Omicidio Ciatti , scarcerato il ceceno che uccise Niccolò .

Niccolò Ciatti
Niccolò Ciatti , il ragazzo fiorentino ucciso in Spagna

Omicidio Niccolò Ciatti, scarcerato il ceceno che era detenuto a Rebibbia | Arresto annullato per difetto procedura

La corte di assise di Roma ha disposto la scarcerazione di Rassoul Bissoultanov, uno dei due ceceni accusati dell’omicidio di Niccolò Ciatti, il 22enne fiorentino pestato a morte l’11 agosto 2017 in una discoteca di Lloret de Mar, in Spagna. 

L’annullamento dell’arresto sarebbe dovuto a un difetto di procedibilità nei confronti dell’uomo. Bissoultanov avrebbe già lasciato il carcere di Rebibbia.

Custodia cutelerale

La misura di custodia cautelare in carcere del ceceno è stata revocata dalla corte di assise di Roma il 22 dicembre scorso, in accoglimento di un’istanza presentata dalla difesa dell’uomo.

Secondo quanto precisato nel provvedimento di revoca, la detenzione non poteva essere emessa perché Bissoultanov non si trovava in Italia al momento dell’emissione dell’ordinanza che disponeva il carcere nei sui confronti.

La presenza dell’indagato sul territorio italiano al momento dell’emissione dell’ordinanza, viene spiegato dai giudici facendo anche riferimento ad alcune pronunce della Cassazione, è condizione di procedibilità nel caso di reati commessi all’estero nei confronti di un cittadino italiano. 

Federico Chiesa : ” Nelle giovanili avevo pensato di smettere “

chiesa
Federico Chiesa e suo fratello

Federico Chiesa , ex calciatore della Fiorentina ha cosi parlato durante un’intervista del suo passato in maglia viola .

Le parole dell’ex viola Federico Chiesa : L’esordio in Serie A alla prima convocazione: si fa male Borja Valero e il mister mi mette in campo. Oppure quando, in prima squadra, Paulo Sousa ci mandava a giocare in primavera, per non farci perdere l’umiltà. Venimmo a Torino e vincemmo 4-2 contro la Juve: feci gol e assist. Lì dimostrai che do sempre il massimo, in qualsiasi partita, in qualsiasi contesto. Non capita spesso con i giovani”.

A un certo punto, nelle giovanili della Fiorentina non giocavo: per un fatto fisico, ma anche tecnico perché l’intensità della giocata non era quella dei miei coetanei. Allora papà mi disse: “Tu vai per la tua strada. E fa’ sì che ogni allenamento diventi una partita”. È stata la svolta per me”È vero che prima di questo consiglio, a 14 anni, stava per abbandonare il calcio“Sì. Non giocavo. Non potevo farlo nemmeno al campetto con gli amici, essendo sotto contratto. Pensai: “E se provassi qualcos’altro?”. Ma papà, e anche mamma, mi hanno sempre consigliato di non mollare. Li ho ascoltati”

Chiesa : ” Alla Juve la mentalità è di vincere ogni competizione “

Chiesa
L’ex Fiorentina Federico Chiesa

L’ex calciatore della Fiorentina Federico Chiesa ricorda i tempi di Firenze, tra l’esordio e le difficoltà nel settore giovanile . ( Fonte : Fiorentina.it )

Federico Chiesa, intervistato da Repubblica, torna sul suo passato alla Fiorentina: “Poca continuità? Penso sia dovuto a due anni in cui son venuti allenatori diversi, con idee differenti. Ora però stiamo tutti remando dalla stessa parte, e pensiamo partita dopo partita. È l’unico modo. Sono venuto qui con la mentalità di vincere qualsiasi competizione. Ora puntiamo alla Supercoppa contro l’Inter, poi alla Coppa Italia. Per il campionato, vedremo. E siamo agli ottavi di Champions: lì è tutto da scrivere”.

OLTRE AL CALCIO. Che cosa avrebbe fatto Federico Chiesa senza calcio? “Avrei studiato!”. Cosa? “I miei genitori mi avevano mandato alla scuola internazionale di Firenze. L’idea era quella di studiare all’estero, la mia passione è l’universo. Certo, fisica è alquanto dura. Ma mi sarebbe piaciuto”.

