Tag Archives: Roberto Baggio

Baggio , è considerato il miglior calciatore italiano negli ultimi decenni

Roberto Baggio
Roberto Baggio

ROBERTO BAGGIO, CAMPIONE AMATO DA TUTTI GLI APPASSIONATI; IN QUESTA PRIMA PARTE ECCO IL SUO SBARCO NEL MONDO DEL CALCIO PROFESSIONISTICO E IL DEBUTTO IN SERIE A CON LA FIORENTINA

 Baggio viene considerato il miglior calciatore italiano degli ultimi decenni. Un mix di classe, talento, correttezza. Capace di essere più forte degli infortuni e della sfortuna. Baggio non è bandiera di una sola squadra: è una sorta di patrimonio comune, non è un caso che sia stato grande protagonista in Nazionale. Dopo l’esordio in serie B con il Vicenza, in serie A ha giocato con le maglie di Fiorentina, Juventus, Milan, Bologna, Inter, Brescia: Baggio non ha riservato il suo talento ai grandi palcoscenici, ha abbellito anche il calcio di provincia. Questa è la sua storia.

Nasce a Caldogno, in provincia di Vicenza, il 18 febbraio 1967. La sua è una famiglia numerosa, è il sesto di otto figli. Il padre è un grande appassionato di calcio e di ciclismo. Si dice lo abbia voluto chiamare Roberto in onore di Boninsegna. L’idolo di Roby bambino era Zico. L’ingrasso nel mondo del calcio professionistico avviene al Lanerossi Vicenza: nel 1983, a 16 anni, debutta in prima squadra;

Roberto Baggio
Roberto Baggio e Stefano Borgonovo

L’infortunio arriva proprio nei giorni della firma del contratto con la Fiorentina. Il club viola avrebbe la possibilità di recedere, ma sceglie di aspettare Baggio. Che nel frattempo ha 220 punti di sutura sulla gamba destra e che per l’inattività ha perso 12 chili. Il 21 settembre 1986 esordisce in serie A in Fiorentina-Sampdoria. Ma una settimana più tardi ecco un nuovo infortunio: lesione al menisco, nuovo intervento e altro stop forzato. Sembra una maledizione. Roberto non molla e rientra in campo a fine stagione, a distanza di quasi due anni dal primo incidente. Il suo primo gol in serie A arriva su punizione il 10 maggio 1987 contro il Napoli 

/ 5
Grazie per aver votato!

Baggio : Era il 18 maggio del 1990 a Firenze la rivolta dei tifosi .

baggio
L’ex calciatore della Fiorentina Roberto Baggio

Il 18 maggio del 1990 scoppia la guerriglia a Firenze tra i tifosi viola e le forza dell’ordine per la cessione di Roberto Baggio alla Juventus .

Il 18 maggio del 1990  a Firenze, in piazza Savonarola scoppia una guerriglia tra tifosi della Fiorentina e forze dell’ordine. A inizio anni 90 Piazza Savonarola è la sede della Fiorentina, oggi trasferitasi a Viale Manfredo Fanti, praticamente allo Stadio Artemio Franchi. Bersaglio della contestazione la famiglia Pontello, proprietaria del club. Motivo della contesa Roberto Baggio, uno dei giocatori più influenti e belli da vedere nella storia del calcio italiano.

Il principio del panico nel capoluogo toscano comincia quando il giornalista Cesare Castellotti, in diretta tv alla Rai, dopo la messa in onda dei canonici goal della Serie A in una normalissima domenica, annuncia la notizia del passaggio di Baggio alla Juventus.

Sarà smentito subito dopo dal collega in studio, ma col senno del poi la ragione sarà attribuita proprio a Castellotti.

Della vicenda Baggio e il suo clamoroso passaggio agli acerrimi rivali di sempre della Juventus conosciamo sicuramente tutti un episodio, quello della sciarpa lanciata al Divin Codino da un tifoso viola dalla Tribuna Coperta del Franchi, e poi subito raccolta dal fantasista.

Altro su Roberto Baggio

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio e i suoi tre figli , Valentina , Leonardo e Mattia

Roberto Baggio
Roberto Baggio assieme alla sua famiglia

Roberto Baggio e la moglie Andreina Fabbi, sposata nel 1989 hanno tre figli: Valentina, Leonardo e Mattia. L’ex calciatore vive insieme alla famiglia ad Altavilla Vicentina, dove gestisce la tenute di famiglia.

 La primogenita di Baggio e della FabbiValentina è nata nel 1990, a distanza da un anno dalle nozze dei genitori. Buddista come entrambi i genitori, la ragazza attualmente è impegnata come Social Media Manager per Renzo Rosso. Appassionata di viaggi, bikram yoga e calcio, la sua squadra del cuore è la nazionale Brasiliana. Vive a Milano. In occasione della sua nascita il settimanale Tv Sorrisi e Canzoni aveva omaggiato Roberto Baggio e la moglie per l’arrivo della primogenita, dedicando alla famiglia la copertina. Valentina e la madre Andreina sono nate lo stesso giorno. Ha lavorato come modella ed ha vissuto per un periodo in Brasile per girare un documentario.

