Tag Archives: Gabriel Batistuta

Gabriel Batistuta , considerato tra gli attaccanti più forti di tutti i tempi .

Gabriel Omar Batistuta

Gabriel Batistuta è considerato tra gli attaccanti più forti passati nel mondo del calcio negli ultimi 20/25 anni.

Certi bomber come Gabriel Batistuta non muoiono mai (calcisticamente parlando). Fanno semplicemente giri immensi e poi ritornano. Forse è proprio vero che il calcio di una volta, ispirato ai tempi degli anni ’90/primi anni ‘2000, si presentava come un calcio molto più combattuto e competitivo di quello attuale. Batistuta : ” Ai miei figli non regalo auto di lusso , ma la dignità “

batistuta
L’ex bomber viola Gabriel Batistuta

 Il segreto, da questo punto di vista, stava nella continuità. Carattere che ha contraddistinto nel tempo un personaggio come Gabriel Omar Batistuta. L’emblema della vecchia concezione di bomber che davanti alla porta non perdonava gli avversari. Non a caso definito “Re Leone”. Batistuta : ” Volevo vincere con la Fiorentina e entrare nella storia “

Batistuta

Batigol è considerato tra gli attaccanti più forti passati nel mondo del calcio negli ultimi 20/25 anni. Una considerazione comune che trova parecchi riscontri, soprattutto nei tifosi cosiddetti nostalgici di un vecchio calcio che non c’è più.

In Italia se lo ricordano benissimo in particolar modo i tifosi di 2 squadre, Fiorentina e Roma, che hanno potuto ammirarne e celebrarne da vicino le fantastiche gesta sportive.

Da Avellaneda con furore è iniziata la scalata inesorabile all’èlite del calcio di Gabriel Omar Batistuta, per tutti Batigol, che riassumiamo in questo post a cura di Campioni Calcio!

Batistuta
Gabriel Batistuta

Batistuta arriva a Firenze :

L’Italia accoglie Gabriel Omar Batistuta a partire dall’anno 1991. Fino a quel momento era considerato poco più di una promessa.

Fatto sta che la Fiorentina decide di scommettere su questo attaccante arrivato direttamente dall’Argentina.

Alla prima stagione viola segna 13 gol in 27 partite e l’anno successivo 16 reti in 32 partite. Quest’ultima annata si caratterizza però per la retrocessione della sua squadra a fine campionato. Un epilogo amaro che non lo abbatte affatto, anzi. Infatti Gabriel Omar Batistuta è un leader nato e riporta dopo sola una stagione la Viola in serie A, siglando 16 gol in 26 gare e riuscendo a partecipare così al Mondiale di USA ’94, che vede però gli argentini esclusi dal torneo contro la Romania, che elimina l’Albiceleste per 3-2.

Resta alla Fiorentina fino al 2000 con un bilancio di questo tipo: in bacheca troviamo 1 Coppa Italia e 1 Supercoppa italiana, quest’ultima vincendo a San Siro contro il Milan degli invincibili per 2-1, due gol di Batigol, che dopo una delle due segnature esulta mandando baci alla sua amata Irina, alla quale urla davanti alle telecamere: Ti Amo

Gabriel batistuta e la moglie
L’ex campione viola e sua moglie Irina

Ancora oggi i tifosi viola lo idolatrano come uno dei più grandi di sempre passati sotto gli occhi della Fiesole, anche se non riesce mai a portare il titolo a Firenze, nonostante ci vada veramente vicino nella stagione 1998-99, quando un suo grave infortunio nel momento topico della stagione (e l’allontanamento di Edmundo per il Carnevale di Rio) privano dei suoi due attaccanti migliori la squadra gigliata.

Con la Fiorentina gioca un totale di 332 gare mettendo a segno la bellezza di 207 gol.

Gabriel Batistuta : Oggi 1° febbraio il Re Leone compie 52 anni .

gabriel Batistuta
Gabriel Omar Batistuta

Oggi 1° febbraio Gabriel Batistuta compie gli anni … Tanti auguri Re Leone .

In questo giorno del 1969 infatti nacque ad Avellaneda, in Argentina, Gabriel Omar Batistuta, il numero 9 per eccellenza della storia viola, con 207 reti in 333 presenze ufficiali. Miglior cannoniere viola in Serie A e secondo in assoluto dietro ad Hamrin, capace di gol spettacolari e importanti, come quelli nei video sottostanti.
Buon compleanno Re Leone!

