Italiano : ” Il gol di Defrel porta via tutto il buono che abbiamo fatto “

italiano
Il tecnico della Fiorentina Vincenzo Italiano

Queste le dichiarazioni di Vincenzo Italiano, tecnico della Fiorentina, ai microfoni di DAZN: “Grande amarezza, il gol di Defrel porta via tutto quello che abbiamo fatto di bello oggi. 

 Ancora una volta in inferiorità eravamo riusciti a far gol e raddrizzare una partita difficile. Mi dispiace, in quegli ultimi secondi si poteva fare di più. Oggi la squadra si è espressa come fatto nell’ultimo periodo. Abbiamo cambiato 5 elementi e continuiamo a fare ottime prestazioni, di questo sono contentissimo. Però sono molto dispiaciuto, perché ci tenevamo a continuare la striscia positiva”.

Sull’espulsione di Bonaventura :

“Non so cosa si sia detto con l’arbitro, però per me non può fare questo errore. Con la sua esperienza, col fatto che dovevamo recuperare… Non è la prima volta che capita, sono arrabbiato. Non è possibile, continuiamo a finire le partite in inferiorità. Non va bene”. 

I ragazzi credono in quello che cerchiamo di proporre. Questa è una situazione dove in tanti hanno la forza d’urto di andare a contrasto e recuperare palla. E’ un principio che abbiamo, i ragazzi sono dentro a questo modo di andare a recuperare la palla e lo stiamo facendo bene e tenerlo per lunghi tratti. Però anche oggi abbiamo avuto ripartenze in cui potevamo fare molto più male”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Orlando : ” La Fiorentina può competere fino alla fine per l’Europa “

Orlando
Il giocatore della Fiorentina Piatek

L’ex difensore gigliato Alessandro Orlando protagonista ai microfoni di TMW Radio. Queste le sue considerazioni più interessanti sulla Fiorentina di Italiano:

Non sono sorpreso dall’ottimo momento di forma, la Fiorentina ha sempre giocato un buon calcio. Con Piatek mi sembra di rivedere, con le dovute proporzioni, quando Higuain è andato via dal Napoli e Sarri ha trovato in Mertens un altro finalizzatore. 

Per sostituire i gol di Vlahovic c’è un gioco di squadra e situazioni provate e riprovate in allenamento. Lazio e Roma stanno facendo il compitino e per me la Fiorentina può provare a dire la sua fino alla fine per le coppe europee.

/ 5
Grazie per aver votato!

Baggio : ” Non riesco a dimenticare quel giorno a Pasadena “

baggio
Baggio si dispera dopo il rigore sbagliato ai mondiali a Pasadena

l Divin Codino si racconta in una lunga intervista a Rai Sport: “C’è una sola cosa che mi rimprovero della mia carriera, quel giorno a Pasadena.

C’è una cosa sola che mi rimprovero, che non riesco a dimenticarmi: quel giorno a Pasadena“. Sono trascorsi quasi 28 anni dai Mondiali 1994, ma per Roberto Baggio è ancora vivo il ricordo della finale persa a Pasadena, negli Stati Uniti, contro il Brasile con un suo calcio di rigore sbagliato. Un momento rispolverato dal Divin Codino in un’intervista per i suoi 55 anni: “

Gli anni purtroppo si sentono e passano per tutti – racconta a Rai Sport -. Però bisogna avere lo spirito giusto per affrontarli. Mi sembra che il tempo stia correndo troppo veloce. Forse l’età, forse gli impegni, tutto sembra correre molto più veloce di una volta. Mi sorprende l’affetto della gente visto che sono tanti anni che ho smesso. È la cosa più bella e profonda che mi sia rimasta del calcio”.

“Invidio chi gioca ancora”

Dopo il ritiro nel 2004, Roberto Baggio si è allontanato dal mondo del calcio. Un rapporto mutato nel corso degli anni: “lo vivevo il calcio un’altra maniera – spiega l’ex attaccante – forse sono invidioso e geloso verso chi lo può ancora praticare e vivere e allora a volte mi allontano anche per questo. Perché vorrei poter tornare a vivere qui momenti in cui rincorrevo una palla”.

Baggio ha parlato anche della pandemia e di quanto la fede (pratica il buddismo da oltre 30 anni) lo abbia aiutato negli ultimi 24 mesi: “Credo che i giovani siano quelli che forse hanno sofferto di più. Per questo noi genitori abbiamo il dovere di stargli vicino a loro per darli i giusti stimoli per affrontare il futuro con speranza, perché ne hanno bisogno.

I nostri articoli su Roberto Baggio :

/ 5
Grazie per aver votato!

Borja Valero : ” Volevo chiudere la mia carriera con la Fiorentina “

Borja Valero
L’ex Fiorentina Borja Valero

L’ex calciatore della Fiorentina Borja Valero ha cosi commentato durante un’intervista : ( fonte : Fiorentina.it )

Borja Valero ha parlato a ViolaFun: “Il mio pensiero era quello di fare un altro anno con la Fiorentina per chiudere in bellezza davanti alla gente. Dopo tanti anni in viola pensavo di meritarmelo ma la società la pensava in maniera diversa. Mi sarebbe piaciuto lavorare con Italiano perché il suo calcio è più vicino alle mie caratteristiche“.

: “Non credo di essere una leggenda della Fiorentina, ci sono giocatori molto più importanti di me. Credo che gli ex giocatori possano solo far bene alle società. Avere qualcuno dentro che abbia vissuto dal campo e che sappia cos’è la Fiorentina per la gente potrebbe solo far bene. Com’era avere Antognoni in società per esempio“.

Ha parlato anche su Vlahovic :

 “Mi pare partita alla grande. Hanno portato Piatek che ha avuto un grande impatto con la squadra, e non era semplice. La Fiorentina è stata brava a portare due attaccanti per uno che è andato via. Cabral più magari per il futuro mentre Piatek sapeva già tutto. E’ dispiaciuto a tutti noi tifosi della Fiorentina. Non è bello vedere un giocatore viola finire alla Juventus. Le scelte però vanno rispettate. Lui ha deciso questo anche se tutti non sono d’accordo“.

Sulla Coppa Italia :

L’aspetto emozionale è sempre importante in queste partite. Contro la Juve non è mai una partita come le altre. La Fiorentina ha dimostrato di potercela fare contro tutti quindi penso che potrà mettere in grossa difficoltà la Juve. I viola possono passare il turno, perché no“.

/ 5
Grazie per aver votato!