Roberto Baggio
Roberto Baggio assieme alla sua famiglia

 il  diploma all’Istituto Cardinal Cesare Baronio di Vicenza. Nonostante suo padre lo abbia fatto crescere nel mondo del calcio, come anche per il resto della famiglia, il giovane Mattia non ha preso affatto la stessa strada. Tra gli interessi del secondogenito del “Divin Codino” i viaggi e la cucina, come si evince dagli scatti pubblicati sul profilo Instagram. Classe 2005, Leonardo è il piccolo di casa Baggio che ha seguito le orme del padre: 

Altri articoli su Roberto Baggio

/ 5
Grazie per aver votato!

Valentina Baggio : ” L’amore della gente per mio padre è incredibile “

valentina baggio
Baggio e la figlia Valentina

Le parole di Valentina Baggio , figlia del Divin Codino : “Sentire l’amore che le persone hanno per mio papà, anche, appunto, al di là del fatto che sia stato un grande giocatore, è qualcosa di incredibile. 

Valentina Baggio è la prima figlia. È nata nel 1990, ha 30 anni. I genitori, il padre e Andreina Fabbri, si sono sposati ad Altavilla Vicentina. Non sempre facile crescere da figlia del calciatore italiano iù famoso al mondo e, secondo alcuni, anche il più forte di sempre. Un aspetto che però non turba affatto Valentina, che ha Cosmopolitan ha detto come sia stato “meraviglioso” essere la figlia del Divin Codino.

“Sentire l’amore che le persone hanno per mio papà, anche, appunto, al di là del fatto che sia stato un grande giocatore, è qualcosa di incredibile. Mi sorprendo e mi emoziono ogni volta che qualcuno, e pensa che capita anche con la mascherina addosso perché gli somiglio ogni giorno di più, mi riconosce e mi dice cose belle su ‘Roby’, su quanto sia stato importante. Molto bello, e pure una grande responsabilità, perché i primi tempi a Milano ero abbastanza preoccupata di fare delle cavolate e che qualcuno glielo potesse riferire”. Valentina Baggio : ” Papà ha visto il film a lui dedicato e ha pianto “

Valentina Baggio attualmente lavora come social media manager presso Renzo Bosso, patron di Diesel. Vive a Milano. È appassionata di Yoga e dal padre ha ereditato la fede buddista. Ha raccontato che l’insegnamento più grande del padre è stato proprio l’insegnamento che lui stesso aveva ricevuto dal maestro Daisaku Ikeda. Non abbattersi mai, lottare, riuscire a preservare la propria felicità. Piuttosto seguita sui social: conta oltre 47mila follower su Instagram.Valentina Baggio : ” Ciao Nonno , sei stato come un papà “

/ 5
Grazie per aver votato!

Baggio per Agazio : ” Hai un cuore grande , supererai questo dolore “

roberto baggio
Roberto Baggio ospite a C’è posta per te

L’ultima sorpresa della puntata di sabato 22 gennaio di C’è posta per te è per Agazio, voluta da sua figlia Rosy che ha chiesto intervenisse in trasmissione Roberto Baggio.

La puntata di C’è posta per te di sabato 22 gennaio vede tra i suoi protagonisti uno dei grandi campioni del calcio italiano, ovvero Roberto Baggio, che è stato “la sorpresa” di una delle storie più toccanti della serata. Maria De Filippi racconta la storia di Rosy e di suo padre Agazio .

un uomo che ha dato la sua vita per accudire sua moglie, Anna, scomparsa dopo anni e anni di sofferenza dovuta alla sclerosi multipla. Il desiderio della donna, rivoltasi alla trasmissione di Canale 5, è quello di vedere suo padre nuovamente in grado di vivere e occuparsi pienamente di se stesso, nonostante l’assenza dell’unica donna che abbia mai amato nella sua vita.

La Figlia :

Sei sempre stato un padre premuroso e amorevole con noi. Il tuo amore per mamma è andato oltre, era una vera e propria venerazione. È difficile andare avanti, per noi, per me, per la tua famiglia, per le persone che ti vogliono bene, a lo devi fare soprattutto per te stesso. Devi sforzarti per tuo nipote, per me anche se sono una donna resterò sempre una bambina, per Checco che vive del tuo esempio di padre forte, dopo 40 anni a seguire i sogni dei tuoi figli, volevi tua moglie accanto, ma devi accettare di riempire il tuo vuoto. 

Le parole di Roberto Baggio ad Agazio :

È un piacere enorme per me. Devo dire che è emozionante e complimenti perché siete un esempio, a tutti. Dobbiamo guardare avanti hai due figli meravigliosi che ti vogliono bene, il tempo ti aiuterà, sono sicuro che ne verrai fuori alla grande perché hai questo, il cuore. In una serata di festa così ci devono essere dei regali. So che hai la passione per la cucina, quindi questo lo metterai quando cucinerai per i tuoi figli.

Dovrai comunicare, quindi quello vecchio lo buttiamo via (riferendosi al cellulare ndr) e poi questa è una cui tengo, fatta con il mio manager è una mia maglia autografata, perché sei una di quelle persone che fanno del bene in silenzio.

I nostri articoli su Roberto Baggio :

/ 5
Grazie per aver votato!

Valentina Baggio : ” Papà ha visto il film a lui dedicato e ha pianto “

Valentina Baggio
Valentina Baggio , figlia del Divin Codino .