Altri articoli su Batigol

Gabriel Batistuta : Il leggendario calciatore che ci ha fatto sognare .

gabriel batistuta
Gabriel Batistuta, Fiorentina

Gabriel Batistuta un nome che tutti gli appassionati di calcio conoscono per le sue imprese calcistiche. 

Furono proprio le ottime prestazioni in Coppa America (che vinse e dove ottenne il titolo di capocannoniere) ad attirare l’interesse delle big europee, in particolare in Italia. Fu la Fiorentina a spuntarla, pagando 12 miliardi di lire al Boca Juniors. All’inizio la sua prima stagione in Italia non fu esaltante, ma ‘Batigol’ fu autore di 14 gol. Il secondo anno fu migliore del precedente, subendo però la macchia della retrocessione in Serie B.

Questo deludente risultato preoccupò i tifosi viola che temevano un addio del proprio beniamino, ma Batistuta non li deluse e accettò di scendere nella Serie cadetta per aiutare il club a tornare ad alti livelli. Vincere con la Fiorentina era sempre stata la sua priorità e anzi la vedeva una soluzione migliore rispetto che alzare trofei con le super potenze europee (come Real Madrid e Manchester United). Nelle annate successive Batistuta continuò a trascinare a suon di gol la Fiorentina e resta celebre il suo gol contro l’Arsenal nel 1999 in Champions League. ‘Batigol’ diventò così il più grande marcatore della storia del club con 168 reti. Nel 2000 però il centravanti argentino accettò la corte della Roma di Sensi, che pagò 70 miliardi di lire per centrare lo scudetto

Batistuta nei suoi 9 anni alla Fiorentina non vinse mai il tricolore a la proposta della Roma venne considerata come l’ultimo tentativo per il giocatore di diventare campione d’Italia. Sotto la guida di Fabio Capello questo traguardo arrivò, in uno scudetto storico per il club capitolino. Nel gennaio del 2003 passò all’Inter, ma l’esperienza milanese si rivelò fallimentare e portò ad un approdo del calciatore in Qatar. Terminò la carriera vestendo la maglia del’Al –Arabi (con 18 gol diventò il miglior giocatore d’Asia e capocannoniere del campionato locale). Con la Nazionale argentina partecipò a 3 Mondiali (1994, 1998 e 2002) e vinse 2 Coppe America (1991, 1993) e 1 Confederations Cup (1992). Terminata la carriera agonistica, Batistuta oggi ha ottenuto il patentino per allenare nel suo Paese e quello ‘Uefa A’ dopo il corso a Coverciano.

Gabriel Batistuta : ” Riposa in pace Diego , sto piangendo per te “

gabriel Batistuta
Gabriel Batistuta e Diego Armando Maradona

Gabriel Batistuta saluta cosi sul suo profilo Twitter Diego Armando Maradona .

“Grazie infinite, sto piangendo per te. Sono vicino ai tuoi familiari, riposa in pace, amato Diego”.

Gabriel Batistuta , venti anni fa l’ultimo gol in maglia viola .

Il Re Leone , ovvero Gabriel Omar Batistuta

Più volte capocannoniere, detentore del record di 11 gare consecutive in rete, Batigol vede i campi di Champions League solo a 30 anni.

Stadio Artemio Franchi, 14 maggio 2000. A Firenze mancano otto minuti al termine di Fiorentina-Venezia, ultima giornata di campionato. Mentre a Perugia la pioggia sta portando via uno scudetto che la Torino bianconera già sentiva cucito addosso, un uomo corre con le braccia allargate. Entrando all’interno della porta sotto la curva Fiesole, va a sbattere volontariamente contro la rete, prima di sdraiarsi per terra in lacrime. Gabriel Omar Batistuta ha appena segnato la sua ultima rete con la maglia della Fiorentina. Quella che gli consente di diventare il miglior marcatore in Serie A con la maglia della Viola a discapito di Kurt Hamrin, che deteneva il record da oltre quarant’anni. Al fischio d’inizio della partita la classifica recitava 151 a 149 per lo svedese. Novanta minuti dopo Batistuta è davanti: 152 a 151. È l’ultimo atto di una storia d’amore iniziata nove anni prima.