Italiano : ” Castrovilli deve riprendersi il centrocampo viola “

Italiano
Vincenzo Italiano in conferenza stampa

Nella prima parte di stagione mister Italiano ha potuto contare raramente sul suo talento. ( Fonte : Fiorentina.it )

Gaetano sta fuori più di un mese. Lo si rivede il 24 ottobre contro il Cagliari. Qualche presenza, poi lo stop muscolare dopo la debacle di Empoli. Un calvario continuo, che adesso sembra essere finito. Il gol del Bentegodi, il primo della sua stagione e l’ultimo dell’anno solare della Fiorentina, è un buon auspicio in vista della ripresa del campionato.

Sulla carta Castrovilli è un titolare di questa squadra, con Torreira e Bonaventura. La lotta per ri-prendersi il posto come mezzala sinistra sarà settimana dopo settimana con Maleh e Duncan, due che (per fortuna di Italiano) sono stati lasciati a casa per la Copa d’Africa dalle rispettive nazionali.

L’obiettivo di Castrovilli, però, è quello di riprendersi una titolarità piuttosto costante. Far bene in viola è l’unico modo per convincere Mancini a riportarlo in Nazionale. Per gli spareggi di marzo e per gli (eventuali) Mondiali in Qatar di fine anno.

Nardella torna a parlare del Franchi : ” Il livello del progetto sarà alto “

Nardella
Il sindaco di Firenze Dario Nardella

Il sindaco di Firenze Dario Nardella è tornato sulla questione del Franchi , queste le sue parole : ( fonte : Fiorentina.it )

Parla così il Sindaco di Firenze Dario Nardella a Repubblica sul tema Stadio Franchi:

PROGETTO. “Il livello sarà molto alto. Posso solo anticipare che coi nostri uffici stiamo capendo se possiamo trovare oltre ai 95 milioni del capitolo cultura altre risorse del Pnrr per gli interventi su Campo di Marte, dove l’investimento vale 150-200 milioni. Sarebbe una grande operazione per la città riuscire a realizzare tutto con risorse pubbliche”.

FIORENTINA“Per noi la collaborazione con Fiorentina è indispensabile. È stato lo stesso Commisso a non escludere che la realizzazione sia tutta a carico del Comune. È ovvio che dovremo fare una nuova concessione parametrata sulla base delle revenues del nuovo impianto che dovrà essere finito entro il 2026. Quella che scade nel 2022 sarà rinnovata alle stesse condizioni salvo piccoli aggiustamenti. Per l’accordo futuro, come base di partenza useremo lo studio sugli introiti del nuovo Franchi fatto fare proprio dalla Fiorentina a Deloitte”.

Biraghi sarà a disposizione di Italiano nella gara contro l’Udinese .

biraghi
Il difensore della Fiorentina Cristiano Biraghi

Il capitano della Fiorentina Cristiano Biraghi sarà a disposizione di mister Italiano nella gara casalinga contro l’Udinese .

 Cristiano Biraghi augura buone feste ai suoi tifosi. Il terzino della Fiorentina, assente nella gara di Verona a causa del cartellino rosso rimediato col Sassuolo, ci ha tenuto a fare un augurio speciale al popolo viola durante la vigilia di Natale e tornerà a disposizione di mister Italiano dalla prima gara del 2022 contro l’Udinese.

Amrabat sta per lasciare la Fiorentina. A Firenze non ha mai convinto

amrabat

Il marocchino Amrabat sta per lasciare la Fiorentina . A Firenze non ha mai convinto , per lui sta per finire la sua avventura in maglia viola .

 Amrabat questo è stato in maglia viola. Arrivato per volontà di Rocco Commisso aveva convinto tutti con un campionato pazzesco a Verona alla corte di Juric. Aveva scelto Firenze convinto di poter riabbracciare lo stesso tecnico anche al Franchi e invece così non è stato.

Si è ritrovato Iachini, Prandelli, di nuovi Iachini e poi Italiano. Tutti tecnici con cui non ha brillato e con cui ha avuto sempre meno spazio. A Firenze Amrabat non ha mai convinto, neanche quando giocava con una certa continuità. Adesso per lui è tempo di partire, intanto per la Coppa d’Africa. Ma il ritorno potrebbe non essere a Firenze.