Italiano ha trasformato la Fiorentina in una squadra forte e compatta

Italiano
Vincenzo Italiano

Il tecnico viola Vincenzo Italiano sta cambiando marcia alla Fiorentina , trasformandola in una squadra forte e compatta . ( fonte : Fiorentina.it )

Vincenzo Italiano ha cambiato marcia alla Fiorentina trasformandola in una squadra forte, compatta e soprattutto convinta dei propri mezzi.

L’allenatore si è preso Firenze in sette mesi. Dal giorno della presentazione, quando aveva prospettato un calcio-spettacolo, fino ad ora quando ha mantenuto la promessa. Firenze si diverte e fa punti: un risultato straordinario. Il rapporto di simbiosi tra l’allenatore e la città è sempre più stretto. La passione e l’entusiasmo sprigionati dal tecnico durante la gara contro l’Atalanta non sono passati inosservati, così come i numeri che Italiano sta mettendo insieme.

I punti in più della Fiorentina rispetto alla scorsa serie A sono 17. Nello stesso numero di gare giocate e cioè 25 (esclusa quindi l’Udinese). Inoltre può vantare pure il secondo miglior attacco delle ultime 10 stagioni viola con 44 reti realizzate fino a oggi. Meglio nel decennio aveva fatto soltanto nel 2012-13 la formazione di Montella che aveva messo a segno 45 gol dopo 25 gare.

/ 5
Grazie per aver votato!

Adani : ” Annullare il gol all’Atalanta è contro lo spirito del gioco “

Adani
L’ex Daniele Adani

L’ex calciatore Daniele Adani ha cosi commentato il gol annullato all’Atalanta nella gara contro la Fiorentina .

Daniele Adani a Radio Deejay ha commentato il gol annullato all’Atalanta: “Senza nulla togliere alla Fiorentina per quanto fatto annullare il gol all’Atalanta è contro lo spirito del gioco perché Hateboer non è quasi mai in gioco mentre Malinovski è dietro di diversi metri ed è dentro l’azione. L’arbitro non è neanche andato a rivederlo al VAR. Per me non era da annullare”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Borja Valero sul gol annullato : ” Doveri era da richiamare al Var “

Borja Valero
Borja Valero , l’ex calciatore della Fiorentina

B. Valero sul gol annullato a Malinovskyi: “Doveri da richiamare al VAR”. E su Boga: “Non basta”

L’ex centrocampista viola Borja Valero, intervenuto a DAZN, ha commentato così il gol annullato a Malinovskyi durante la sfida fra Fiorentina e Atalanta: “L’errore più grande è stato non richiamare Doveri al VAR, facendogli vedere che il fuorigioco di Hateboer era ininfluente”. Lo spagnolo ha poi aggiunto un commento sui nerazzurri: “Boga oggi si sarebbe dovuto prendere più responsabilità”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Fiorentina-Atalanta 1-0 decide Piatek , espulso Gasperini per proteste

fiorentina-atalanta
La rovesciata di Nico Gonzalez

Fiorentina-Atalanta 1-0 , il gol di Piatek al 56′ .Espulso Gasperini dopo una rete annullata ai bergamaschi negli ultimi istanti di gara

La Fiorentina batte 1-0 l’Atalanta nel ‘lunch match’ della 26/a giornata di Serie A, disputato allo stadio ‘Artemio Franchi’ di Firenze. A decidere la partita il gol di Piatek al 56′. 

Espulso al 64′ il tecnico degli orobici Gasperini per proteste dopo l’annullamento del pareggio, realizzato da Malinovsky, per fuorigioco. In classifica i viola agganciano al sesto posto la Lazio e si portano a -2 dagli orobici e a -5 dalla Juventus con ancora una partita (in casa contro l’Udinese) da recuperare.

/ 5
Grazie per aver votato!

Nico Gonzalez contro l’Atalanta vorrebbe far esplodere la sua gioia .

Nico Gonzalez
L’argentino Nico Gonzalez

 Nico Gonzalez non fa gol da 4 mesi, ma più che altro la realtà lo costringe a crescere in fretta. ( Fonte : Fiorentina.it )

Nico Gonzalez già domani contro l’Atalanta vorrebbe far esplodere la sua gioia. È impaziente di liberare l’urlo per una rete personale che gli manca dal 24 ottobre con il Cagliari. In precedenza ci era riuscito contro il Torino alla seconda giornata di campionato e prima ancora con il Cosenza in coppa Italia.

Così talentuoso e altrettanto costoso non può confondersi con il gruppo. Ma ha bisogno di emergere, di essere protagonista e perfino leader. Dopo la partenza di Vlahovic, l’impressione è che sia l’attaccante esterno argentino l’uomo più indicato per trascinare la Fiorentina verso l’impresa. Il giocatore più caro della storia viola può prendersi il palcoscenico nel 2022 con la maglia numero 22. Sembra scritto nel destino del post-Dusan.

Leggi anche :

Nico sta crescendo, sta capendo sempre meglio il nostro campionato, ma sta anche cercando di arginare l’impazienza. Il rigore che avrebbe voluto tirare a tutti i costi contro la Lazio, se l’arbitro non avesse revocato il penalty, e l’insoddisfazione mostrata nel momento della sostituzione a Bergamo hanno attirato l’attenzione sulla sua volontà di essere protagonista. Una situazione che non è sfuggita a molti. Sicuramente non a Vincenzo Italiano che nei giorni scorsi ha ricordato a tutti, e soprattutto al giocatore, che va accettata ogni decisione. E che il bene superiore è sempre la squadra e non certo il singolo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Dragowski , il suo addio alla Fiorentina a giugno oramai è certo .

Dragowski
Il portiere della Fiorentina Bart Dragowski

Il portiere viola Dragowski , dopo aver perso il posto da titolare , probabilmente non rinnoverà il suo contratto con la Fiorentina .

L’addio a giugno di Dragowski pare ormai certo. Sia per il contratto in scadenza nel 2023 sia perché il portiere polacco nel corso di questa stagione ha anche perso il posto da Terracciano. Dunque a questo punto sembra interesse comune non continuare insieme. 

 Anche per questo, secondo quanto riporta Tuttosport, la Fiorentina si sta muovendo sul mercato a caccia del suo sostituto In Serie A piacciono Cragno (portiere del Cagliari) e Provedel (numero uno dello Spezia). Gabriel Batistuta , chiude la sua storia con la Fiorentina con 207 gol .

/ 5
Grazie per aver votato!