La sua prima volta in Italia

La prima volta che vede l’Italia è il 1989. Ha 20 anni e la scopre a Viareggio durante il torneo giovanile. Il Newell’s Old Boys lo manda in prestito al Deportivo Italiano, piccola squadra fondata da emigranti italiani in Argentina. In quattro partite Batistuta segna tre reti e vince la classifica cannonieri. Qualcuno a Firenze segna il suo nome su un taccuino. Durante il soggiorno in Italia viene portato per la prima volta in uno stadio italiano per vedere una partita di A. È l’Artemio Franchi.

Gabriel Omar Batistuta

Arriva a Firenze nell’estate del 1991, dopo aver trionfato in Copa America mettendo a segno sei reti in sei partite. I tifosi viola aspettano un nuovo idolo dopo la partenza di Roberto Baggio. L’abitazione in cui va a vivere è la stessa che ha ospitato il Divin Codino. Per Batistuta è una stagione difficile. Teme di fallire e anche l’ambientamento nello spogliatoio non è facile.

Le difficoltà, però, svaniscono il 26 gennaio 1992. Al Franchi arriva la Juventus. I tifosi viola devono attendere appena sette minuti per esultare. Batistuta ha segnato. In quel momento l’argentino viene ribattezzato Batigol, poi diventato anche Il Re Leone. La storia d’amore tra lui e Firenze è appena iniziata. Termina il campionato con tredici reti all’attivo, dietro soltanto a giocatori come Van Basten, Baggio, Careca e Baiano.

IL RE LEONE

Nel 1995/96 la squadra arriva terza in campionato. Batistuta segna 19 gol e può finalmente alzare al cielo il suo primo trofeo. È la Coppa Italia, la chiave d’accesso per la Coppa delle Coppe. Prima di provare la cavalcata europea l’argentino si toglie lo sfizio di regalare al popolo viola anche la Supercoppa Italiana. Contro il Milan campione d’Italia è sua la doppietta decisiva: per la prima volta, a conquistare il trofeo è la squadra che l’anno precedente ha alzato la Coppa Italia e non lo Scudetto.

Altri articoli simili

Gabriel Batistuta e Manuel Rui Costa capaci di dare spettacolo .

Gabriel Batistuta
Gabriel Batistuta e Manuel Rui Costa

Gabriel Batistuta e Manuel Rui Costa ancora oggi i tifosi viola ricordano con nostalgia quei tempi in cui l’argentino e il portoghese si scambiavano il pallone per il bene della Viola.

Era l’estate del 1991 quando i viola acquistarono dal Boca Juniors lo sconosciuto Gabriel Omar Batistuta, centravanti fino a quel momento poco noto ai più in Europa, ma che da quel momento divenne l’idolo assoluto della Firenze calcistica. Batigol, come lo chiamavano i tifosi della Fiorentina, disputò in viola ben nove stagioni andando sempre in doppia cifra. La sua voglia di vincere e la sua capacità di vedere la porta in qualsiasi momento lo resero uno degli attaccanti più temibili del decennio e portarono la Fiorentina a sfiorare lo Scudetto in una serie di occasioni. 

Il portoghese Manuel Rui Costa

L’attaccante argentino fu protagonista di una serie di grandi campionati con la maglia della Fiorentina, ma non solo. Batistuta fu anche un membro fondamentale della nazionale argentina che vinse due coppa America di seguito nel 1991 e nel 1993. 

Gabriel Batistuta e Manuel Rui Costa

 Giocò per sei stagioni insieme a un altro fenomeno. Stiamo parlando del portoghese Manuel Cesar Rui Costa, un trequartista vecchio stile dal talento sopraffino e abilissimo a eseguire l’ultimo passaggio. I due formarono una delle coppie offensive più belle e divertenti del calcio italiano della seconda metà degli anni ’90, come indicato da tanti esperti del settore. Ancora oggi nei ricordi dei supporter della curva Fiesole e anche in quelli del lusitano Batistuta spicca come uno dei migliori compagni di squadra con il quale ha giocato.

Gabriel Batistuta , uno degli attaccanti più forti dell a storia .

Gabriel Batistuta , uno degli attaccanti più forti della storia

Gabriel Omar Batistuta è uno degli attaccanti più forti della storia del calcio. Il Re Leone nella sua lunga carriera ha vestito diverse maglie

Gabriel Omar Batistuta nasce ad Avellaneda, in Argentina, il 1° febbraio 1969 sotto il segno dell’Acquario. A differenza di altri grandi campioni, il futuro attaccante si avvicina al calcio a soli sedici anni grazie alla scuola superiore. Qui le sue qualità iniziano ad essere notate da diverse squadre argentine. Esordisce tra i professionisti con i Newell’s Old Boys prima di indossare le maglie delle grandi rivali River Plate e Boca Juniors.