Buon Natale a tutti i tifosi viola da La Fiorentina e Basta .

Buon Natale

La Fiorentina e Basta augura un Buon Natale a tutti i tifosi della Fiorentina .

Buon Natale da parte nostra .

  • Milan batte l’Atalanta , risultato importante anche per la Fiorentina .
    Milan
    Atalanta-Milan

    Il Milan batte l’Atalanta a San Siro , un risultato importante anche per la Fiorentina . ( fonte : Fiorentina.it )

    Il Milan a San Siro batte per 2-0 l’Atalanta e si avvicina allo scudetto. A segno Leao e Theo Hernandez entrambi nel secondo tempo. Ai rossoneri basterà un punto all’ultima giornata di campionato per cucirsi il tricolore sul petto. Scudetto che potrebbe arrivare già questa sera nel caso in cui l’Inter non riuscisse a vincere a Cagliari (che si gioca la salvezza).

    (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

    Ma è un risultato importante anche per la Fiorentina perché la sconfitta dell’Atalanta può dare ai viola la certezza di disputare una coppa europea la prossima stagione. Ma sarà necessario vincere domani a Genova contro la Sampdoria.

    (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});
  • Scudetto rubato , Bertoni : ” Il gol era valido , il fallo lo fece il portiere “
    scudetto rubato
    Ex viola Cuccureddu , Bertoni

    Nel maggio del 1982, la Fiorentina di Picchio De Sisti vide sfumare il titolo sul filo di lana e con un gol annullato, all’ultima giornata, a Ciccio Graziani.

    Quello scudetto, noi che facevamo parte di quella Fiorentina, ce lo sentiamo davvero un po’ nostro. Ne sono convinto. Lo perdemmo perché fummo penalizzati da diversi episodi arbitrali. Episodi che sarebbero stati ininfluenti se avessimo avuto un pizzico di fortuna in più“. Così parlò Ciccio Graziani a tanti anni di distanza dal pomeriggio del 16 maggio ’82. “L’arbitro sbagliò, annullò il mio goal che era valido. Voglio essere sincero – aggiunse Graziani – e per stare tranquillo, voglio continuare a pensare che Mattei sbagliò tutto. Ma in buona fede”.

    (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

    L’arbitro sanzionò un’ostruzione di Bertoni sul portiere avversario. Quell’episodio finì per sgonfiare l’undici di Picchio De Sisti e si tornò al nulla, o quasi, della prima frazione di gioco. La doccia gelata arrivò via radio da Catanzaro: Liam Brady, su rigore, spezzò l’equilibrio alla mezzora di gioco. Sacrosanto il penalty assegnato alla Juve come netto era quello che l’arbitro Pieri aveva negato nel primo tempo al Catanzaro, per una gomitata rifilata da Brio a Borghi. Lo scudetto imboccò la via per Torino. Con gli innesti di Monelli e Sacchetti, il tecnico gigliato tentò il tutto per tutto. Inutilmente. Lo 0-0 finale, al termine di una delle più noiose partite della stagione, premiò il Cagliari (ricacciando in B il Milan) e favorì la Juventus che quel pomeriggio di maggio si cucì sul petto la seconda stella.

    (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

    Ci hanno rubato il titolo”. Più misurato il commento a caldo di mister De Sisti. “Peggio di così non poteva andare, avrei preferito perdere nello spareggio anche perché, evidentemente, la Juve non è nettamente più forte di noi. Sul piano dei nervi e del rendimento abbiamo vinto il nostro scudetto. Purtroppo lo scudetto, quello vero, lo ha conquistato la Juve. Il gol di Graziani – concluse Picchio – per me era buono”. Per parecchi addetti ai lavori, Bertoni, chiuso fra due avversari ed il portiere, difficilmente avrebbe potuto fare fallo. Per Pecci e Graziani fu il replay, a distanza di pochi anni, del successo sfumato al fotofinish nel testa a testa Juve-Toro dell’annata ‘76/77.

