatenano, scendono in piazza e chiedono la testa del presidente Pontello. Disordini, sassate e scontri con la polizia. Tutta una città in rivolta, per l’addio del proprio idolo. Nella conferenza stampa di presentazione, Baggio rifiuta di mettersi al collo la sciarpa juventina. Dopo il trasferimento, alla prima convocazione in Nazionale, il giocatore subisce sputi e continue aggressioni. Nel campionato successivo (7 aprile 1991) Baggio torna a Firenze, sulle spalle la maglia bianconera. 

Firenze : Diverse scosse di terremoto nella notte nel Mugello .

Firenze
Nuove scosse di terremoto

Nuove scosse di terremoto registrate a Scarperia

La terra continua a tremare in Toscana, nel Mugello, a poche decine di chilometri da Firenze. Dopo le quattro scosse registrare nella serata dell’8 dicembre con epicentro a circa 40 chilometri dal capoluogo di regione, nelle prime ore del 9 dicembre ancora fenomeni sismici, stavolta di intensità maggiore. Anche in questo caso la zona dell’epicentro è stata individuata dai sismografi dell’Ingv nel comune fiorentino di Scarperia e San Piero. La prima scossa, di magnitudo 2.4 si è verificata alle 3.38, un minuto dopo un terremoto più forte: 3.2.

Antognoni , un ragazzo che conquistò il cuore di Firenze .

Giancarlo Antognoni , una delle ultime bandiere del nostro calcio: in Serie A ha vestito solo la maglia della Fiorentina, dal 1972 al 1987. In mezzo, divenne anche campione del mondo .

Giancarlo Antognoni e GIancarlo De Sisti

Un ragazzo cresciuto con il mito di Gianni Rivera grazie alla fede calcistica del padre, che a Marsciano  gestisce un bar, sede di un Milan Club. Giancarlo Antognoni nasce nel paese umbro il 1° aprile 1954. Le doti tecniche del fanciullo attirano le attenzioni del Torino, che lo acquista nel 1969. Pochissimo tempo in granata e ha già le valigie in mano: la destinazione è vicina, si trasferisce per giocare in Serie D con i Galletti dell’Asti. Esperienza fatta, è tempo di crescere veramente: il calciomercato 1972 rappresenta la svolta, non solo per lui ma per un’intera città: Firenze avvia la sua storia, un amore viscerale, un qualcosa di unico che nessuno sarà più in grado di raggiungere.

mazzarri
Giancarlo Antognoni

L’ESORDIO – Determinato, educato, umile, Antognoni ha il compito per nulla semplice di colmare il tassello lasciato scoperto dalla cessione di Chiarugi. Debutta in A 18enne il 15 ottobre 1972, la Viola vince a Verona e Sandro Ciotti, che di quella gara è radiocronista, esclama:  «Oggi ho visto esordire un campione».L’indomani sui giornali si comincia a parlare di lui. Per uno scherzo del destino, o forse solo perché quando ci si mette, questo giuoco regala storie magiche, il Corriere dello Sport non solo lo elogia, ma lo paragona a qualcuno. Quel qualcuno è un profilo a lui molto noto, è il suo idolo, è il Golden Boy Gianni Rivera. Liedholm conferma di avere pochi eguali sotto la voce “giovani talenti”: non ha avuto paura a far esordire un altro ragazzino.

antognoni
Giancarlo Antognoni e Federico Chiesa

L’Italia è reduce da un fallimento nei Mondiali ’74, Bernardini sostituisce Valcareggi e rivoluziona la squadra. Giancarlo debutta contro l’Olanda di Cruijff il 20 novembre 1974. Gioca una partita sensazionale effettuando il lancio giusto per il vantaggio firmato Boninsegna, poi il fenomeno olandese con il numero 14 la ribalta e gli Azzurri perdono. Non importa, l’Italia ha trovato una stella. Nel frattempo continua a strabiliare Firenze, ma nel 1977-78 i viola cadono nel baratro. Anche il numero 10 entra tra le critiche rivolte alla squadra. Antognoni si prende le responsabilità che gli competono. Il 23 aprile ’78 una bomba su punizione apre il 2-0 al Toro. 

Firenze : L’Arno in piena , superato il primo livello di criticità .