Ag. Torreira : ” Lucas è felice a Firenze , uno dei giocatori più amati “

torreira
Il giocatore uruguaiano Lucas Torreira

L’agente del giocatore uruguaiano Lucas Torreira ha cosi parlato riguardo al suo futuro in maglia viola :

Pablo Bentancur, agente del centrocampista della Fiorentina, Lucas Torreira ha parlato all’emittente uruguaiana Sport890 del futuro del suo assistito:

“La Fiorentina logicamente lo vuole comprare perché sta giocando molto bene. E’ tornato ad avere una continuità e una dinamismo impressionante. Adesso, l’Arsenal è un po’ arrabbiato perché volevano Vlahovic e la Fiorentina voleva venderglielo, ma gli agenti hanno detto che doveva andare alla Juventus: si fa sempre quello che vuole il giocatore…Lucas è felice a Firenze e penso che lo prenderanno, ad oggi è uno dei giocatori più amati dalla tifoseria”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Gabriel Batistuta , chiude la sua storia con la Fiorentina con 207 gol .

Gabriel Batistuta
Il Bomber della Fiorentina Gabriel Omar Batistuta

Il bomber della Fiorentina Gabriel Omar Batistuta , frantumò ogni record, chiudendo la sua lunga storia con la Fiorentina con 207 gol complessivi.

Nella città dei Medici Gabriel Omar Batistuta non arrivò preannunciato da squilli di fanfara: il vero crack della campagna acquisti di quell’anno doveva essere il connazionale Diego Latorre, suo compagno di squadra già ai tempi del Boca Juniors, del cui passaggio nel nostro campionato sono rimaste tracce assai flebili.

I primi mesi nel capoluogo toscano non furono facili nemmeno per Gabriel, che nel periodo di ambientamento ebbe anche qualche dissapore coi compagni di squadra. Batistuta svestì definitivamente la sua crisalide nel mese di febbraio del 1992, quando nel giro di pochi giorni sbloccò la sua mitragliatrice segnando la sua prima tripletta in serie A al Foggia zemaniano e marchiando con una doppietta una prestazione super contro la Roma all’Olimpico. 

Tredici gol al termine della prima stagione, sedici in quella successiva, ventisei nel 1995 e ventitrè nell’anno dell’addio a Firenze. In nove anni di permanenza in viola Gabriel frantumò ogni record, chiudendo la sua lunga storia con la Fiorentina con 207 gol complessivi.

Batigol zittì il pubblico del Camp Nou

Dal gol al Barcellona nella semifinale di Coppa delle Coppe del 10 aprile 1997, a seguito del quale Bati zittì con mimica eloquente il pubblico del Camp Nou, a quello segnato contro l’Arsenal a Wembley il 27 ottobre 1999: un gesto di rara forza fisica e precisione di tiro, sintesi delle qualità migliori del bomber di Reconquista.

Lanciato sulla destra all’ingresso dell’area di rigore, Batistuta, dopo aver dettato il passaggio, si portò la palla avanti col sinistro superando il proprio marcatore in velocità, prima di esplodere col destro un tiro che andò in diagonale all’incrocio dei pali opposto.

Articoli su Gabriel Batistuta

/ 5
Grazie per aver votato!

Baggio compie 55 anni , uno dei più grandi calciatori della storia italiana

baggio
L’ex calciatore della Fiorentina Roberto Baggio

Oggi 18 febbraio l’ex calciatore di Fiorentina , Juventus e Brescia compie 55 anni . Tanti auguri di buon compleanno campione .

Quest’anno le candeline da spegnere sono state cinquantacinque. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando i palati dei più fini intenditori con quelle di oggi, ti accorgi che a Roberto Baggio il tempo ha portato rispetto. Qualche chilo in più, gli occhi un po’ appesantiti, ancora, però, di quel colore chiaro disarmante, i capelli spruzzati di bianco ma non perduti, non lasciano dubbi sull’identità di chi ti trovi di fronte: il Divin Codino, il fiore notturno sbocciato nell’estate del 1990, il trascinatore dell’Italia nelle torride giornate di Usa 94.

La Fiorentina entra nel suo destino nonostante il primo infortunio serio della carriera. Il suo talento cristallino avrà sempre un nemico da combattere che, a seconda degli anni, si chiamerà sfortuna, dualismo con qualche compagno, incomprensione con un allenatore. Un talento che, paradossalmente, deve faticare per imporsi. Ma che si impone, diamine se lo fa! Firenze si inchina ai suoi piedi prima ancora di averlo veduto, regalandogli un amore che la città medicea prima di lui aveva riservato al solo Antognoni e dopo di lui rimetterà esclusivamente nelle braccia del bomber con la mitraglia venuto da Reconquista.

La Juventus lo vuole e lo prende, rubandolo a Firenze bussando a denari. Ragione e sentimento, ambizione ed affetti si scontrano fragorosamente in un trasferimento mal digerito, che l’anno successivo porterà ad un clamoroso doppio gesto nella trasferta bianconera a Firenze: il rifiuto a calciare un rigore contro la sua ex squadra e la raccolta di una sciarpa viola lanciata al suo indirizzo. Facile immaginare il disappunto in casa Agnelli, il cui massimo esponente troverà il modo di definirlo “un coniglio bagnato” nel corso della sua militanza bianconera.

E’ con la Juventus, tuttavia, che Baggio raccoglie il maggior numero di allori della sua carriera: Coppa Uefa nel 1993, scudetto e Coppa Italia nel 1995; capocannoniere della Coppa delle Coppe nel 1991; Pallone d’Oro, Fifa World Player e World Soccer’s World Player of the Year nel 1993. È il suo periodo di massimo splendore, che la spedizione azzurra negli Stati Uniti del 1994 potrebbe consacrare a livello assoluto anche per i titoli di squadra. 

I nostri articoli su Roberto Baggio

/ 5
Grazie per aver votato!

Roberto Baggio , la carriera e la vita privata del divin codino . ( Fotogallery )

Antognoni , baggio
Gabriel Batistuta , Roberto Baggio e Giancarlo Antognoni , a la Partita del Cuore

La vita privata e la carriera di Roberto Baggio , considerato il numero 10 più forte di tutti i tempi :

Roberto Baggio è nato il 18 febbraio 1967 (età 54 anni) a Caldogno (Vicenza). Figlio di Florindo Baggio e Matilde Rizzotto, abbandona gli studi senza conseguire il diploma. Inizia così la sua carriera calcistica con il Vicenza. Si mette in luce già nel settore giovanile, poi la sua rapida ascesa e il suo talento cristallino lo porteranno a vestire la maglia della Fiorentina. 