  • Turci : ” La Sampdoria è una squadra di spessore e può battere chiunque
    Turci
    L’ex portiere della Sampdoria Luigi Turci

    L’ex portiere Luigi Turci : “Nessuno si aspettava che a due gare dalla fine non fosse ancora salva. ( fonte : Violanews )

    L’ex portiere blucerchiato Luigi Turci ha espresso la sua opinione sulla situazione della Sampdoria. Queste le sue parole al sito ilposticipo.it: “La Samp ha tutto ciò che serve per salvarsi in qualsiasi momento. È una squadra di spessore, possiede un grande staff tecnico, può battere chiunque”.

    (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

    Poi conclude: “Nessuno si aspettava che a due giornate dalla fine non fosse ancora salva. Le manca qualche punto, ma ci sono le basi giuste per essere estremamente ottimisti”.

  • Berti : ” Ci vuole un portiere giovane , io prenderei Carnesecchi “
    carnesecchi
    L’ex portiere di Fiiorentina e Sampdoria Gianluca Carnesecchi

    L’ex portiere della Sampdoria e della Fiorentina Gianluca Berti ha parlato in vista della gara di Marassi di lunedì . ( fonte : Fiorentina.it )

    Gianluca Berti ha parlato a Radio Bruno in vista di Sampdoria-Fiorentina: “Lunedì servirebbero tre punti a entrambi quindi sarà una sfida molto accesa. A Genova aspettano questa partita perché per loro c’è in ballo la salvezza quindi per la Fiorentina sarà una partita tosta. Penso che i viola dovranno soffrire con la Sampdoria“.

    (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

    Per me la Fiorentina merita di qualificarsi ad una competizione europea. In tutto il campionato i viola se la sono giocata con tutti. Anche a Genova mi aspetto lo stesso copione da parte della Fiorentina. Anche se sarà una partita importante contro la Sampdoria i viola dovranno portare avanti le proprie idee. I punti saranno pesanti anche per la Fiorentina. Vincerà chi avrà più cattiveria, più passione e più cattiveria“.

    (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

    Se Dragowski andrà via la Fiorentina per me dovrebbe andare a prendere un portiere giovane, di grande futuro, con Terracciano a fare il secondo e a fare da chioccia. Io prenderei immediatamente Carnesecchi prima che giochi in Serie A perché altrimenti poi la Fiorentina non lo prende più. Se è un profilo che piace va preso ora. Ha già fatto la sua esperienza in B e quest’anno ha vinto il campionato in una squadra che aveva i giovani più forti del campionato“.

    (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});
  • Bonaventura : ” A Firenze la mia vita è cambiata . Sono felice “
    bonaventura
    Jack Bonaventura

    Le parole del giocatore della Fiorentina Jack Bonaventura : ( fonte : Violanews )

    Giacomo Bonaventura, centrocampista viola, ha parlato ai canali ufficiali della Fiorentina:

    Era da molto che non segnavo e ci tenevo: è sempre bello aiutare la squadra. Avevo molta voglia di esultare anche dopo le ultime difficoltà. Ho avuto un infortunio al ginocchio che mi ha tenuto fermo, ma ora è passato e mi sono goduto il momento coi tifosi. Il Franchi? Già mi ricordavo prima di venire a giocare qui che lo stadio era molto caldo. Quando lo vivi da giocatore lo capisci ancora meglio. Un po’ di rammarico? Sì, perché avremmo potuto avere una classifica migliore, ma il passato è il passato. A Firenze? La mia vita è cambiata. E’ una città che dà la possibilità di vivere una vita che piace a me. C’è tranquillità ma in generale c’è tutto, sono felice”

    (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Ribery : ” Salvare la Salernitana sarebbe come vincere un trofeo “

Ribery
Ribery e il suo arrivo a Salerno

Le parole dell’ex calciatore della Fiorentina Franck Ribery : La salvezza della Salernitana sarebbe come vincere un trofeo “

L’attaccante della Salernitana, Franck Ribery, ha parlato al quotidiano francese L’Equipe:

In vent’anni di carriera ho conquistato un sacco di cose: la mia famiglia sta bene, sto bene anche io e potrei tranquillamente stare a casa, ma c’è ancora benzina nel motore. Qui sento l’amore della gente: è la mia adrenalina. Alla Salernitana i tifosi non fischiano mai. Sono tifosi veri, ci seguono sempre. Questa atmosfera mi ha incantato: mi piace questo calcio. Qui tutto trasuda di passione mediterranea, come a Marsiglia. Faremo di tutto per rimanere in Serie A. Una salvezza con la Salernitana sarebbe come vincere un trofeo. La mia vita è sempre stata una sfida: so che la missione di salvare la squadra è difficile, ma faremo di tutto”.