La consacrazione definitiva arriva con la maglia della Fiorentina. Dopo un inizio non semplice. il Re Leone fa innamorare i tifosi con le sue giocate e i gol. Nove anni trascorsi in Toscana prima di cedere alle lusinghe della Roma di Fabio Capello. Al suo primo anno in giallorosso vince subito lo Scudetto, titolo che gli mancava in Italia. La sua carriera poi continua all’Inter e all’Al-Arabi prima di appendere gli scarpini al chiodo.

Gabriel Omar Batistuta malattia

Dopo il ritiro dal calcio Gabriel Omar Batistuta aveva abbandonato un po’ questo mondo. Diverse le indiscrezioni su possibili problemi di salute gravi – come la SLA – ma è lo stesso giocatore a smentire questa indiscrezioni ai microfoni della Tyc Sports. Il Re Leone ha dichiarato di aver trascorso nove anni complicati per un dolore lancinante alle caviglie. La situazione fortunatamente è migliorata giorno dopo giorno con l’attaccante che è tornato ed ora si augura di poter tornare nel mondo del calcio.

Articoli simili

Iscriviti alla Newsletter

Irina Fernandez , moglie dell’ex viola Gabriel Omar Batistuta .

Irina Fernandez, moglie dell’ex calciatore e allenatore Gabriel Batistuta, è innamorata della vita e della sua famiglia

irina fernandez
Irina Fernandez e Gabriel Batistuta

Domenica 7 aprile :

Irina Fernandez, la moglie di Gabriel Omar Batistuta, uno dei calciatori considerato campione non solo della Nazionale Argentina ma anche del calcio giocato italiano.  Della sua vita privata non ne sappiamo molto , visto che anche dal web non ci sono molte sue notizie .

Dalla loro unione, inoltre, sono nati anche due figli, maschi, e uno dei due ha deciso di lavorare in una copisteria, una decisione ben accolta soprattutto da papà Gabriel. Nel 2014, inoltre, si è parlato di una separazione di lei e del marito Gabriel, ma in reltà sono notizie senza alcun fondamento, dal momento che la loro unione e il loro matrimonio procede a gonfie vele. 

Batistuta a ” Ballando con le stelle ” con la moglie Irina . ( Foto )


Batistuta a Ballando con le Stelle: la prova d’amore per la moglie dopo l’operazione

ballando con le stelle
Batistuta e sua moglie Irina

Domenica 7 aprile :
Gabriel Batistuta è stato il protagonista della seconda puntata di Ballando . L’ex calciatore di Fiorentina e Roma è stato ospite del programma di Milly Carlucci in qualità di ballerino per una notte. Nonostante i recenti problemi di salute, il Re Leone non si è tirato indietro e ha accettato con coraggio e passione questa nuova sfida.
Con l’argentino la moglie Irina Fernandez, che ha ricevuto una dichiarazione d’amore in diretta. Subito dopo l’esibizione – curata dal professionista Marcello Di Nunzio, che si è anche esibito con Irina – Batistuta ha raccontato la sua storia d’amore con la moglie

“Ci siamo conosciuti in Argentina alla sua festa di compleanno. Io non ero stato invitato, mi ero imbucato e appena l’ho vista ho avuto i brividi. Mi è passata davanti e mi ha stregato. Ho la pelle d’oca ancora oggi, ha dichiarato Batistuta  .

Ballando con le stelle
Batigol e Irina

Dopo tanti anni passati a giocare a pallone il fisico dell’ex attaccante non è più lo stesso. “Ho sempre fatto di tutto per giocare, anche in condizioni non ideali. A 20 anni pensavo di essere Rambo, invece sono umano. 

Ho avuto danni alle due caviglie, non potevo stare molto in piedi 6-7 anni fa. Ho fatto un intervento alla gamba destra e ora non posso muoverla: è un intervento che fa in modo che la caviglia non si muova, perché non ho la cartilagine”, ha spiegato il campione.

Piazza della Signoria , in 6.000 per festeggiare Batistuta ( vedi le foto ) .