A due giorni dalla firma con la Viola subisce un grave infortunio al ginocchio destro. La Fiorentina ha la possibilità di recedere dal contratto ma il presidente del club decide di tenerlo. A causa del periodo di stop dopo l’operazione, perde 12 kg, e vive così isolato dal resto della squadra che si dimentica di incassare lo stipendio per cinque mesi. Ripresosi dall’infortunio, colleziona cinque presenze in Coppa Italia e disputa, nel febbraio 1986, il Torneo di Viareggio.

Esordisce in Serie A il 21 settembre 1986, grazie all’allenatore Bersellini, nella sfida casalinga di Firenze contro la Sampdoria. Il successivo 28 settembre subisce una lesione al menisco del ginocchio destro che lo costringe a una nuova operazione. Rientra in campo a fine stagione, a distanza di quasi due anni dal primo infortunio. Il suo primo gol nella massima divisione arriva su punizione il 10 maggio 1987 contro il Napoli (1-1). A partire dalla stagione 1987-1988, di cui è la rivelazione, può finalmente essere impiegato con buona frequenza, totalizzando 34 presenze e 9 reti fra tutte le competizioni.

Nel 1990 viene ceduto alla Juventus per la cifra-record, a quei tempi, di circa 25 miliardi di lire. La tifoseria viola, consapevole di perdere il proprio simbolo, scende in piazza protestando contro la dirigenza e il presidente Pontello. I disordini causano anche diversi feriti e arrivano fino a Coverciano, creando non pochi problemi al ritiro degli Azzurri in preparazione per il campionato del mondo 1990 e al giocatore stesso, che arriva a ricevere sputi da alcuni esagitati.

Nei 5 anni in maglia bianconera vince lo scudetto (94-95), una Coppa Uefa (92-93) e una coppa Italia (94-95). Nel 1993 riesce a conquistare anche il Pallone d’Oro. L’arrivo di Lippi e i contrasti con Agnelli mettono in discussione la sua permanenza a Torino e ad approfittarne è il Milan, che paga un indennizzo di 18 miliardi di lire e si porta a casa il Divin Codino.

Il percorso con la maglia azzurra è un percorso di gioie e dolori. L’esordio arriva nel 1988 (Italia-Olanda), mentre la prima rete arriva un anno dopo, in Italia-Uruguay 1-1. Protagonista nelle “Notti Magiche” del 1990, Baggio vive il momento migliore della carriera ai Mondiali americani del 1994. I problemi fisici e i contrasti con Sacchi ne limitano l’impatto nei gironi, ma dagli ottavi in poi trascina gli azzurri in finale mettendo a segno 5 gol .

Moglie, figli e vita privata di Roberto Baggio

Roberto Baggio , andreina fabbi
L’ex Fiorentina Roberto Baggio

E’ sposato con Andreina Fabbi dal 1999 e la coppia ha avuto tre figli. Nato cattolico, Baggio ha poi abbracciato il buddhismo. Dopo il suo ritiro dal mondo del calcio si è ritirato a vita privata, o almeno è quasi del tutto scomparso dal gossip. Il suo soprannome, il Divin Codino, è stato proprio lui a spiegare come è nato: “Nacque per scherzo: eravamo in America e facevo i complimenti a una cameriera che aveva dei bellissimi capelli ricci e la coda. 

I nostri articoli su Roberto Baggio

/ 5
Grazie per aver votato!

Monti : ” Odriozola lo spagnolo , un terzino che fa la differenza “

Odriozola
Il terzino della Fiorentina Odriozola

Gianfranco Monti grande tifoso viola ha cosi commentato il momento della Fiorentina :

Gianfranco Monti , tifoso della Fiorentina e conduttore ha espresso il suo pensiero sul momento della squadra : Colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente la Fiorentina ed Italiano perché da tifoso sono tornato a divertirmi. Partita dopo partita non ci si annoia mai, non vedo l’ora di vedere la prossima sfida per tentare l’assalto alla zona Europa. Davanti abbiamo la Roma che ha dei singoli di spessore, ma il gioco collettivo è molto deludente. 

Domenica arriva l’Atalanta di Gasperini e non sarà semplice, cercheranno una rivalsa dopo la sconfitta in Coppa Italia. Contro lo Spezia ho visto un ottimo Piatek, la punta sta crescendo nei movimenti e nell’intesa con i compagni. Altro singolo che merita elogi è certamente Odriozola, lo spagnolo è un terzino che fa veramente la differenza.

Tanta corsa, spinta offensiva e palloni recuperati, spero che a fine stagione possa rimanere a Firenze.

/ 5
Grazie per aver votato!

Spezia-Fiorentina 1-2 , i gol di Piatek e Amrabat all’89’ minuto .

Piatek , spezia-fiorentina
Piatek , la sua esultanza dopo il gol in coppa Italia conrtro l’Atalanta

Finisce 1-2 la gara tra Spezia-Fiorentina , la vittoria dei viola grazie alle reti di Piantek e Amrabat .

Finisce 1-2 la gara tra Spezia-Fiorentina : Lo Spezia di Thiago Motta perde 2-1 all’89 contro la Fiorentina dell’ex Vincenzo Italiano, non troppo amato dopo il brusco addio arrivato in estate e contestato con fischi e cartelli con l’immagine di un clown. 

 I liguri, reduci da quattro risultati utili di fila (3 vittorie e un pari) che li hanno portati al 15esimo posto della classifica, a +5 sulla zona rossa della retrocessione, cedono all’ultimo; dal canto loro i viola, reduci dalla qualificazione alle semifinali di Coppa Italia dopo la vittoria di Bergamo contro l’Atalanta, tornano al successo in campionato dopo due partite, ancora all’ultimo,

grazie alle reti di Piatek (terza in una settimana, ma dopo un rigore sbagliato, concesso per il fallo di Reca su uno scatenato Nico Gonzalez), dell’ex Agudelo e di Amrabat, autore dell’errore sul gol del pari e riscattatosi nel finale. Traverse per Gonzalez e Biraghi; Viola che si portano a -3 dall’Europa, con una gara ancora da recuperare.

/ 5
Grazie per aver votato!

Commisso : ” Siamo riusciti ad ottenere la vittoria perchè non abbiamo mai mollato “

Commisso
Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso

Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso dagli Stati Uniti commenta cosi la vittoria della propria squadra : ” Siamo riusciti a vincere perchè non abbiamo mai mollato “

Dagli Stati Uniti arrivano anche le parole del presidente Rocco Commisso dopo il successo della Fiorentina sullo Spezia. Un successo arrivato quando ormai sembrava sfumato, a dimostrazione che questa squadra non molla mai. Di tenacia e di caparbietà parla lo stesso Commisso nel suo intervento rilasciato al sito della Fiorentina: “Una partita sofferta in un’atmosfera davvero difficile – commenta il numero 1 viola -. Siamo riusciti a ottenere la vittoria perché non abbiamo mai mollato“.