Galbiati : ” I 32 punti della Fiorentina sono più che meritati “

Galbiati
L’ex difensore della Fiorentina Roberto Galbiati

Le dichiarazioni dell’ex difensore viola sul pareggio tra i gialloblù e la squadra di Italiano . ( Fonte : Fiorentina.it )

L’ex difensore della Fiorentina, Roberto Galbiati ha parlato a Lady Radio:

“I 32 punti della Fiorentina sono meritati, ma nelle ultime due partite la squadra ha fatto un piccolo passo indietro. Sia con il Sassuolo che con il Verona, la Fiorentina ha fatto fatica. Due pareggi arrivati grazie all’aspetto caratteriale, non del gioco: può andare bene due volte, alla terza bisogna stare attenti. Il carattere va bene contro Sassuolo e Verona, con le big serve altro. Sono comunque due pareggi che comunque permettono di andare avanti e si possono vedere anche come due vittorie”.

VERONA. “Bisogna dar merito al Verona, perché ha giocato una grande partita, con ritmi alti, nonostante le tante defezioni tra infortunati e squalifiche. Il Verona l’ha preparata bene e per 60 minuti a surclassato la Fiorentina”.

La Fiorentina fa fatica a Verona , ma porta a casa un punto .

Fiorentina
Gaetano Castrovilli

La Fiorentina pareggia al Bentogodi contro il Verona grazie al gol di Gaetano Castrovilli .

Il pareggio della Fiorentina conro il Verona : Le pagelle di Fiorentina.it

Terracciano: 5. Salvato dal palo sul tiro-cross di Faraoni al 13′, non bene invece sull’1-0 di Lasagna: calcola male la traiettoria e resta a metà strada. Da rivedere anche la respinta finale su Hongla sui piedi di Simeone.

Venuti: 5,5. Lazovic gli crea più di qualche problema da quella parte, si propone anche poco in avanti.

(dal 69′ Odriozola: 6. Dà un po’ più spinta sulla destra)

Milenkovic: 6. Due grandi chiusure nei primi minuti dell’incontro, fa sentire il fisico in difesa e in fase offensiva.

Igor: 5. Indeciso sul gol di Lasagna, tiene in gioco l’avversario e non lo segue poi sul taglio. Scivola al 33′ e per poco non regala il gol a Simeone. Anche altre sbavature nella sua prova.

Terzic: 6. Parte con grandi difficoltà in avvio, poi prende coraggio e un po’ migliora alla distanza. Suo il cross che vale l’assist per il pareggio di Castrovilli.

Bonaventura: 6. E’ tra i più propositivi del primo tempo, anche se stavolta è più impreciso del solito. Ha un’occasione quando sfrutta una scivolata dell’avversario, ma a pochi metri dalla porta viene murato da un difensore: poteva far meglio.

(dal 46′ Castrovilli: 7. Ritrova il gol dieci mesi dopo l’ultima volta, una rete pesante e meritata per come era entrato in campo. Si propone, tenta qualche giocata e sfiora la rete anche con un tiro deviato al 64′. Prima del tuffo di testa che vale il pareggio .

Torreira: 6. Non al livello delle ultime prove, anche perché nella fase centrale della partita gioca un po’ troppi palloni alla cieca in avanti. Ma nel complesso è tra i migliori in mezzo al campo.

Duncan: 5,5. Alterna buone cose ad errori, molto grave però il gol che si divora all’82’ e che poteva valere il vantaggio. Mezzo voto in meno per questo.

Gonzalez: 5. Parte a destra, poi si sposta a sinistra. Ma non trova praticamente mai la giocata giusta. Può fare certamente meglio.