La figlia del grande campione Valentina Baggio racconta di aver guardato “Il Divin Codino” con il papà: l’immagine è commovente

È la figlia Valentina Baggio a rivelare la grande commozione del papà, che ha rivisto e rivissuto la sua storia attraverso il piccolo schermo di Netflix. “Papà ha pianto per tutto il film… e voi?”, scrive in una storia Instagram la primogenita dell’ex attaccante, che anche in foto mostra ancora una volta la grande umanità e sensibilità che lo ha contraddistinto per tutta la sua carriera. Una mano sugli occhi per celare la grande emozione, in molti si saranno rivisti in questa bellissima e commovente immagine di un campione che ha segnato un’epoca.

I nostri articoli sul Divin Codino

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio omaggia Luis Enrique : “Onore a questo uomo”

Roberto Baggio
Roberto Baggio e Luis Enrique

Roberto Baggio ha voluto omaggiare l’allenatore della Spagna Luis Enrique dopo la sconfitta agli europei 2020 . ( fonte : Open Online )

l “Divin Codino” ha dedicato un post al commissario tecnico spagnolo, dove sottolinea la forza dell’allenatore reduce da anni difficili dovuti alla morte causata da un cancro alle ossa della figlia, avvenuta nel 2019. «Volevo comunque essere obbiettivo e sportivo», scrive Baggio sul proprio account. «Onore a questo uomo che ha avuto la forza di andare avanti dopo la scomparsa della figlia di soli 9 anni. Grande Luis Enrique, ci hai messo sotto. Siamo stati solo più bravi ai rigori».

Baggio e Luis Enrique si affrontarono sul campo nel lontano 1994, ai quarti di finale dei Mondiale negli Usa. La partita fu decisa proprio da una doppietta dell’italiano, mentre lo spagnolo fu protagonista di un duro scontro con Mauro Tassotti, che gli rifilò una gomitata in pieno volto. Il rapporto di Luis Enrique con l’Italia è stato altalenante: da allenatore della Roma non riuscì a contare su un progetto solido tale da metterlo a proprio agio nello sviluppo della squadra.

La gloria raggiunta al Barcellona fece capire la caratura del tecnico sfuggito alla Capitale. Già a ridosso dell’incontro tra le due selezioni, il tecnico aveva dimostrato profonda sportività, commentando il match in conferenza stampa come un momento di «grande calcio». «Sono felice per quello che ho visto», sottolinea Enrique davanti i giornalisti. «Ho goduto di una partita di alto livello con due squadre forti che cercavano di giocare un bel calcio, è stato uno spettacolo per i tifosi. Voglio fare i complimenti all’Italia, spero che in finale possa cercare di vincere questo Europeo. 

/ 5
Grazie per aver votato!

Baggio : Da quando Baggio non gioca più non è più domenica .

roberto baggio
Roberto Baggio

Roberto Baggio per quelli che lo hanno visto nella fascia di età fra i 10 e 20 anni è stato davvero qualcosa di speciale

È vero quindi che senza Roberto Baggio in campo abbiamo perso il goccio di sapore nel mordere il calcio con tutta quella voglia che avevamo quando il più grande campione sulla Terra era dei nostri? Per fortuna no, il lamento di Cesare Cremonini era lo sbuffo di un attimo, ogni giorno ormai qualcuno ci dà indietro quello che chiediamo da 90 minuti e più di divano assonnato, anche perché allo stadio per adesso non ci si può andare Il Divin Codino , il film su Roberto Baggio : In uscita il 26 maggio

Baggio
Roberto Baggio e Stefano Borgonovo

Ammirandolo quindi abbiamo fatto ragionamenti sul bello, sul giusto, sul desiderio, sulla negazione di esso, sul dolore e sulla mancanza. Quel “Non è più domenica” di Cremonini in fondo dice proprio questo e non possiamo che esserne grati per quello che ci ha mostrato con le sue ginocchia di cristallo.

roberto baggio
Roberto Baggio dopo il rigore sbagliato a Pasadena
/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio , oggi 18 febbraio compie 54 anni . Tanti Auguri

Roberto Baggio
Roberto Baggio con la moglie e la figlia Valentina

Tanti Auguri a Roberto Baggio , oggi 18 febbraio compie 54 anni

Buon compleanno Roberto Baggio. “Ho avuto la fortuna di veder giocare Meazza e ho pensato a lui quando ho visto Baggio”.

Parole che Gianni Brera pronuncio’ nel 1989, quando il codino ancora non ornava la chioma di Roby, ma il suo talento aveva gia’ conquistato tutti.

Oggi che taglia il traguardo dei 54 anni, Baggio e’ ancora un’icona, un monumento al calcio, capace di attivare strani episodi di feticismo: in Giappone come Cina, dove spesso sono stati messi in commercio addirittura le lenzuola dove l’ex fantasista dai piedi educatissimi aveva dormito.

Altri articoli su il Divin Codino :

/ 5
Grazie per aver votato!