Commisso accarezza a distanza Italiano, bersagliato dal suo ex pubblico: “Per Vincenzo non è stata una serata semplice, ma usciamo a testa alta e con 3 punti meritati”.

Una frase anche su Amrabat, protagonista prima dell’errore che ha regalato il pareggio allo Spezia, poi del gol vittoria, su Piatek e i tifosi:

“Sono contento per Amrabat che ha fatto un errore ma anche il gol della vittoria e per Piatek che è andato ancora a segno. Bravi ragazzi e un grazie ai nostri tifosi anche oggi vicino a noi”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Atalanta , un’altra serata di polemiche per le decisioni arbitrali .

Marino
Il dg dell’Atalanta Marino

Altra serata di polemiche dopo la gara contro la Juventus .  Marino: “Szczesny da rosso, De Ligt era rigore”

Altra serata di polemiche per gli episodi arbitrali, ieri, per l’Atalanta. Dopo le aspre contestazioni nel dopo gara di Coppa Italia con la Fiorentina, con Gasperini che rimase in silenzio lasciando al dg Marino i commenti nel dopo gara, lo stesso copione si è verificato nel post Atalanta-Juventus.

Il tecnico dei bergamaschi, prossimi avversari in Serie A proprio della Fiorentina (domenica prossima), è rimasto ancora una volta in silenzio. Marino, invece, ha tuonato nuovamente contro la direzione arbitrale: “Quello di Szczesny è un fallo da rosso e il fallo di mano di De Ligt è calcio di rigore. E’ stata un’ottima partita per l’Atalanta, c’è stato sempre lo spirito giusto ed è mancata un po’ di fortuna. La squadra ha dimostrato di poter lottare alla pari contro la Juventus, avevamo di fronte un avversario che veniva da tredici risultati utili consecutivi.

/ 5
Grazie per aver votato!

Spezia-Fiorentina , i 23 convocati da Italiano per la gara di stasera

Italiano
Vincenzo Italiano in conferenza stampa

L’allenatore della Fiorentina Vincenzo Italiano ha diramato la lista dei 23 calciatori convocati in vista della sfida di Serie A tra i viola e lo Spezia, in programma domani alle ore 20.45.

I convocati da Italiano per la gara di stasera tra Spezia-Fiorentina

1) AMRABAT Sofyan
2) BIRAGHI Cristiano
3) CALLEJÓN BUENO Josè Maria
4) CASTROVILLI Gaetano
5) DOS SANTOS DE PAULO Igor Julio
6) DRĄGOWSKI Bartlomiej (P)

7) DUNCAN Joseph Alfred
8) GONZALEZ Nicolas Ivan
9) IKONE Nanitamo Jonathan
10) MALEH Youssef
11) MARTINEZ QUARTA Lucas
12) MENDONÇA CABRAL Arthur
13) MILENKOVIĆ Nikola
14) MUNTEANU Louis
15) NASTASIĆ Matija
16) ODRIOZOLA ARZALLUS Álvaro

17) PIĄTEK Krzysztof
18) ROSATI Antonio (P)
19) SAPONARA Riccardo
20) SOTTIL Riccardo
21) TERRACCIANO Pietro (P)
22) TERZIĆ Aleksa
23) VENUTI Lorenzo

/ 5
Grazie per aver votato!

Italiano : ” Con lo Spezia per me sono stati due anni indimenticabili “

italiano
Il tecnico della Fiorentina Vincenzo Italiano

Il tecnico viola Vincenzo Italiano dalla sala stampa del Franchi ha risposto alle domande dei giornalisti : ( Fonte : Fiorentina.it )

Le parole del tecnico della Fiorentina Vincenzo Italiano in conferenza stampa :

“Anche per me quella con lo Spezia sarà come tutte le altre? Non esiste, non posso mai rispondere in questi termini. Per me sono stati due anni indimenticabili. Ho conosciuto persone straordinarie, dentro e fuori dal campo. Sarò per sempre grato a quella piazza e a quelle persone. Ne approfitto per dire anche che sono dispiaciuto per quello che sta circolando, per come la gente pensa di accogliermi, perché se c’è un errore che ho commesso è quello di aver comunicato alle persone che mi hanno voluto bene in quei due anni ciò che stava per accadere, ciò che era cambiato.

“In questo momento la nostra testa è solo alla partita di domani. Nelle ultime giornate di campionato abbiamo raccolto poco, dobbiamo cercare di ripartire in termini di prestazione e di punti raccolti. Siamo felici del risultato a Bergamo, l’avevamo preparata bene. L’Atalanta degli ultimi anni in casa è difficile da affrontare, anche a livello di prestazioni perché loro ti mettono alle corde con la loro manovra avvolgente. Riuscire a superare il turno in dieci e con tutte le difficoltà è stata una grande soddisfazione. Archiviata quella, pensiamo allo Spezia. Partita molto difficile, per come sta ora lo Spezia, per come spinge quello stadio dal primo all’ultimo minuto. Serve concentrazione massima per ripartire anche in campionato”.

SU PIATEK. “Ha una voglia matta di essere decisivo, di iniziare a ritagliarsi grande spazio nella Fiorentina. È un professionista esemplare, non lo conoscevo. Sa che se mette dentro anche il saper giocare lontano dall’area può allargare le sue conoscenze e le sue vedute calcistiche. Ha nelle corde di venire a legare il gioco, a mandare in porta i compagni come ha fatto con Nico Gonzalez con una sponda. I due gol e la grande prestazione mi fanno felice”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Piatek il pistolero , il suo obbiettivo far dimenticare Vlahovic .

Piatek
Piatek , la sua esultanza dopo il gol in coppa Italia conrtro l’Atalanta

Piatek , il polacco ha già segnato tre gol con la maglia viola: l’obiettivo è far dimenticare l’attaccante passato alla Juve . ( Fonte : Fiorentina.it )

 Piatek : Tre gol in 219 minuti, un centro ogni 73’ e la voglia matta di far sognare Firenze. Il “Pistolero” sta cercando in ogni modo di scacciare l’incubo Vlahovic e di trasformarlo in un ricordo lontano. Difficile, ma non impossibile come sta dimostrando con i fatti. Da quando è in viola l’attaccante polacco ha già fatto tre centri. Più di quanti il serbo ne abbia messi a segno in bianconero e cioè due in 180’ con la media di uno ogni novanta minuti giocati. In amore non sempre “chiodo schiaccia chiodo”. Ma su un campo di calcio il proverbio può funzionare. 