Vlahovic: 6. Si batte nei corpo a corpo con gli avversari, ce la mette tutta anche se di palloni giocabili in area ne arrivano davvero pochi. Un tiro fuori nel primo tempo, diagonale a lato nella ripresa. I suoi compagni sono spesso lontani, la Fiorentina lo usa spesso come perno offensivo per creare qualcosa. Fa quel che può nella guerra continua con tutti i difensori del Verona.

All. Italiano: 5,5. Mezzo punto in più per il pareggio alla fine conquistato, ma quella del Bentegodi è forse la peggior Fiorentina della stagione. Grandi difficoltà nel creare gioco, tanti palloni buttati in avanti su Vlahovic senza riuscire ad accompagnare poi l’azione. È anche sfortunato perché perde Bonaventura e Saponara per infortunio, ma Castrovilli lo ripaga con il gol del pari da subentrato. Bene comunque il punto ottenuto in rimonta, ma la prestazione resta negativa.

Fiorentina-Salernitana 4-0 , i gol di Bonaventura , Vlahovic e Maleh

La Vittoria de viola nella gara casalinga tra Fiorentina-Salernitana . I gol di Bonaventura , la doppietta di Dusan Vlahovic e il gol di Maleh portano la squadra di Italiano al quinto posto in classifica .

Pagelle di La Fiorentina.it

Fiorentina vince 4-0 con la Salernitana e centra la terza vittoria di fila con un’altra goleada al Franchi. Torreira padrone del centrocampo, Dusan non si ferma più.

Terracciano: 6,5. Stavolta più impreciso del solito con i piedi, ma i suoi interventi risultano importanti perché arrivano in momenti cruciali del match. Parte con una buona uscita fuori area su Simy, con posizionamento giusto come chiede Italiano. Poi è bravo su Obi e nella ripresa si allunga sul tiro di Delli Carri. La cosa migliore la fa però su Simy, quando la Salernitana spinge per rientrare in gara: bravissimo a togliere la palla dall’angolino basso.

Odriozola: 6. Spinge tanto specialmente nel secondo tempo, in fase difensiva però rischia più volte su Ribery e non solo.

(dall’87’ Venuti: sv).

Milenkovic: 6. Primo tempo discreto, si prende subito un giallo e usa il fisico per sbrogliare qualche situazione delicata. Resta negli spogliatoi forse anche a causa dell’ammonizione ricevuta.

Martinez Quarta: 6,5. Alterna ottime cose a coperture non perfette, ma alla fine se la cava contro Simy e compagni. Graziato dall’ex Crotone sul gol annullato per fuorigioco.

Biraghi: 6,5. Si sgancia molto e sfrutta soprattutto i tagli di Gonzalez che gli lasciano spazio, a referto un buon cross per Vlahovic ma anche il movimento profondo in area che porta poi al gol di Bonaventura. In chiusura di primo tempo sfiora anche il gol ma non è fortunato nel tap-in. Nella ripresa si arrabbia con sé stesso per un paio di cross non perfetti, ma è prezioso a macinare chilometri su quella corsia. Anche se alla distanza Italiano lo richiama ad una maggiore copertura difensiva.

Vlahovic: 8. Un’altra doppietta per salire a 32 gol nell’anno solare e staccare momentaneamente Immobile nella classifica marcatori del campionato. Una furia nonostante quel duro colpo alla caviglia a fine primo tempo avesse tenuto in apprensione Italiano e il suo staff. Nel primo tempo un colpo di testa fuori e poche occasioni, ma nella ripresa si scatena prendendosi sulle spalle la squadra. Prima il 2-0 con un bel tiro da fuori, su cui comunque è chiara la complicità di Belec (bello anche il bacio verso i tifosi). Poi, dopo aver mandato in porta Gonzalez, si fa vedere ad aiutare la squadra a metà campo nei minuti in cui la Salernitana provava a riprendere la partita. La sua rete all’84’ chiude definitivamente il match, così come dal suo tiro nasce il poker di Maleh.