Valentina Baggio : “Papà molto legato alla maglia della Fiorentina”

valentina baggio
L’ex calciatore di Fiorentina e Juventus Roberto aggio

Valentina Baggio , figlia del Divin Codino a cosi parlato di suo padre :

Ha cosi parlato Valentina Baggio , la figlia del Divin Codino: “Mio padre ha vestito tante maglie importanti, ma quella a cui è più legato è quella della fiorentina, oltre naturalmente a quella della nazionale. Con Firenze ha un legame speciale.

“Quando era a casa, papà ci faceva ascoltare i cori del Boca perché è innamorato del club argentino. Ci mettevano grande allegria. La maglia a cui è più legato? Papà ha vissuto bene ovunque, è molto legato a Firenze e sicuramente è legatissimo alla Nazionale. 

 Ho vissuto a Torino, Milano e Bologna, dalla Juve in poi lo abbiamo sempre seguito. A Brescia non siamo andati, papà sapeva che avrebbe smesso dopo poco e rimasi a Vicenza. Sono legatissima a Milano, ancora oggi è la mia città. Ma anche Bologna mi è piaciuta molto, ne sono affezionata”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio , lutto in famiglia : Morto il suocero Claudio .

Roberto Baggio
Roberto Baggio

Dopo la scomparsa del papà Florindo ad agosto e quella di Paolo Rossi, un’altra brutta notizia per Roberto Baggio: scomparso il suocero Claudio . ( Fonte : ViaggiNews.com )

Ancora brutte notizie per Roberto Baggio. Dopo la scomparsa di papà Florindo ad inizio agosto 2020 e quella di Paolo Rossi, presente al funerale a Vicenza in lacrime, è venuto a mancare da poche ore il suocero Claudio, che aveva compiuto gli anni da pochi giorni .

La triste notizie è stata data dalla figlia di Roberto, Valentina, che ha voluto dedicare parole ricche d’amore: “Ciao Nonno! Difficile racimolare qualche parola su chi tu sia stato per me. Sei stato un papà quando il mio non c’era, sei stato quella persona che ha insegnato a me e @willoebasta a cucinare. Uomo d’altri tempi, patrimonio mondiale di conoscenza e cultura di una volta, di tradizioni, di cucina, di natura”. 

Poi si può continuare a leggere: “Non esiste qualcosa che tu non sapessi fare, aggiustare o cucinare. Mi avevi promesso che mi avresti aiutato a fare l’orto in primavera. L’ultima volta che ti ho visto volevi a tutti i costi darmi una mancia per il mio compleanno, ti guardavo al di là di una finestra chiusa perché non potevo starti vicino”. 

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio : I gol e le statistiche del grande Baggio .

Baggio
L’ex calciatore della Fiorentina Roberto baggio

Tutti i gol e le statistiche del pallone d’oro Roberto Baggio .

Roberto Baggio , i gol e le statistiche di un grande calciatore italiano .

 Anno Squadra Categoria Presenze Goal fatti
2003BresciaSerie A2612
2002BresciaSerie A3212
2001BresciaSerie A1211
2000BresciaSerie A2510
1999InterSerie A196
1998InterSerie A235
1997BolognaSerie A3022
1996MilanSerie A235
1995MilanSerie A287
1994JuventusSerie A178
1993JuventusSerie A3217
1992JuventusSerie A2721
1991JuventusSerie A3218
1990JuventusSerie A3314
1989FiorentinaSerie A3217
1988

Fiorentina
Serie A3015
1987 FiorentinaSerie A276
1986FiorentinaSerie A51
1984VicenzaC1 2912
1983Vicenza C1 61
1982VicenzaC1 10
/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio , dal Lanerossi Vicenza alla Fiorentina

Roberto Baggio
Roberto Baggio , con la maglia del Vicenza

Roberto Baggio , da quando giocava con il Vicenza al suo arrivo alla Fiorentina .

Baggio nasce a Caldogno il 18 febbraio 1967 in via Marconi n°3.

Avrà un carattere testardo e sarà di religione buddista. Ha militato nelle più grandi squadre di calcio come il L.R. Vicenza, Fiorentina, Juventus, Milan, Bologna, Inter e Brescia. Si è sempre impegnato nella sua vita, anche a scuola dove purtroppo è stato respinto in seconda media perchè aveva in testa solo uno scopo e cioè quello di giocare a calcio. Non ha conseguito il diploma di ragioniere a due mesi dalla fine della carriera scolastica perchè è andato in ritiro con il L.R. Vicenza.

Roberto non ha avuto vita facile in campionato perché è sempre stato preferito, dagli allenatori, da altri giocatori ed una lunga serie di infortuni;

al contrario si è dimostrato insostituibile in nazionale dove per tre mondiali consecutivi, Italia ’90, USA ’94 e France ’98, ha fatto sognare ad occhi aperti migliaia di tifosi, ed è stato l’uomo chiave della Nazionale nel campionato del mondo “Stati Uniti ’94”. Era sicuramente l’uomo più atteso da migliaia di tifosi di tutte le nazioni.