L’ Arno in piena e continua a salire senza sosta.  ( Fonte : La Nazione )

firenze
Firenze , l’Arno in piena

L’Arno a Firenze continua a salire senza sosta. Dopo aver superato il primo livello di guardia a Firenze per oggi alle 12 si annuncia un probabile picco di piena alla stazione di rilevamento di ‘Firenze Uffizi’,  prossimo o di poco inferiore al secondo livello di criticità (5,5 metri), comunque al di sopra dei massimi registrati negli ultimi 20 anni. La Protezione civile della città metropolitana di Firenze invita i cittadini a “non sostare vicino ad argini e sponde .

Commisso , entusiasmo a mille ma adesso qualcosa deve cambiare .

L’entusiasmo di Rocco Commisso , ma non è tutto rose e fiori . ( Fonte : Violanews )

commisso
Il presidente viola Rocco Commisso

La Nazione fa il punto su Rocco Commisso: dopo l’entusiasmo iniziale, dove si è tuffato a piene mani il tycoon americano, è emersa una realtà più complessa, difficile da accontentare a 360°. Si è aperto alla gente, risultando simpatico e aperto, con modi anche pittoreschi: tutta un’altra storia rispetto ai più freddi Della Valle. I selfie con Rocco&Joe sono diventati un must, ma alla lunga possono risultare anche stucchevoli, e la conferma di Montella si è portata dietro le scorie dello scorso finale di stagione. In più c’è stato pronti via il “caso-Chiesa” da gestire. Dallo stadio al concetto di “fast fast fast” prima e “2+2” poi, la voglia di infrastrutture si scontra con la burocrazia italiana. Occhio all’effetto boomerang.

Nardella : Stadio entro 4 anni . Prezzo dei terreni lo decide la legge .

Prezzo dei terreni? Ci tengo a sottolineare che il valore dell’area della Mercafir non può che essere stabilito dalle leggi .

nardela
Il sindaco di Firenze Dario Nardella

Dario Nardella, sindaco di Firenze, ha commentato cosi : “Stamattina abbiamo adottato la variante per l’area Mercafir, l’ultimo atto prima di andare in Consiglio comunale per quanto riguarda le modifiche che sono già state circoscritte per la variante della Mercafir. Siamo addirittura in anticipo rispetto ai tempi che ci siamo dati, l’obiettivo di rendere possibile la realizzazione del nuovo stadio entro 4 anni è alla nostra portata”.

Ribery : Montella ? Sempre vicino ai giocatori . Mi piace molto .

Franck Ribery commenta cosi durante un’intervista . ( fonte : Firenzeviola.it )

ribery
Ribery

Franck Ribery commenta cosi in una intervista : “Ho sempre giocato ala sinistra ma adesso mi trovo in un ruolo centrale. Sono un attaccante di supporto: il mio lavoro consiste nel prendere la palla, farla girare e dribblare. Questo è il mio tipo di gioco”.

Il mio approdo in Italia?
“Quando sono arrivato alla Fiorentina ho perso la preparazione estiva. Mi sono allenato molto da solo”.

Montella?
“È giovane ma sta sempre vicino ai giocatori. Mi piace molto”.

Firenze , la proiezione del film ” El numero Nueve ” di Batistuta . ( video )

Firenze
Batistuta

Tantissima gente ad accogliere il film sul bomber argentino che per una decina di anni è stato nella Fiorentina. Il film si intitola “El Numero Nueve 

Il film si intitola “El Numero Nueve – Gabriel Batistuta”. Scritto e diretto da Pablo Benedetti e prodotto da SenseMedia, azienda cinematografica fiorentina che segna così il suo esordio nel mondo del cinema sportivo, il film racconta la storia di “Batigol” dagli albori alla consacrazione del mito. Un ritratto intimo e personale, volto a mettere in luce ogni retroscena della sua persona, ogni segreto di uno dei più grandi numeri 9 di tutti i tempi.

https://www.facebook.com/lafiorentinaebasta/videos/1488986661225805/
Batistuta
Gabriel Omar Batistuta

“Batistuta è simbolo di Firenze e della Toscana -ha aggiunto Eugenio Giani -. Ovunque vado è’ un ricordo legato a lui, mi emoziona sapere che tante parti della nostra vita sono legate ai suoi gol e alle sue stagioni in maglia viola”. 