Nardella : ” La squadra mi diverte molto , sarà una bella stagione “

Nardella
Il sindaco di Firenze Dario Nardella

Il sindaco di Firenze Dario Nardella a cosi commentato : Mi diverte molto questa Fiorentina ed è proprio una bella stagione . ( fonte : Fiorentina.it )

Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha parlato a Radio Bruno del momento della Fiorentina:

COMMISSO. “Ho sentito Barone il giorno stesso in cui Commisso è ripartito ed era tranquillo e fiducioso. Dobbiamo mantenere tutti questo spirito. Stasera la Fiorentina festeggerà il Natale al Maggio Musicale con tutti gli amici più stretti, sarà un’occasione per mandare un grande abbraccio a Rocco da Firenze”.

FIORENTINA. “La squadra mi diverte moltissimo, poi vince anche. Purtroppo ogni tanto cala con squadre alla portata: è curioso come con le grandi sia quasi andata meglio. Però è una bella stagione”.

Bologna-Fiorentina 2-3 , la viola vola al quinto posto

Biraghi , fischi
Dusan Vlahovic e Cristiano Biraghi

Al Dall’Ara Maleh, Biraghi e Vlahovic firmano il tris. Per i rossoblù a segno Barrow e Hickey

Bologna-Fiorentina : Fiorentina nella lotta per un posto in Europa. Nel lunch match della 16.ma giornata di Serie A la squadra di Italiano batte 3-2 il Bologna sale al quinto posto. Al Dall’Ara nel primo tempo Barrow (42′) risponde a Maleh (33′), poi nella ripresa la Viola va sul 3-1 con una punizione di Biraghi (52′) e un rigore di Vlahovic (67′) e nel finale resiste al forcing rossoblù dopo la rete di Hickey (83′).

Fiorentina (4-3-3): Terracciano 6; Odriozola 6, Milenkovic 6, Martinez Quarta 6, Biraghi 7 (40′ st Terzic sv); Bonaventura 6,5, Torreira 6,5 (40′ st Amrabat sv), Maleh 6,5 (33′ st Duncan 6); Gonzalez 7,5 (33′ st Callejon 6), Vlahovic 6, Sottil 5,5 (40′ st Saponara sv).
A disp.: Rosati, Cerofolini, Pulgar, Venuti, Benassi, Kokorin, Igor. All.: Italiano 6,5
Arbitro: Irrati
Marcatori: 33′ Maleh (F), 42′ Barrow (B), 7′ Biraghi (F), 22′ st rig. Vlahovic (F), 38′ st Hickey (B)
Ammoniti: Dominguez, Theate, Soumaoro (B); Torreira, Milenkovic, Amrabat (F)

Rocco Commisso con la polmonite , rientra negli Usa per curarsi .

commisso , fiorentina
Il patron viola Rocco Commisso

Il presidente gigliato era arrivato in Italia già malato, ha deciso di rientrare in America per curarsi

Brutte notizie per il presidente della Fiorentina Rocco Commisso. Il patron gigliato ha infatti contratto una forma fastidiosa di polmonite che lo ha portato a lasciare l’Italia per tornare negli Stati Uniti.

A comunicarlo è stata direttamente la Fiorentina con una nota ufficiale sul proprio sito: “Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso, arrivato in Italia già con una fastidiosa polmonite, d’accordo con lo staff medico della società e lo staff medico che lo segue in America, ha deciso di rientrare negli Usa nella giornata di oggi”.

Fiorentina-Sampdoria 3-1 , le reti di Callejon , Vlahovic e Sottil .

Vlahovic , Fiorentina-Sampdoria
L’attaccante della Fiorentina Dusan Vlahovic

Finisce 3-1 Fiorentina-Sampdoria : Fermati i blucerchiati, reduci da due vittorie consecutive. Gabbiadini la sblocca, ma i viola giocano meglio e rimontano . ( Fonte : La Gazzetta .it )

 Tre a uno a una Sampdoria improvvisamente (e inspiegabilmente) dimessa, incapace di capitalizzare l’iniziale vantaggio di Gabbiadini, e poi ribaltata dai tre acuti viola di Callejon, Vlahovic (dodicesimo centro in campionato: solo Lewandowski nel 2021 ha segnato più di lui) e Sottil. Pratica già chiusa prima dell’intervallo. D’Aversa e la Samp andavano in cerca della terza vittoria di fila, dopo i successi contro Salernitana e Verona, ma ha dovuto fare i conti con la forza, la qualità e la voglia di riscatto della Fiorentina dopo l’inatteso stop di Empoli.