Baggio
L’ex calciatore della Fiorentina Roberto baggio

La sua carriera

La carriera di Roby comincia a 17 anni con il L.R. Vicenza in serie C. Un periodo tranquillo per Baggio, senza grossi problemi. Purtroppo, però, durante la partita Vicenza-Rimini Roby ha un grave incidente, lesione ai legamenti del ginocchio destro. Sembra finita, ma non sarà così. Il 21 settembre 1986 con la Fiorentina fa esordio in seria A in una amichevole con la Sampdoria vinta per 1 a 0. Un nuovo infortunio al ginocchio ferma Roberto per quasi tutto il resto della stagione. Baggio va a Saint Étienne per essere operato. L’operazione riesce alla grande e, dopo il miracoloso recupero, Baggio rientra a fine campionato per segnare il suo primo goal in A, è il 10 maggio, e si tratta della punizione-goal contro il Napoli che dà ai viola la matematica salvezza.

L’operazione

L’operazione riesce alla grande e, dopo il miracoloso recupero, Baggio rientra a fine campionato per segnare il suo primo goal in A, è il 10 maggio, e si tratta della punizione-goal contro il Napoli che dà ai viola la matematica salvezza.
Tra Baggio e Firenze nasce un amore. Roby conclude la stagione calcistica a Firenze dove viene celebrato il suo matrimonio il primo luglio del 1989.

ma, alle 13.48 del 18 maggio 1990, la Fiorentina annuncia ufficialmente la cessione di Baggio alla Juventus per 18 miliardi (una cifra record per quei tempi), a Firenze scoppia la rivolta.

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio in lacrime ai funerali di Paolo Rossi

Roberto Baggio
Roberto Baggio ai funerali di Paolo Rossi

Roberto Baggio non è riuscito a trattenere l’emozione e la commozione durante il funerale di Paolo Rossi a Vicenza.

La mascherina non è riuscita a nascondere la grande commozione di Roberto Baggio. L’ex attaccante si è lasciato andare ad un pianto a dirotto in occasione dell’ultimo saluto a Paolo Rossi nella sua Vicenza. Emozioni troppo forti quelle dell’ex Divin Codino, che non ha mai nascosto l’ammirazione per un calciatore che è stato uno dei suoi idoli. Baggio, nativo di Caldogno in provincia di Vicenza, è stato sempre stregato all’ex bomber biancorosso capace poi di portare l’Italia sul tetto del mondo. E proprio sulle orme anche di Rossi, Baggio, è approdato alla Juventus prima e in Nazionale poi, con l’idolo che con il passare degli anni è diventato un amico con il quale condividere belle esperienze.

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio , le immagini e gli articoli sul Divin Codino

Roberto Baggio
Roberto Baggio e sua figlia Valentina

I nostri articoli e le immagini del Divin Codino in un unico articolo

I nostri articoli su Roberto Baggio

roberto Baggio
Roberto Baggio
/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio , dal Buddismo alla passione per la caccia .

Roberto Baggio
Roberto Baggio

Le cose da sapere sul Divin Codino

Roberto Baggio è considerato uno dei giocatori italiani più talentuosi della storia. Insieme a Totti e Del Piero è stato uno dei più forti fantasisti della storia della nazionale italiana e della Juventus.

Ad oggi ha 53 anni, è nato a Caldogno il 18 febbraio 1967. In carriera ha giocato con numerose squadre italiane: Vicenza, Fiorentina, Juventus, Milan, Inter e Brescia vincendo anche dei titoli.

Nelle sue 5 stagioni alla Juventus dal 1990 al 1995 ha totalizzato 200 presenze e ha segnato 115 reti.

Roberto Baggio

Roberto Baggio e il Buddismo

Dopo il ritiro, nel 2004, Baggio è diventato un dirigente sportivo. Ma si è occupato anche di molto altro. Ad esempio, ha aperto una Soka Gakkai (scuola laica buddista) all’interno di uno dei suoi locali, e ha scritto la sua autobiografia approfondendo la sua carriera, il suo rapporto con la fede buddista e molto altro.

Roberto Baggio moglie e figli

Da sempre molto riservato in merito alla sua vita privata, Roberto Baggio ha avuto un solo unico grande amore. Si tratta di Andreina Fabbi: Roberto l’ha sposata nel 1989, e dalla loro relazione sono nati tre figli: Valentina, Mattia e Leonardo. Valentina lo descrive spesso sui social come “l’uomo della sua vita“.

Roberto Baggio e la passione per la caccia

Roberto Baggio è un grandissimo appassionato di caccia. Trascorre mesi in Argentina per coltivare la sua passione insieme ad alcuni amici per cacciare le specie locali.

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio , la moglie Andreina Fabbi e i loro tre figli .

Roberto Baggio
L’ex Fiorentina Roberto Baggio

Solitamente restio a parlare del privato, l’ex calciatore racconta la sua vita accanto ad Andreina Fabbi e ai loro tre figli

Il punto fermo di Roberto Baggio porta il nome di Andreina Fabbri, la donna che ha sposato ormai trent’anni fa. L’ex calciatore lo racconta nell’ultima intervista rilasciata a Vanity Fair, dove fa un’eccezione alla regola della sua riservatezza e racconta le difficoltà nel conciliare carriera e vita privata. 