In migliaia , circa 6.000 tifosi viola per festeggiare il Re Leone .

piazza della signoria
Gabriel Batistuta in piazza della Signoria

Festa Batistuta in piazza a Firenze .
„Il raduno è iniziato ieri alle 17  e  ‘Batigol’  lo slogan scandito dalle migliaia di tifosi in onore del campione. Una festa annunciata da tempo, possibile grazie all’amore che il calciatore prova ancora per la squadra fiorentina e l’affetto di tutti i suoi tifosi.“

piazza della signoria
Gabriel assieme alla mamma
piazza della signoria

Festa Batistuta in piazza a Firenze
„Per motivi di sicurezza l’accesso alla piazza per il pubblico avverrà a partire dalle 17 di domenica 31 marzo esclusivamente da via Vacchereccia e da via dei Calzaiuoli, mentre per le persone disabili un accesso riservato è in via della Ninna.“

piazza della signoria
Tifosi viola in piazza della Signoria

Festa Batistuta in piazza in Firenze
„Inoltre, sempre per motivi di sicurezza, è stata emessa una apposita ordinanza  del sindaco che recepisce le richieste del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica riunitosi in prefettura con la quale viene fatto divieto di far entrare botti, vetri, lattine e spray urticante per autodifesa

piazza della signoria

Gabriel Batistuta : ” Non sarei mai andato alla Juve “

Il Re Leone in conferenza stampa : ” Il mio obbiettivo era vincere con la Fiorentina ”

gabriel batistuta
Gabriel Omar Batistuta

Sabato 30 marzo : Il Re Leone , ovvero Gabriel Omar Batistuta , arrivato a Firenze in occasione del suo compleanno , che festeggeremo in Piazza Della Signoria , ha cosi commentato : ” Non sarei mai andato alla Juve , il mio desiderio era quello di vincere con la Fiorentina .

Visitate la pagina Facebook : http://www.facebook.com/lafiorentinaebasta

Dati l’ex massaggiatore viola : Batistuta ci diceva , ” Oggi ci penso io “


L’ex massaggiatore della Fiorentina vicino al Re Leone: “Ci ha lasciato un po’ di caviglie a Firenze. Diceva sempre ‘oggi ci penso io’”

dati
L’ex attaccante della Fiorentina Gabriel Batistuta

Venerdì 29 marzo :
Luciano Dati, ex massaggiatore della Fiorentina e vicino a Gabriel Batistuta, ha parlato ai microfoni di Lady RadioFesta Batistuta? Ci sarò anch’io sul palco, sarò presentissimo! Settimana amarcord? Mi sta venendo la pelle d’oca, ripensando a quel periodo e pensando alle cose che ha fatto Gabriel: a volte non ci credo che ero lì”.

Io credo che meriti queste celebrazioni per il suo 50° compleanno, ci ha lasciato un po’ di caviglie a Firenze, in viola abbiamo sempre fatto delle terapie non d’urto. Bati mi diceva sempre ‘oggi ci penso io’. Cecchi Gori e Della Valle? Non si possono mettere a confronto, io con i Della Valle non ci ho mai lavorato. Vittorio ha regalato tanti aneddoti indimenticabili”.

Tanti auguri Gabriel Omar Batistuta

Gabriel Omar Batistuta uno degli attaccanti più forti di tutti i tempi .

Gabriel Omar Batistuta
Gabriel Omar Batistuta

L’ex attaccante viola Gabriel Omar Batistuta oggi compie gli anni e vogliamo , insieme ai tifosi augurargli i nostri più sinceri auguri di buon compleanno .

Batistuta è nato a Avellaneda ( Argentina ) il 1 febbraio 1969 . La sua famiglia ha origini italiane . Suo padre faceva il macellaio e sua madre era segretaria scolastica .

Esordisce nelle giovanili del Newell’s Old Boys e nel 1989/90 nel River Plate e nel Boca Juniors .                           Arriva alla Fiorentina  di Cecchi Gori nel 1991 . La sua prima partita in serie A fu nello stesso anno a Torino contro la Juventus , mentre la prima sua rete arrivò contro il Genoa .                                                                   La sua prima stagione in maglia viola si concluse con 27 presenze e 13 gol . L’anno successivo siglò tre triplette nelle prime sette partite , Lazio , Inter e Sampdoria e raggiunse 16 gol in 32 partite .

Batistuta nella stagione 1993/94 collezionò 16 presenze e 16 gol in serie B che contribuirono al ritorno in serie A della Fiorentina . Nella stagione 1994/95 il Re Leone vinse la classifica dei cannonieri con ben 26 gol .                           La sua ultima stagione in maglia viola fu quella 1999/2000 chiudendola con 23 gol in 30 partite , con la Fiorentina settima e qualificata in Coppa Uefa .