Nei viola c’è Martinez Quarta titolare in difesa, con Vlahovic al centro del tridente offensivo, che vede Callejon e Sottil sugli esterni. I blucerchiati, con Ferrari e Colley coppia centrale difensiva, puntano su Gabbiadini e Caputo in attacco. 

La gara

L’avvio è dei padroni di casa con una punizione di Biraghi (4’) fuori misura di poco e una conclusione forte ma centrale di Vlahovic: Audero blocca a terra. Gli ospiti, però, non stanno a guardare. Al 10’ la Sampdoria colpisce e va in vantaggio: sul cross dalla destra di Candreva (di sinistro…), Gabbiadini (15’) di testa anticipa Igor e Martinez Quarta, firmando il suo primo gol stagionale di un campionato sin qui poco fortunato. Il gol dello zero a uno dà la scossa ai viola, che otto minuti dopo, dopo avere aumentato l’intensità della manovra, pareggiano: cross dalla sinistra di Sottil e Callejon sul secondo palo brucia Murru e va a segno. Uno a uno e partita riaperta. Ritmi alti, la squadra di Italiano è sempre più padrona del gioco. Al 32’, la dodicesima perla in campionato di Vlahovic porta in vantaggio la Fiorentina: cross dalla destra di Bonaventura, con Colley scavalcato dal pallone e il tocco perfetto di controbalzo dell’attaccante serbo beffa Audero. Bereszynski (39’) arriva sulla destra e scarica una conclusione fuori misura. Tutto inutile: la Samp va a fiammate, ma la squadra di Italiano schiaccia e spinge forte. Così, al 45’, arriva il tre a uno che di fatto manda k.o.i blucerchiati. Una combinazione Biraghi-

Secondo Tempo

Blucerchiati al tappeto, e l’inizio della ripresa non regala cambi di passo alla squadra di D’Aversa. Perché la Fiorentina è all’apparenza più guardinga, ma in realtà è sempre pronta a sfruttare la profondità verticalizzando il gioco sugli esterni. I blucerchiati cercano una svolta e allora provano la doppia carta offensiva Quagliarella-Ciervo (fuori Caputo e Verre), con Augello al posto di uno spento Murru. La squadra di Italiano però resta attenta, gioca una gara intelligente, non si abbassa e, soprattutto, dà pochi riferimenti a un avversario che dalla mediana in su fatica maledettamente e ritrova quei limiti che l’avevano frenato prima della vittoria scaccia crisi di Salerno.

Greta Beccaglia , le scuse di Commisso : ” Non dormo da tre giorni “

rocco commisso , greta beccaglia
Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso

La Beccaglia si confessa a RadioRai e racconta il suo momento. L’altro accusato di violenza sessuale è un 48enne di Reggello, subito punito col Daspo di due anni

C’è un secondo indagato per violenza sessuale nei confronti di Greta Beccaglia, la giornalista palpeggiata sabato scorso all’esterno dello stadio Castellani di Empoli, mentre era impegnata in una diretta per Toscana Tv, dopo la partita tra Empoli e Fiorentina.

Si tratta di un 48enne di Reggello e anche per lui sarebbe è già scattato un daspo di due anni. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, anche sulla base della denuncia della vittima, il 48enne le si sarebbe avvicinato dopo che la cronista aveva subito la molestia di Andrea Serrani (indagato e con un daspo di tre anni), e l’avrebbe volutamente urtata, cercando un contatto fisico. Il 48 enne sarebbe già stato iscritto nel registro degli indagati per l’ipotesi di reato di violenza sessuale.

Greta ha poi raccontato allo stadio Franchi il gesto del presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, poco prima dell’inizio di Fiorentina-Sampdoria: “Mi ha chiesto scusa a nome del tifoso, poi abbiamo parlato e fatto una foto. È stato molto carino e mi ha espresso tutta la sua solidarietà. Tornare allo stadio? Vorrei ricominciare subito a lavorare, per me l’obiettivo è tornare alla normalità e spero che quello che è successo possa cambiare qualcosa”.