Roberto sulla moglie Andreina Fabbri

Sposi dal 1999, Baggio e Andreina hanno avuto tre figli, la maggiore Valentina, 28 anni, poi Mattia Leonardo. Le soddisfazioni familiari sono sempre andate di pari passo con quelle professionali per lo sportivo, ma non tutto è stato facile come sembrerebbe. Incalzato dal cantante Cesare Cremonini (che guida l’intervista nel numero speciale della rivista diretta da Simone Marchetti), il ‘Divin Codino’ lo racconta così: “(Mia moglie e i miei figli, ndr) ci sono sempre stati, con i modi e le parole giuste. So che non è stato facile per loro: la condizione del calciatore ti porta spesso lontano da casa per molti giorni, eppure loro c’erano. E ci sono ancora, il nostro rapporto non ha mai smesso di essere intenso. La vita mi ha dato anche questo grande privilegio”. 

/ 5
Grazie per aver votato!

Andreina Fabbi , la moglie dell’ex calciatore Roberto Baggio . ( foto )

andreina Fabbi
Roberto Baggio insieme alla moglie Andreina Fabbi

Andreina Fabbi , la moglie di Roberto Baggio .

Roberto Baggio è stato uno dei calciatori più amati, sostenuti e tifati in Italia. La sua fama lo precede decisamente, senza lasciare spazio nemmeno alla sua famiglia, che si trova da sempre sotto i riflettori. Lo sa bene sua moglieAndreina : ecco chi è la donna, cosa fa nella vita ed altre informazioni sulla sua persona.

Roberto Baggio , andreina fabbi
L’ex Fiorentina Roberto Baggio
Roberto Baggio , andreina fabbi
Roberto Baggio e sua moglie Andreina Fabbi

Andreina Fabbi è, fin dal 1989, la moglie e la compagna di vita di Roberto Baggio, uno dei calciatori più amati e seguiti dal pubblico di sempre. La donna compie gli anni il 30 di novembre ed ha, alle spalle, una bellissima famiglia. Andreina , infatti, è mamma di 3 figli: Valentina BaggioMattia Baggio e il più piccolo dei tre, Leonardo Baggio. Apri Popup

/ 5
Grazie per aver votato!

Morto Florindo Baggio aveva 89 anni , era il papà di Roberto

Florindo Baggio
Florindo Baggio insieme a suo figlio Roberto

In una clinica di Vicenza, all’età di 89 anni, è morto Florindo Baggio, era il papà di Roberto, ex grande calciatore di Fiorentina , Juventus , Inter e Brescia .

A 89 anni è morto Florindo Baggio, il papà di Roberto, straordinario calciatore italiano. Una triste notizia per Baggio che piange il genitore, che da tempo era ricoverato in una clinica di Vicenza. Roberto Baggio era molto legato al padre, che era malato e nelle ultime settimane ha avuto un peggioramento che si è rivelato poi fatale.

Morto il padre di Roberto Baggio
Proprio la famiglia Baggio ha fatto sapere che papà Florindo è mancato. Una triste notizia che è arrivata nella tarda mattinata di un sabato estivo. Florindo era sposato con Matilde e oltre al grande campione, Pallone d’Oro nel 1993, aveva avuto altri sette figli. Florindo non stava bene da parecchio tempo, le sue condizioni sono via via peggiorate nelle ultime settimane prima della morte, avvenuta in una clinica di Vicenza.

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio , morto il papà Florindo : aveva 89 anni .

Roberto Baggio
Roberto Baggio e suo padre Florindo

Morto il papà di Roberto Baggio all’età di 89 anni .

Lutto per Roberto Baggio : Oggi in una clinica di Vicenza dove era ricoverato da tempo dopo essersi ammalato, è mancato all’età di 89 anni il papà Florindo. Sposato con Matilde, oltre al Pallone d’Oro 1993, aveva avuto altri sette figli, tra cui Eddy, anch’egli calciatore sino alla serie B. A comunicare la notizia è stata la famiglia che vive a Caldogno (Vicenza), luogo di origine dell’ex campione che ha militato con Vicenza, Fiorentina e Juventus. Florindo  aveva seguito da vicino la carriera di Roberto, seguendolo dal vivo in moltissime sue partite assieme alla moglie, ma mantenendo la privacy in maniera rigorosa.

Altri articoli su Baggio

/ 5
Grazie per aver votato!

Baggio e gli scontri a Firenze per la sua cessione alla Juventus .

baggio
L’articolo de la Gazzetta della cessione di roberto Baggio alla Juventus

Roberto Baggio :Trent’anni fa l’Italia scoprì come il trasferimento di un calciatore potesse provocare disordini tra tifosi e polizia nel centro di una grande città .

«Notte di scontri in città, con attacchi alla polizia e lanci di molotov, e gli ultrà che tornavano continuamente alla carica in nuovi punti, mentre risuonavano le ambulanze e il traffico impazziva. Il questore ha imposto la chiusura dei locali pubblici alle 22.30. Sky : Un documentario su Baggio sul suo passaggio dai viola alla Juve . È stata la guerriglia finale dopo un attimo di pausa che aveva seguito alla prima fase della guerra, quella iniziata nel pomeriggio».