Aspettando Vlahovic da avversario :

Ora Firenze aspetta il faccia a faccia con Vlahovic. Doveva teoricamente attendere l’ultima giornata di campionato in programma il 22 maggio e invece, grazie all’impresa contro la Dea, può anticipare il confronto al 2 marzo nella semifinale di andata di Coppa Italia

Sarà una serata da brividi e adrenalina. Con Piatek che sogna già un’altra rete nella competizione in cui in carriera ha segnato più di tutti, ovvero 12 reti in 9 partite.

/ 5
Grazie per aver votato!

Borja Valero : ” Le parole di Vlahovic ? Non credo che sia una partita come le altre “

Borja Valero
Borja Valero , l’ex calciatore della Fiorentina

Le dichiarazioni dell’ex centrocampista della Fiorentina Borja Valero : Questa Fiorentina assomiglia alla mia . ( fonte : Fiorentina.it )

L’ex centrocampista della Fiorentina, Borja Valero ha parlato a RTV38:

Dopo anni in cui la squadra non ha fatto benissimo, adesso è in crescita: sono arrivati giocatori importanti e il mister sta facendo molto bene. Ci possono essere tante similitudini tra la nostra squadra e questa. Il ritorno di Vlahovic? Dopo tanti anni qui, non credo che potrà essere una partita come le altre, ma sicuramente ha detto così per stare un po’ più tranquillo perché non sarà semplice”. Vlahovic : ” Semifinale con la Fiorentina ? Sarà una partita come le altre “

/ 5
Grazie per aver votato!

Vlahovic : ” Semifinale con la Fiorentina ? Sarà una partita come le altre “

barone
L’attaccante serbo Dusan Vlahovic

L’attaccante della Juventus, Dusan Vlahovic ha parlato a Sportmediaset dopo la vittoria contro il Sassuolo: ( fonte : Fiorentina.it )

Ci vuole tempo per ambientarmi, siamo all’inizio. Sicuramente devo tanto ai miei compagni, al mister e alla società perché mi hanno accolto benissimo, nulla sarebbe possibile senza tutti loro. Per me è un onore essere qui. Con Dybala e Morata c’è grande intesa sia dentro che fuori dal campo, io cerco di ascoltarli per imparare da loro e cercare di arrivare ai loro livelli.

SEMIFINALE. “Penso solo alla partita e a vincere, il resto non mi interessa molto. Sarà una partita come le altre, noi alla fine siamo qui per giocare a calcio”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Atalanta-Fiorentina 2-3,Milenkovic al 93’regala la semifinale di Coppa Italia.

Atalanta Fiorentina
L’esultanza di Pjantek dopo il gol

Atalanta-Fiorentina 2-3 : La squadra di Italiano avanti con un rigore di Piatek, poi Zappacosta pareggia. Nella ripresa realizza Boga e Piatek risponde ancora. Nel finale espulso Quarta e i nerazzurri sfiorano quel tris che invece trova il difensore serbo all’ultimo secondo

Sarà la Fiorentina a sfidare in semifinale di Coppa Italia la Juventus, che ha battuto il Sassuolo. I viola infatti vincono 3-2 in casa dell’Atalanta dopo una partita incredibile ricca di colpi di scena. Passa subito la squadra di Italiano grazie a un rigore di Piatek, ma Zappacosta pareggia per i nerazzurri. Nella ripresa Boga realizza il 2-1. Serve ancora un rigore di Piatek (parato da Musso ma ribadito in rete dal polacco) per pareggiare i conti. 

Nel finale succede di tutto: Fiorentina in dieci per l’espulsione di Martinez Quarta, mentre l’Atalanta sfiora a più riprese il tris. Il 3-2 lo trovano invece gli ospiti all’ultimo secondo grazie a un tiro di Milenkovic.

Gasperini, perso Zapata per infortunio forse fino al termine della stagione, lascia in panchina Muriel per schierare davanti Malinovskyi, Pasalic e il neo acquisto Boga. Italiano invece ha perso Vlahovic nel mercato invernale e propone a Bergamo Piatek centravanti con Saponara e Nico Gonzalez a supporto. Passano 7′ e l’arbitro Fabbri viene richiamato al Var per un possibile fallo di de Roon su Gonzalez in area. In effetti l’olandese dà un pestone all’avversario sulla linea dell’area e il direttore di gara assegna il penalty. Piatek spiazza Musso e siamo 1-0 per la Fiorentina dopo soli 9′.

Sarà la Fiorentina a sfidare in semifinale di Coppa Italia la Juventus, che ha battuto il Sassuolo. I viola infatti vincono 3-2 in casa dell’Atalanta dopo una partita incredibile ricca di colpi di scena. Passa subito la squadra di Italiano grazie a un rigore di Piatek, ma Zappacosta pareggia per i nerazzurri. Nella ripresa Boga realizza il 2-1. Serve ancora un rigore di Piatek (parato da Musso ma ribadito in rete dal polacco) per pareggiare i conti. Nel finale succede di tutto: Fiorentina in dieci per l’espulsione di Martinez Quarta, mentre l’Atalanta sfiora a più riprese il tris. Il 3-2 lo trovano invece gli ospiti all’ultimo secondo grazie a un tiro di Milenkovic.

Piatek segna su rigore

Gasperini, perso Zapata per infortunio forse fino al termine della stagione, lascia in panchina Muriel per schierare davanti Malinovskyi, Pasalic e il neo acquisto Boga. Italiano invece ha perso Vlahovic nel mercato invernale e propone a Bergamo Piatek centravanti con Saponara e Nico Gonzalez a supporto. Passano 7′ e l’arbitro Fabbri viene richiamato al Var per un possibile fallo di de Roon su Gonzalez in area. In effetti l’olandese dà un pestone all’avversario sulla linea dell’area e il direttore di gara assegna il penalty. Piatek spiazza Musso e siamo 1-0 per la Fiorentina dopo soli 9′.

Pareggia Zappacosta

L’Atalanta fa fatica anche perché manca un vero e proprio riferimento offensivo, mentre i viola prendono confidenza e Musso deve deviare un bel tiro di Nico Gonzalez. Al 28′ l’argentino ci riprova a giro, ma il portiere di casa risponde ancora alla grande. 