Agroppi : ” Castrovilli come Antognoni , ma Giancarlo aveva più fantasia “

Giancarlo aveva più fantasia, dalla trequarti in avanti aveva più facilità di tiro e di gol. Non toccatemi “Antonio”!

agroppi
L’ex tecnico viola Aldo Agroppi

Aldo Agroppi in una intervista a cosi commentato : FIORENTINA. “La Viola mi piace, sta crescendo bene. Il problema è la punta, ci vuole un centravanti. Boateng ha solo la moglie di punta. Montella è stato bravo a capire di non dover imbrigliare i giocatori di fascia e non dare punti di riferimento in attacco”. CASTROVILLI-ANTOGNONI. “Giancarlo aveva più fantasia, dalla trequarti in avanti aveva più facilità di tiro e di gol. Non toccatemi “Antonio”! Castrovilli è un giovane davvero interessante e potrà fare molto bene, è una bella scoperta”.

Nardella : ” Stadio fuori Firenze ? Mi batterò con tutte le forze ” .

Il sindaco di Firenze è tornato a parlare di stadio e ha espresso il proprio disappunto sull’ipotesi Campi Bisenzio. ( fonte : Fiorentina.it )

nardella
Il sindaco di Firenze Dario Nardella

“Stadio fuori Firenze? Non faccio un discorso di campanilismo. Ma di area vasta: o si mette tutto dentro, termovalorizzatore, pista dell’aeroporto, stadio e infrastrutture, e allora si fa un ragionamento serio per il futuro della Piana, oppure io non sono disponibile alla strategia ‘del carciofo’, di prendere un pezzo alla volta. Mi batterò contro come sindaco metropolitano e sindaco di Firenze con tutte le forze che ho. Se si vuole fare un discorso chiaro per la Piana si rimette tutto sul tavolo, inceneritore, aeroporto, stadio, tramvia eccetera. Ma se il giochino è “io mi prendo quello che voglio, e ti lascio quello che non voglio io non ci sto. Lo dico a tutti, compresi i miei colleghi di partito”.

Il soggetto privato può fare quello che vuole, ma quando il privato si confronterà con il sindaco metropolitano e del capoluogo saprà come la vedo. Ma ripeto, non c’è nessun problema per quanto io so per i rapporti che ho con la Fiorentina. Secondo me è un discorso fuori dal mondo. Non è che lo stadio si deve fare a Firenze perché deve restare nel Comune di Firenze, c’è un’area e una variante urbanistica. Poi la Fiorentina farà quello che vuole”.

Firenze : i comuni si alleano , un unico biglietto per tram , bus e treno .


Un unico abbonamento mensile per utilizzare tutti i mezzi di trasporto della Piana fiorentina

firenze
tram via di Firenze

Mercoledì 3 aprile : n unico titolo di viaggio che nei Comuni di Firenze, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Lastra a Signa, Sesto Fiorentino e Signa permetterà di utilizzare indifferentemente treno, autobus urbano e tram, passando da un mezzo all’altro senza preoccupazioni e con sensibili risparmi.
Si tratta di ‘Unico metropolitano‘, iniziativa sperimentale nata per volontà della Regione Toscana in accordo con i Comuni della Piana, la città metropolitana di Firenze, Trenitalia e Ataf. Il nuovo abbonamento sarà acquistabile in tutti i punti vendita Trenitalia dal mese di maggio 2019, con validità dal 1 giugno 2019. Costerà 50 euro come tariffa mensile ordinaria e 41 euro per chi ha diritto alla tariffa agevolata Isee tpl (reddito familiare certificato Isee non superiore a 36.151,98 euro).

Le tariffe si riducono per chi ha diritto allo sconto garantito dal tagliando Isee trasporti, ma il vantaggio rimane: oggi chi compra abbonamenti bus e ferroviari da 10 km paga complessivamente 58,5 euro, mentre con Unico metropolitano ne pagherà 41. Chi invece acquista abbonamenti da 20 km oggi paga in tutto 67 euro, mentre con Unico metropolitano ne pagherà sempre 41.