Fu la prima volta che la cessione di un giocatore fra grandi club italiani sfociò in una reazione così diffusa e violenta al termine di una lunga vicenda nella quale, secondo i giornali sportivi dell’epoca, «tutti i coinvolti guadagnarono qualcosa ma nessuno fece bella figura». Tutto girava intorno al trasferimento di Baggio, il miglior calciatore italiano dell’epoca – e probabilmente di tutti i tempi – dalla squadra in cui si era affermato in Serie A alla sua più grande rivale.18 maggio 1990 , Baggio dalla Fiorentina alla Juve. Firenze si ribella

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio e il rigore sbagliato nella finale a Pasadena .

roberto baggio
Roberto Baggio dopo il rigore sbagliato a Pasadena

Roberto Baggio, ancora oggi, deve convivere con quei fantasmi del passato che lo tormentano. Il primo, senza dubbio, è il rigore sbagliato nella finale tra Italia e Brasile ai Mondiali di Usa ’94.

«Ancora oggi, prima di andare a dormire, penso sempre a quella finale. Giocare una finale mondiale contro il Brasile era il mio sogno sin da bambino» – ha raccontato Roberto Baggio sul palco del Festival dello Sport a Trento organizzato da La Gazzetta dello Sport – «Non sarà stato il rigore decisivo, ma ho dato il colpo di grazia. Ho sbagliato tanti rigori in carriera, ma non avevo mai tirato così male come a Pasadena. Se avessi una bacchetta magica, sarebbe quello il primo episodio che cancellerei».

Un altro ricordo doloroso, per Roberto Baggio, è senza dubbio quello dell’esclusione dai convocati per il Mondiale 2002 in Corea del Sud e Giappone. L’ex ‘Divin Codino’ ha spiegato: «Anche quella è una ferita difficilmente rimarginabile. Per una volta sono disposto a passare per presuntuoso e arrogante, ma meritavo di essere convocato: avevo subito un’operazione e dopo 77 giorni ero tornato in campo, avevo fatto di tutto per esserci. Meritavo di andarci anche solo senza giocare, a parte che avrei giocato… Era forse qualcosa che il calcio mi doveva e non è stato così e forse è anche per questo che oggi mi allontano».

I nostri articoli su Baggio

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio e Andreina celebrano 30 anni di matrimonio

Roberto Baggio e la moglie Andreina

Valentina Baggio, figlia del Divin Codino e della moglie Andreina, celebra su Instagram  l’amore dei suoi genitori postando una dolcissima foto  .

Roberto Baggio e Andreina celebrano 30 anni di matrimonio : ancora sposati e sempre più innamorati dal 1989. Valentina Baggio, figlia del Divin Codino e della moglie Andreina, celebra su Instagram l’amore dei suoi genitori postando una dolcissima foto e accompagnandola con la didascalia: “Fidanzatini dopo 30 anni!”. “I miei genitori, 30 anni di matrimonio e 7 di relazione – ha scritto Valentina – Quando sono vicini ancora oggi, sembrano due fidanzatini che amoreggiano. A volte mi chiedo se sono nata nell’epoca sbagliata, se in questo momento storico siano ancora possibili rapporti di intimità, di complicità che si supportino e rispettino così. Un grande esempio di valori ormai antichi, che il nostro mondo sembra aver dimenticato o non sia in grado di far funzionare.

Altri articoli su Baggio

/ 5
Grazie per aver votato!

Biografia di Roberto Baggio : La carriera del Divin Codino .

biografia di roberto baggio
Roberto Baggio , la biografia

La Biografia di Roberto Baggio : La carriera del giocatore più forte di tutti i tempi .

La Biografia

Roberto Baggio nasce il 18 febbraio 1967 a Caldogno, in provincia di Vicenza. Inizia a giocare nella squadra della sua città. All’età di 15 anni passa al Vicenza, in serie C. Non ancora maggiorenne, nella stagione 1984/85, segna 12 reti in 29 partite e aiuta la squadra a passare in serie B.

La carriera

Il talento di Baggio non sfugge alla serie A: il giocatore viene ingaggiato dalla Fiorentina. Esordisce nella massima serie il 21 settembre 1986 contro la Sampdoria. Il suo primo gol arriva il 10 maggio 1987, contro il Napoli. L’esordio in nazionale risale al 16 novembre 1988, contro l’Olanda. Rimane con la Fiorentina fino al 1990, diventando sempre più il simbolo di un’intera città calcistica. Poi passa alla Juventus.

Appuntamento con i mondiali

Arriva poi l’appuntamento importantissimo dei mondiali casalinghi di Italia ’90. Baggio inizia il suo primo mondiale in panchina; nella terza gara il ct Azeglio Vicini fa entrare Baggio per farlo giocare in coppia con Schillaci. Contro la Cecoslovacchia segna una rete memorabile. L’Italia grazie anche ai gol di Baggio arriva in semifinale dove trova l’Argentina del temutissimo Diego Armando Maradona, che eliminerà gli azzurri ai calci di rigore.

Con la Juventus

Con la Juventus Baggio segna 78 reti in cinque campionati. Sono questi gli anni in cui raggiunge l’apice della sua carriera. Nel 1993 vince il prestigiosissimo Pallone d’Oro, nel 1994 il premio Fifa World Player. Con la maglia bianconera vince uno scudetto, una coppa Uefa e una coppa Italia.

Ceduto al Milan

La Juventus decide di puntare sul promettente giovane Alessandro Del Piero e Baggio viene ceduto al Milan. Gioca solo due stagioni in rossonero, dove viene considerato solo un sostituto. Fabio Capello non riesce a inserirlo nei suoi schemi e anche se alla fine vincerà lo scudetto, il contributo di Baggio al Milan sembrerà trascurabile.