L’Atalanta torna avanti nel secondo tempo, al minuto 56. E lo fa con il primo gol in nerazzurro di Boga, alla sua prima gara da titolare. L’ivoriano si libera con un gran dribbling al limite dell’area e con un rimpallo fortunato e, davanti a Terraciano, batte il portiere con un preciso destro sul secondo palo. Italiano adesso deve recuperare il risultato e inserisce Bonaventura e Sottil al posto di Castrovilli e Nico Gonzalez che non prende bene la sostituzione. 

Sul 2-2, Gasperini fa entrare Muriel e Pessina al posto di Pasalic e Malinovskyi. Italiano risponde con Ikone per Saponara. L’Atalanta adesso spinge alla ricerca del gol qualificazione, ma Pessina di testa non trova la porta, mentre Zappacosta coglie la traversa. Al 79′ Muriel scappa a Marinez Quarta che lo abbatte rimediando il secondo giallo e quindi l’espulsione. 

Milenkovic al 93′

Arriva invece l’incredibile 3-2 per i vola all’ultimo secondo quando dal limite Milenkovic, appena entrato al posto di Maleh a causa del rosso rimediato da Quarta, dal limite trova un tiro al volo rasoterra che si infila alla destra di un immobile Musso. Lunghissimo check Var ma la rete è regolare e la Fiorentina va in semifinale di Coppa Italia.

/ 5
Grazie per aver votato!

Italiano : ” Atalanta? Contro le grandi si può vincere anche senza Vlahovic “

Italiano
Vincenzo Italiano

 La viola, Oggi alle 18:00, scenderanno in campo al Gewiss Stadium contro l’Atalanta per i quarti di finale di Coppa Italia. Il tecnico dei gigliati Vincenzo Italiano presenta in conferenza stampa la sfida con la Dea.

La partita con l’Atalanta può essere quella di riscatto. Contro le grandi si può vincere anche senza Vlahovic?
“Sarà una gara importante, tutti ci tengono a passare il turno. Arriviamo da una brutta sconfitta, ora ci sarà una gara importante e vogliamo fare una bella figura. L’Atalanta è davvero forte, dobbiamo fare una grande partita: la posta in palio è alta”.

Di cosa ha bisogno Ikoné per entrare pienamente in squadra?
“La cosa certa è era abituato a giocare in un modo diverso. È una questione di meccanismi, di lavorare con o senza palla rispetto a come era abituato. Stiamo cercando di inserirlo. A Napoli, con gli spazi aperti, si è espresso bene. Deve solamente cambiare il suo modo di pensare, ma questo è accaduto per tutti già a Moena, serve adattamento con i compagni. Stiamo parlando di un ragazzo di grandi qualità che si sposa con il nostro modo di pensare. Platini ci mise 5 mesi, lui deve metterci un po’ meno”.

Il ko con la Lazio può essere figlio di una mancata concentrazione? La squadra magari già pensava alla Coppa Italia?
“Dopo Torino abbiamo reagito bene, non ti aspetti certe partite. La gara con la Lazio è stata molto diversa, siamo stati molto ingenui ma la partita è stata in equilibrio, anche se la Lazio ha vinto con merito. Abbiamo dimostrato in passato di saper reagire, nessuna sconfitta ha lasciato strascichi importanti”.

Cosa ne pensa della formula della Coppa Italia?
“Ognuno ha la propria opinione. Adesso non ci sono più le squadre di serie C, sarebbe bello un sorteggio integrale fin dalla prima giornata. Mi piacerebbe vedere questa formula, ma per adesso ci dobbiamo adeguare. Noi siamo stati bravi ad arrivare fin qui, adesso affrontiamo una delle squadre più forti d’Italia”.

In cosa deve migliorare la difesa?
“Nelle ultime partite eravamo riusciti a non subire gol. Nell’ultima partita abbiamo peccato di attenzione, dovevamo essere più svegli. Non abbiamo subito tantissimi gol, siamo nella media. Ci sono delle gare in cui se più fortunato, altre prendi un gol ad ogni tiro. Siamo la prima squadra in Italia a concedere meno tiri in porta, dobbiamo stare molto attenti in quelle poche volte che concediamo e limitare al massimo gli avversari. Pochi tiri, troppi gol subiti: dobbiamo stare attenti”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Italiano : ” Nico Gonzalez deve tornare al top della forma “

Nico Gonzalez
Il nuovo acquisto della Fiorentina , l’ argentino Nico Gonzalez

Le parole del tecnico della Fiorentina Vincenzo Italiano : ” Adesso c’è proprio bisogno che Nico Gonzalez torni al top della forma “

Gonzalez era e rimane un potenziale valore aggiunto della Fiorentina proprio per le qualità sopracitate, che uno ce l’ha per forza se le mette in mostra, ma nel calcio come in tante altre cose servono riprove continue e non basta fare sfoggio di. L’ex Stoccarda è chiamato a tirarsi fuori dal limbo in cui è gradualmente scivolato e che le difficoltà sue coincidano per certi versi con quelle della squadra viola non è né un caso, né tanto meno un problema aggiuntivo. 

Anzi, se le due cose collimano significa che possono pure eliminarsi a vicenda una volta trovata la soluzione giusta. Per quella della Fiorentina ci pensa Italiano, mentre Nico Gonzalez ne ha una sola da perseguire: tornare ad essere il calciatore che aveva fatto stropicciare gli occhi all’inizio della stagione, così da riprendersi la centralità nel progetto tattico.

/ 5
Grazie per aver votato!

Rayan , il bambino marocchino caduto nel pozzo è morto .

Marocco, il bambino caduto nel pozzo è morto: Rayan era stato estratto dai soccorritori  dal pozzo dove era caduto , ma oramai senza vita .

Rayan è morto. I soccorritori erano riusciti a portarlo fuori dal pozzo dove era caduto oltre 100 ore fa, ma il bimbo di 5 anni rimasto incastrato in un pozzo in Marocco da martedì era ormai senza vita.

Dopo giorni di scavi, una squadra di medici si è recata nel tunnel costruito per tirarlo fuori. Secondo fonti marocchine citate dall’Agi, il bambino era vivo al momento dell’uscita dal pozzo. «Una scena toccante e mai vista», aveva scritto il quotidiano Le Matin dando notizia della conclusione dell’intervento per estrarre il piccolo.Un reporter della Associated press, presente sul luogo, lo ha visto avvolto in una coperta gialla.

Poco dopo, però, un comunicato ufficiale ha annunciato la morte del piccolo. Il gabinetto della Casa Reale del Marocco ha confermato che «il bambino è morto a causa delle ferite riportate durante la caduta». Il re del Marocco, Mohammed VI, ha espresso le sue condoglianze alla famiglia.