Chiude la sua carriera il 16 maggio del 2004

Baggio accetta così l’offerta che arriva da Bologna. Ai mondiali di Francia ’98 Baggio è considerato riserva del fantasista Alessandro Del Piero che però delude le aspettative. Baggio gioca 4 partite e segna 2 reti. L’Italia arriva fino ai quarti dove viene eliminata dalla Francia che poi vincerà il prestigioso torneo. Baggio poi passa all’Inter per due anni. Chiude la sua carriera con il Brescia il 16 maggio 2004; al suo attivo vi sono 205 reti in serie A e 27 reti in 56 partite giocate con la maglia della nazionale.

Iscriviti ala Newsletter

/ 5
Grazie per aver votato!

Baggio e la sua ultima partita , il 16 maggio del 2004

Baggio
Roberto Baggio e la sua ultima partita

Il 16 maggio 2004 Roberto Baggio gioca la sua ultima partita da professionista, con la maglia del Brescia

Il 16 maggio 2004 Roberto Baggio gioca la sua ultima partita da professionista, con la maglia del Brescia. Baggio inizia la sua carriera nelle giovanili del Vicenza, dove debutterà poi in prima squadra all’ultima giornata di campionato di serie C1, il 5 giugno 1983. Nella stagione successiva diventa una presenza fissa in campo e diventa uno dei beniamini del pubblico durante la sua permanenza a Vicenza. Alla fine della stagione subisce un grave infortunio che lo costringe ad uno stop forzato di oltre un anno; poco prima del periodo di stop, viene comprato dalla Fiorentina.

La sua partita di debutto con la squadra toscana avviene al torneo di Viareggio nel febbraio 1986. Subisce un altro infortunio ma rientra in campo a fine stagione. Nei campionati successivi a Firenze diventa uno dei punti di riferimento della squadra, dove riesce ad arrivare in finale di Coppa Uefa (poi persa contro la Juventus). Nel maggio 1990 viene acquistato dalla Juve; rimane comunque molto legato ai tifosi e alla squadra fiorentina, tanto che nella prima partita con la maglia della Juventus contro i suoi ex compagni si rifiuta di calciare un rigore.

Nel ’98 si trasferisce all’Inter, dalla quale si congeda allo scadere dei due anni di contratto senza aver inciso particolarmente, a causa anche di incomprensioni con l’allenatore Lippi. Dal 2000 gioca con il Brescia, ed è con questa squadra che arriverà alla conclusione della carriera. A marzo 2004 contro il Parma segna il duecentesimo gol in serie A. La sua ultima partita la gioca a San Siro il 16 maggio 2004; a fine partita tutto lo stadio si alza in piedi e lo applaude. Alla fine della stagione il Brescia ritira la maglia numero 10 in suo onore. 

I nostri articoli simili

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio : La foto più belle del Divin Codino

roberto baggio
Roberto Baggio

Roberto Baggio , le foto e immagini più belle del Divin Codino .

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio e Andreina Fabbi , foto e curiosità su un grande campione

Roberto Baggio
Roberto Baggio e sua moglie Andreina Fabbi

Roberto Baggio , considerato uno dei giocatori più forti di tutti i tempi .

Biobrafia di Baggio .

Nato a Caldogno (Vicenza) il 18 febbraio 1967, sotto il segno zodiacale dell’Acquario, Roberto Baggio è il sesto di otto fratelli, tra cui spicca anche Eddy, altro campione di calcio. Sin da ragazzino suo padre Florindo ha cercato di spingerlo ad intraprendere il ciclismo, ma non c’è stato nulla da fare: Roberto era nato per avere il pallone ai piedi.

La vita privata :

Nonostante la sua popolarità, Baggio è sempre stato un uomo molto riservato. Ne è prova anche il fatto che non ha profili social attivi. È pur vero, d’altronde, che sulla sua vita privata non c’è molto da dire. C’è stata un’unica donna importante nella sua vita, Andreina Fabbi: Roberto l’ha sposata nel 1989, e dalla loro relazione sono nati tre figli – Valentina, Mattia e Leonardo.

La figlia Valentina

Nel corso della sua carriera ha ricevuto diversi soprannomi, tra cui Raffaello per il suo stile calcistico e Divin Codino per il suo look. -È stato cresciuto in una famiglia cattolica, ma da adulto si è convertito al buddismo. -Ha un’azienda agricola in Argentina, dove trascorre spesso diversi mesi. -Nel 1994, Forbes lo ha incluso nella lista dei 40 sportivi più pagati del mondo: il suo guadagno annuo si aggirava attorno agli 8,6 miliardi di lire.

Baggio con la maglia della Fiorentina

Dopo il ritiro, nel 2004, Baggio è diventato un dirigente sportivo. Ma si è occupato anche di molto altro, nel suo tempo libero. Ad esempio, ha aperto una Soka Gakkai (scuola laica buddista) all’interno di uno dei suoi locali, e ha scritto la sua autobiografia – Una porta nel cielo – approfondendo la sua carriera, il suo rapporto con la fede buddista e molto altro. Roberto Baggio: la vita privata

/ 5
Grazie per aver votato!