Tutto era iniziato martedì, quando Ryan stava giocando davanti a casa nel villaggio di Tamrout, nel nord del Paese, 100 chilometri da Chefchaouen sui monti del Rif. Era pomeriggio, con lui c’era anche il papà che poi ha dichiarato: «Lo tenevo d’occhio ma è sparito all’improvviso, non l’ho visto più e non avevo capito che fosse caduto lì dentro».

Un volo di 32 metri nel pozzo asciutto di proprietà di famiglia. La fine della caduta in un punto la cui larghezza era di appena 25 centimetri.

/ 5
Grazie per aver votato!

Italiano : ” Bisogna lavorare per inserire i nuovi arrivati “

Italiano
Vincenzo Italiano in conferenza stampa

Le dichiarazioni dopo la sconfitta di mister Italiano : Bisogna avere pazienza , sono arrivati tre giocatori nuovi da campionati diversi e devono inserirsi . ( fonte : Fiorentina.it )

L’allenatore della Fiorentina, Vincenzo Italiano ha parlato a Sky Sport dopo la sconfitta con la Lazio:

“Credo che questa non è una partita da 0-3 per come avevamo giocato nel primo tempo e per come eravamo partiti nel secondo. Loro passano in vantaggio e tu commetti ingenuità clamorose come sul secondo, poi è dura recuperarla, ma ci può stare. 

In occasione del primo gol, il loro portiere calcia quasi dalla linea di porta e per puro caso si innesca uno sviluppo in cui prendi gol. In quell’occasione dovremmo riuscire a recuperare palla, ma ci può stare.

Inserire i nuovi arrivati

“Sono giocatori che arrivano da altri campionati, non abituati e le squadre vanno in ritiro per prepararsi e per mettere dentro meccanismi. Da noi sono arrivati tre ragazzi che arrivano da campionati diversi che si devono integrare in un gruppo. Ci vuole pazienza, non tantissima perché i punti bisogna farli e quindi si devono integrare rapidamente”.

Cabral ha giocato subito perché Piatek è stato male e Gonzalez è arrivato per la rifinitura. A quel punto acceleriamo il processo di inserimento. Il ragazzo in quei 4 allenamenti ha fatto vedere ottime cose. E’ un ragazzo che ha qualità, bisogna metterlo dentro e aspettare.

MERCATO. “Ho sempre detto che on vedevo l’ora che finisse, perché qualche distrazione te la porta. Questa sconfitta però non è figlia di tutto ciò. C’è anche un avversario forte. Abbiamo le forze per ripartire”.

/ 5
Grazie per aver votato!

Fiorentina sconfitta al Franchi , Sottil il migliore in campo .

Fiorentina
Artur Cabral , il nuovo giocatore della Fiorentina

La Fiorentina perde al Franchi per 3 a 0 contro la Lazio . Molte la insufficenze , male Nastasic e Torreira . Il migliore in campo Riccardo Sottil .

La Lazio vince 3-0 contro la Fiorentina. Primo tempo con diverse occasioni da entrambe le parti, nella ripresa poi, ci pensano Milinkovic e Immobile. Nel finale autogol di Biraghi causato da un diagonale di Immobile .

Terracciano: 6. Incolpevole sui tre gol, prova a tenere in piedi la Fiorentina con un paio di parate nel primo tempo (anche un’uscita non perfetta in realtà, ma rimedia poco dopo).

Venuti: 5,5. Una buona palla per Bonaventura nel primo tempo, poi poche discese e chiusure non sempre perfette dietro.

Milenkovic: 5,5. Parte discretamente bene e compie un ottimo intervento su Immobile nel finale di primo tempo, poi però insieme al reparto va in difficoltà sugli inserimenti dei biancocelesti.

Nastasic: 4. Torna titolare in campionato ma è protagonista in negativo negli episodi che tagliano le gambe alla Fiorentina. Prima perde il corpo a corpo che lancia Immobile per lo 0-2, poi resta inspiegabilmente fermo sull’altra fuga del centravanti biancoceleste sul tris che chiude i conti.

Biraghi: 5. Un bel cross per Cabral nel primo tempo, altri affondi meno proficui. Non assorbe il taglio di Milinkovic-Savic sullo 0-1, poi è sfortunato a infilare nella propria porta lo 0-3 nel tentativo di respingere il tiro di Immobile.

Bonaventura: 5,5. Ci mette un po’ più di inventiva negli ultimi metri, ma va ad intermittenza e non sempre gli riescono le solite giocate. Va vicino al gol nel primo tempo, nella ripresa serve una buona palla a Torreira che l’uruguaiano non riesce a sfruttare.

Arthur Cabral: 5,5. L’uomo più atteso, ma certo gli andrà concesso tempo e si sapeva. Non è Vlahovic soprattutto nel gioco per la squadra e nel dare soluzioni ai compagni con la palla lunga, ma stasera è stato anche poco servito. Un pallone buono, nel primo tempo, e si crea un bel colpo di testa che impegna Strakosha.

Sottil: 6,5. Il migliore per distacco della Fiorentina. Accelerazioni, spunti e bei palloni messi in mezzo, il rammarico è che viene servito poco dai compagni.

/ 5
Grazie per aver votato!

Striscione/Commisso , denunciato un tifoso viola .

commisso , la nazione
Rocco Commisso il patron della Fiorentina

Individuato il tifoso viola che avrebbe affisso un manifesto su Ponte Vecchio , dove ritrae il presidente della Fiorentina Rocco Commisso truccato come un Joker .

La scorsa settimana su Ponte Vecchio è stato affisso un fotomontaggio che ritraeva il presidente della Fiorentina Commisso truccato come Joker.

 Il manifesto è stato rimosso dagli agenti della Municipale ed è stato sequestrato dalla Polizia di Stato che ha avviato le indagini per risalire al colpevole.

La squadra tifoseria della Digos ha quindi ricostruito a ritroso, sempre con le telecamere cittadine, tutto il percorso a piedi e in scooter della persona che materialmente avrebbe affisso la gigantografia.

Così, sulla base delle prove sinora raccolte, è stato individuato un tifoso viola di 55 anni che è stato denunciato per diffamazione .

/ 5
Grazie per aver votato!

Buon compleanno Re Leone , Gabriel Batistuta compie 53 anni .

Buon compleanno
Gabriel Omar Batistuta

Tanti auguri di Buon compleanno al bomber della Fiorentina Gabriel Omar Batistuta che oggi compie 53 anni .

Tanti auguri di buon compleanno al Re Leone , oggi 1 febbraio compie 53 anni .

Tutti i nostri articoli su Batistuta :

/ 5
Grazie per aver votato!